Strade Bianche 2018: percorso, favoriti, diretta TV e streaming

Pubblicato il autore: Andrea Biagini Segui
during the 2015 Strade Bianche from to San Gimignano to Siena ll Campo on March 7, 2015 in Siena, Italy.

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Non saranno la neve caduta negli ultimi giorni, il freddo e la pioggia a fermare la Strade Bianche 2018, la corsa Eroica per eccellenza. Oggi infatti tutti e 147 i corridori, sette per ciascuna delle 21 squadre partecipanti (riduzione di un uomo, rispetto al passato, che ha interessato le gare di un giorno così come i grandi giri), saranno al via di Siena per dare spettacolo nella Classica del Nord più a Sud d’Europa: 63 km di sterrato suddiviso in 11 settori che faranno tornare indietro nel tempo i corridori, con l’aggiunta di condizioni meteo tutt’altro che benevole che renderanno la corsa ancora più dura di quel che già è.

Strade Bianche 2018, IL PERCORSO

Non cambia quasi nulla nel percorso della Strade Bianche 2018 rispetto alla passata edizione, se non per il passaggio da 175 a 186 km totali, con la corsa che si deciderà quasi certamente lungo uno degli undici settori sterrati oggi ai limiti della praticabilità.
Percorso molto mosso sia sul piano planimetrico che altimetrico, con la partenza fissata come da tradizione nei pressi della Fortezza Medicea. Il primo settore di strade bianche, quello di Vidritta (2.1 km), si troverà quindi al km 17.6, seguito nell’immediato dal secondo, a Bagnaia, lungo 5.8 km (aumentato rispetto all’anno passato, quando misurava 4.7 km) e prima vera asperità della corsa, sebbene presenti anche un breve tratto in leggera discesa. Da Ville di Corsano si raggiunge così Radi, dove inizia lo sterrato numero 3 (4.4 km) e subito dopo il 4° settore de La Piana (5.5 km, presente sin dalla prima edizione), che porta a Buonconvento. Da qui ci si dirige così verso l’ascesa di Montalcino, 4 km al 5% su strada asfaltata che danno inizio alle fasi calde della gara: dopo la conseguente discesa infatti, e dopo aver superato Torrenieri, si affrontano i settori 5 (Lucignano d’Assi) e 6 (Pieve a Salti) della Strade Bianche 2018, lunghi rispettivamente 11.9 km e 8 km e molto impegnativi, nervosi e con parecchie curve e saliscendi. Dopo il rifornimento fisso (R) al km 102.5, il gruppo raggiungerà Monteroni d’Arbia, dove ha inizio il 7° settore sterrato di San Martino in Grania (9.5 km) in mezzo alle crete senesi. Completati 130 km di corsa ecco arrivare uno dei possibili momenti cruciali della Strade Bianche 2018, quando si entrerà nel settore 8 intitolato a Fabian Cancellara, lungo 11.5 km e che prevede l’ascesa durissima di Monte Sante Marie. Qui la gara potrebbe prendere il verso forse decisivo, sebbene prima dell’arrivo manchino ancora tre settori, ovvero quelli di Monteaperti (800 m), Colle Pinzuto (2.4 km) e Le Tolfe (1.1 km), tutti con pendenze in doppia cifra ed inserite in un finale molto ondulato, con i tipici saliscendi che contraddistinguono il territorio toscano. Sterrati che si concluderanno dunque quando all’arrivo di Siena mancheranno ancora 12 km, tra cui gli ultimi 500 metri durissimi lungo via Santa Caterina, dove le pendenze arriveranno a toccare il 16%, prima della breve discesa finale che porta al traguardo posto in Piazza del Campo.

Leggi anche:  Johan Bruyneel tuona: "Il ciclismo è pieno di ipocriti. Lance Armstrong era meno dopato di gente come Basso e Ullrich"

Strade Bianche 2018, I FAVORITI

Sarà un casting stellare al via della Strade Bianche 2018 (ecco la start list completa), con i grandi nomi delle corse di un giorno tutti schierati a Siena per conquistare una classica che nel giro di pochi anni ha conquistato il cuore dei tifosi ma soprattutto dei corridori. Ci sarà ovviamente il campione uscente Michal Kwiatkwoski (Team Sky) che proverà nell’impresa mai riuscita fin qui di vincere due volte consecutive la gara, raggiungendo così quota 3 centri che significherebbe anche garantirsi l’assegnazione di un tratto di sterrato. Pronti a strappargli lo scettro ecco invece Greg Van Avermaet (BMC), secondo nel 2015 e 2017, Peter Sagan (Bora Hansgrohe), alle spalle del polacco già nel 2014, Tiesj Benoot (Lotto Soudal), Philippe Gilbert e Zdenek Stybar (Quick Step Floors) entrambi già vincitori di questa corsa e con il secondo che potrà sfruttare il suo passato da iridato di ciclocross, Sep Vanmarcke (Education First Drapac), Jasper Stuyven (Trek Segafredo) e Primoz Roglic (Lotto NL Jumbo). Tra gli italiani invece occhio invece a Moreno Moser (Astana), vittorioso nel 2013, Vincenzo Nibali e Sonny Colbrelli (Bahrain Merida), Daniel Oss (Bora Hansgrohe) che correrà in supporto di Sagan ma che se dovesse avere l’occasione non esiterebbe a sfruttarla, Gianni Moscon (Team Sky), ed infine Fabio Felline e Gianluca Brambilla (Trek Segafredo), terzo nel 2016 dopo una giornata in fuga ma a suo agio sullo sterrato, come dimostrato dal successo ottenuto nella tappa 8 del Giro di quell’anno, con lo sterrato dell’Alpe di Poti che gli permise di vestire la maglia rosa. Al via della Strade Bianche 2018 saranno però presenti anche uomini da grandi giri come Tom Dumoulin (Sunweb) e Romain Bardet (AG2R La Mondiale), oltre che Steven Kruijswijk (Lotto NL Jumbo) ed il nostro già citato Nibali. Infine, nota a parte per il tre volte campione del mondo di ciclocross Wout van Aert (Veranda’s Willems Crelan), invitato in extremis grazie ad un ulteriore pass e che in queste condizioni potrebbe far valere la propria esperienza, sorretto da un grande condizione come anche fatto vedere la scorsa settimana alla Omloop: attenzione quindi al belga, che a Siena potrebbe centrare il colpaccio neanche troppo a sorpresa.

Leggi anche:  Ciclomercato 2022, Ineos Grenadiers vuole Nibali? L'indiscrezione

Strade Bianche 2018, DIRETTA TV E STREAMING

Sarà possibile vedere la diretta tv della Strade Bianche 2018 a partire dalle 13.50 su Rai Sport, per poi passare su Rai 2 dalle ore 14.50. La corsa sarà poi disponibile in pay-per-view su Eurosport 2 a partire dalle 14, mentre il live streaming sarà presente sia su raiplay.it che su eurosportplayer.com, quest’ultimo a pagamento.

  •   
  •  
  •  
  •