Giro di Lombardia 2017: percorso e altimetria della classica monumento

Pubblicato il autore: Arrigo Santi Segui
giro-lombardia-2017-percorso-altimetria

Il percorso e l’altimetria del Giro di Lombardia 2017

Sabato 7 ottobre si corre il Giro di Lombardia 2017, l’ultima classica monumento della stagione. Terminati i Campionati del Mondo di ciclismo a Bergen, il Lombardia è l’appuntamento conclusivo di un’annata che ha riservato emozioni intense a tutti gli appassionati delle due ruote. Nonostante sia mancata la vittoria nei tre grandi giri da parte di un corridore italiano, il movimento è stato ugualmente protagonista con Vincenzo Nibali prima, Fabio Aru poi e ancora con lo Squalo al termine di una stagione per certi versi esaltante. Vero, è mancata la ciliegina finale, ma il Giro di Lombardia si presta ad un pomeriggio indimenticabile.

Il Giro di Lombardia ai raggi X

Il percorso del Giro di Lombardia 2017 misura 247 km. Prevede la partenza da Bergamo e l’arrivo a Como. Numerosi gli strappi che caratterizzeranno l’edizione di quest’anno, rendendo la corsa imprevedibile sia per i telespettatori da casa che per gli stessi corridori in gruppo. La prima salita di giornata è posta dopo 48 km dalla partenza, il Colle Gallo. Pendenze non impossibili, intorno al 6 per cento, per un totale di 7 km di ascesa. A circa metà percorso sarà la volta del Colle Brianza, tra le salite più semplici della gara in programma sabato.

Leggi anche:  Elia Viviani, anomalia cardiaca per il corridore. Le dichiarazioni

La corsa entrerà nel vivo dopo Bellagio, quando i corridori affronteranno la salita della Madonna del Ghisallo. Primi quattro km al 9 per cento di medie, con punte al 14 per cento. Al traguardo mancano 64 km. Dopo la discesa, nuova temibile salita: la Colma di Sormano. Gli ultimi due km sono durissimi, con una pendenza media al 16 per cento e punte che raggiungono il 25-27 per cento. Quindi giù in picchiata, verso Como. Al traguardo, mancano all’appello ancora due salite, probabilmente quelle decisive per il podio finale della corsa. A 21 km dalla fine inizia la salita di Civiglio, quattro km ad una pendenza compresa tra il 9 e 10 per cento. L’ultima salita è quella del San Fermo della Battaglia, uno strappo di 3 km con pendenza al 7 per cento. La discesa è lunga 4 km e porterà agli ultimi 1000 metri, di cui 700 tutti in rettilineo fino al traguardo di Como.

Leggi anche:  Fabio Aru ha ritrovato il sorriso. Le parole del corridore

I favoriti della vigilia

Il favorito d’obbligo del Giro di Lombardia 2017 è Vincenzo Nibali. Su un percorso quasi identico, nel 2015 lo Squalo siciliano pose la sua firma per la prima volta sulla classica monumento, riuscendo a guadagnarsi gloria eterna. Quest’anno ha tutto dalla sua parte. Oltre al percorso, Nibali può contare su una squadra straordinaria, con Pellizotti e Visconti che hanno palesato una forma fisica eccezionale nelle ultime settimane. Va da sé che in queste condizioni tutti si aspettino il secondo trionfo in tre anni di Vincenzo ma la concorrenza è alta e non starà a guardare, anzi.

Tra gli avversari più pericolosi di Nibali segnaliamo il francese Julian Alaphilippe, che agli ultimi Mondiali di Bergen, in Norvegia, ha ben impressionato in salita. Alaphilippe è uno specialista delle classiche, più del nostro Vincenzo Nibali, e quindi possiamo – dobbiamo – essere giustamente preoccupati per la sua presenza in gruppo. Un altro corridore che quest’anno ha sempre fatto bene è Rigoberto Uran. Dopo un più che positivo Giro d’Italia, il colombiano potrebbe far felice il suo popolo con la vittoria al Giro di Lombardia. Impossibile poi trascurare il team Sky, con il polacco Michal Kwiatkowski in grado di fare la differenza.

  •   
  •  
  •  
  •