Ciclismo, ecco il percorso del Giro 2016

Pubblicato il autore: Gennaro Esposito Segui

Ciclismo
La novantanovesima edizione del Giro d’Italia, che partirà il 6 maggio, prenderà il via dall’Olanda (precisamente ad Apeldoorn) e terminerà a Torino il 29 maggio. Si tratterà della dodicesima volta che il Giro comincerà dall’estero, e partirà per la terza volta in Olanda dopo Groningen del 2002 ed Amsterdam del 2010. A presentare l’edizione della cornice dell’Expo è stata Cristina Chiabotto insieme a quattro fuoriclasse come Peter Sagan, campione del mondo 2015, Alberto Contador, vincitore del Giro 2015, Alejandro Valverde, numero 1 della classifica Uci 2015, e Vincenzo Nibali, vincitore del Lombardia. L’edizione del 2015 del Giro d’Italia ha attraversato 600 comuni per un indotto totale di 35 milioni e ben 12 milioni di persone hanno seguito in prima persona il passaggio dei corridori sulle strade del Giro. Sono stati addirittura 192 i Paesi collegati via TV, a testimonianza della sempre più crescente importanza che sta acquisendo questa manifestazione. I chilometri da percorrere nel 2016 saranno 3.383 divisi in 21 tappe: le cronometro saranno 3, gli arrivi riservati ai velocisti saranno 7 mentre quelli riservati agli scalatori saranno 4 con salite davvero mozzafiato. Tre i giorni di riposo previsti. Ecco nel dettaglio il programma di tutte le tappe, da venerdì 6 maggio 2016 a domenica 29 maggio 2016:

1° (6 maggio) Da Apeldoorn ad Apeldoorn (9,8 km): si tratta di una cronometro individuale con poche curve
2° (7 maggio) Da Arnhem a Nijmegen (190 km): la tappa con il primo gran premio della montagna
3° (8 maggio) Da Nijmegen a Arnhem (189 km): arrivo per i velocisti con un occhio di riguardo al vento
4° (10 maggio) Da Catanzaro a Praia a Mare (191 km): prima tappa in Italia, 120 chilometri piatti più gli ultimi 15 di strappi
5° (11 maggio) Da Praia a Mare a Benevento (233 km): non è la tappa più lunga, il finale sarà un circuito cittadino di 6 chilometri
6° (12 maggio) Da Ponte a Roccaraso (165 km): ecco il primo arrivo in salita a Roccaraso, entreranno in azione i scalatori
7° (13 maggio) Da Sulmona a Foligno (210 km): tappa per i velocisti e molto veloce
8° (14 maggio) Da Foligno ad Arezzo (169 km): tappa di mezza montagna con 2 gpm, più 6 chilometri di strada sterrata
9° (15 maggio) Da Radda in Chianti a Greve in Chianti (40,4 km): è un’importante cronometro con salite a pendenze molto elevate
10° (17 maggio) Da Campi Bisenzio a Sestola (216 km): tappa molto complessa con la salita di Pian del Falco che presenta il 10% di pendenza
11° (18 maggio) Da Modena ad Asolo (212 km): saranno duri e movimentati gli ultimi 15 chilometri
12° (19 maggio) Da Noale a Bibione (183 km): tappa complicata dove potrebbero verificarsi delle sorprese
13° (20 maggio) Da Palmanova a Cividale del Friuli (161 km): cinque salite molto dure
14° (21 maggio) Da Alpago a Corvara (210 km): tappa dolimitica con 6 passi e il muro del Gatto con il 19% di pendenza. Ben 5.300 i chilometri di dislivello
15° (22 maggio) Da Castelrotto ad Alpe di Siusi (10,8 km): terza tappa cronometro, questa volta in salita
16° (24 maggio): Da Bressanone ad Andalo (133 km): tappa di mezza montagna
17° (25 maggio) Da Molveno a Cassano D’Adda (196 km): tappa relativamente tranquilla con brevi asperità, arrivo in volata
18° (26 maggio) Da Muggiò a Pinerolo (234 km): ecco la tappa più lunga del Giro, pianeggiante
19° (27 maggio) Da Pinerolo a Risoul (161 km): si sconfina in Francia, alta montagna con la Cima Coppi 2016 (2.744 metri con il Colle dell’Agnello)
20° (28 maggio) Da Guillestre a Sant’Anna di Vinadio (134 km): 4.000 i chilometri di dislivello, tappa molto complicata
21° (29 maggio) Da Cuneo a Torino (150 km): ultimo tappa da velocisti con passerella finale

  •   
  •  
  •  
  •