Mondiali ciclocross 2018: Van Aert domina a Valkenburg, Bertolini splendido sesto

Pubblicato il autore: Andrea Biagini Segui


Sarà ancora il belga Wout van Aert a vestire la maglia iridata in questa stagione, grazie alla medaglia d’oro conquistata ieri ai Mondiali ciclocross 2018 di Valkenburg, nel Limburgo, davanti al connazionale Michael Vanthourenhout e al grande rivale, nonché favorito del giorno, Mathieu Van der Poel (Paesi Bassi).
Come dichiarato alla vigilia, la formazione belga ha cercato fin dai primi colpi di pedale a fare corsa dura, con il già due volte campione del mondo (nel 2016 e 2017) Van Aert che ha ben presto preso il comando della gara ingaggiando così l’atteso duello con Van der Poel. Tuttavia il neerlandese, quest’anno autentico mattatore in Coppa del Mondo di specialità (vinta dopo essersi imposto per sette volte in nove gare), è sembrato pagare il primo giro “a tutta”, dando il via libera a metà della seconda tornata al belga che, sfruttando soprattutto i tratti di corsa, ha aumentato giro dopo il giro il gap con il rivale, andando a vincere in solitaria dopo 1h09’00”. Nel frattempo, un Van der Poel sempre più in difficoltà nel percorso reso molto pesante dal fango e forse sotto pressione per le grandi aspettative nel mondiale di casa, si è visto costretto a cedere il passo anche all’altro belga Michael Vanthourenhout, riuscendo invece a difendersi dalla grande rimonta di Toon Aerts che avrebbe potuto completare un podio tutto a tinte nero-giallo-rosse.

Leggi anche:  Fabio Aru, anche la Bardiani apre le porte al corridore

Mondiali ciclocross 2018, un grande Gioele Bertolini conquista il sesto posto

Per quanto riguarda i nostri portacolori, ottima la prova di Gioele Bertolini, sempre tra i primi dieci ma soprattutto sesto al traguardo, primo rappresentante non belga o neerlandese a tagliare il traguardo. Ventinovesima posizione per Marco Aurelio Fontana, seguito a ruota dall’altro italiano Daniele Braidot, con il fratello gemello Luca che è invece stato costretto al ritiro per infortunio.
Soddisfazione da parte di tutto lo staff azzurro per questo importante risultato, difficilmente prevedibile sebbene proprio a Valkenburg, da under 23, Bertolini aveva già vinto nel 2016:“Sapevo che quella di Bertolini sarebbe stata una bella corsa, un sesto posto che per lui vale come una medaglia” – ha detto al termine della corsa il CT della Nazionale Fausto Scotti“Sono molto contento di Gioele, il suo è un ottimo risultato, soprattutto se si considera che è soltanto al primo anno Elite. L’Italia, per il futuro, può e deve puntare su di lui”. I commissario tecnico ha poi commentato anche le prove degli altri azzurri, partiti dalle retrovie non avendo punti nel ranking e dunque costretti subito ad inseguire, definendo comunque la trasferta mondiale “molto positiva, abbiamo potuto verificare le condizioni dei nostri giovani che si sono dimostrati in costante crescita. Ci tengo a ringraziare tutti gli organizzatori e le società sportive che continuano a creare percorsi per far fare palestra a questi atleti”.

Mondiali ciclocross 2018, ORDINE DI ARRIVO

1. VAN AERT Wout (Bel) in 1h09’00”
2. VANTHOURENHOUT Michael (Bel) a 2’13”
3. VAN DER POEL Mathieu (Ned) a 2’30”
4. AERTS Toon (Bel) a 3’16”
5. VAN DER HAAR Lars (Ned) a 4’29”
6. BERTOLINI Gioele (Ita) a 4’42”
7. MERLIER Tim (Bel) a 4’56”
8. SWEECK Laurens (Bel) a 5’21”
9. SOETE Daan (Bel) a 5’30”
10. CHAINEL Steve (Fra) a 5’51”

Leggi anche:  Nibali futuro commissario tecnico? Ecco la risposta del corridore

  •   
  •  
  •  
  •