Ciclismo, Giro d’Italia 2019: il regolamento principale dell’edizione numero 102

Pubblicato il autore: Andrea Riva


Ormai manca poco all’inizio del Giro d’Italia 2019 giunto all’edizione numero 102 che partirà sabato 11 maggio con la cronometro individuale di Bologna, di seguito andremo a scoprire quale sarà il regolamento principale della Corsa Rosa riguardante gli abbuoni, il tempo massimo e le classifiche a punti.

Giro d’Italia 2019, gli abbuoni:

I primi tre corridori classificati di ogni tappa in linea (quando viene dato il via a tutti i ciclisti contemporaneamente) verranno dati degli abbuoni che saranno validi per la classifica individuale e verranno così ripartiti:

  • 1° posto: 10 secondi
  • 2° posto: 6 secondi
  • 3° posto 4 secondi

Nelle cronometro non sono previsti abbuoni, mentre per i traguardi volanti (traguardo intermedio posto lungo il percorso di gara) che saranno uno per tappa, verranno assegnati anche in questo caso degli abbuoni:

  • 1° posto: 3 secondi
  • 2° posto: 2 secondi
  • 3° posto: 1 secondi

Giro d’Italia 2019, tempo massimo:

Questo regolamento prevede in base al tempo del vincitore di tappa, un tempo massimo entro il quale ogni corridore dovrà necessariamente tagliare il traguardo, chi non ce la dovesse fare verrà automaticamente escluso dalla corsa. Queste sono le regole con cui verrà calcolato il tempo massimo nelle varie tappe:

  • per la categoria a, tappe senza particolari difficoltà, il tempo del vincitore è aumentato:

del 7% se la media chilometrica è uguale o inferiore a 40 km/h
del 8% se la media è compresa tra 40 e 45 km/h
del 10% se la media è superiore ai 45 km/h

  •  per la categoria b, tappe di bassa difficoltà, il tempo del vincitore è aumentato:
    del 9% se la media chilometrica è uguale o inferiore a 37 km/h
    del 10% se la media è compresa tra 37 e 41 km/h
    del 11% se la media è superiore ai 41 km/h
  • per la categoria c, tappe di media difficoltà, il tempo del vincitore è aumentato:
    del 11% se la media chilometrica è uguale o inferiore a 35 km/h
    del 12% se la media è compresa tra 35 e 39 km/h
    del 13% se la media è oltre 39 km/h
  •  per la categoria d, tappe di alta difficoltà, il tempo del vincitore è aumentato:
    del 16% se la media chilometrica è uguale o inferiore a 30 km/h
    del 17% se la media è compresa tra 30 e 34 km/h
    del 18% se la media è oltre 34 km/h
  •  per la categoria e, tappe a cronometro individuale, il tempo del vincitore è aumentato del 30%

Giro d’Italia 2019, classifiche a punti

Per quanto riguarda la classifica a punti, che assegnerà la maglia ciclamino (determinata dai piazzamenti dei corridori al traguardo), i punti verranno sommati di volta in volta in base ai piazzamenti ottenuti da un singolo corridore sia all’arrivo che nei traguardi volanti, secondo queste modalità:

All’arrivo di ogni tappa saranno assegnati rispettivamente i punti:

categoria a e b: (primi 15 classificati) 50, 35, 25, 18, 14, 12, 10, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1
categoria c: (primi 10 classificati) 25, 18, 12, 8, 6, 5, 4, 3, 2, 1
categoria d,e: (primi 10 classificati) 15, 12, 9, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1

Per ogni traguardo volante (due per tappa) saranno assegnati rispettivamente i punti:

categoria a,b: (primi 8 classificati) 20, 12, 8, 6, 4, 3, 2, 1
categoria c: (primi 5 classificati) 10, 6, 3, 2, 1
categoria d: (primi 3 classificati) 8, 4, 1

Per la classifica di miglior scalatore, che assegna la Maglia Azzurra, saranno invece assegnati i punti in base ai passaggi al Gran Premio della Montagna. Ogni salita avrà ovviamente il suo grado di difficoltà e i GPM sono stati suddivisi in cinque categorie, che assegneranno i punti secondo la seguente modalità:

Cima Coppi: Punti per i primi 9 classificati: 45, 30, 20, 14, 10, 6, 4, 2, 1
GPM di 1^ categoria:  Punti per i primi 8 classificati: 35, 18, 12, 9, 6, 4, 2, 1
GPM di 2^ categoria: punti per i primi 6 classificati: 15, 8, 6, 4, 2, 1
GPM di 3^a categoria: punti per i primi 4 classificati: 7, 4, 2, 1
GPM di 4^ categoria: punti per i primi 3 classificati: 3, 2, 1

 

 

  •   
  •  
  •  
  •