Ciclismo, il Giro d’Italia torna in Sardegna

Pubblicato il autore: Doro Thea Segui

La più nota competizione ciclistica italiana, meglio conosciuta come il Giro d’Italia, torna ad essere partecipe anche nelle strade della Sardegna: l’isola è pronta ad ospitare la nota corsa ciclistica. Tale novità, assente dalla Sardegna da oltre dieci anni, è sicuramente vista di buon occhio dal Presidente della Federazione Italiana Ciclismo, Renato di Rocco, che considera la novità come un buon punto di partenza.

“Poter immaginare un Giro che parta dalla Sardegna, che si sposti in Sicilia e che possa proseguire la sua corsa sula penisola è un qualcosa di davvero suggestivo: un dirigente e appassionato di ciclismo lo sa bene”. Queste le parole di Renato Di Rocco, in occasione della partecipazione della Sardegna come tappa per la corsa d’Italia più importante, che nel 2017 festeggerà il suo centenario. Presto, però, per conoscere i dettagli, come è presto per sapere qualcosa circa le tappe: il tutto sarà rivelato con calma, non prima di metà ottobre. Per adesso, basta già la notizia del Giro d’Italia in Sardegna per far felici gli abitanti dell’isola e non solo. La Sardegna, regione italiana ricca di bellezze, non può certo mancare alla competizione ciclistica più importante del nostro Paese.

Tra ciò che si vocifera, in ogni caso, pare che alcune tappe siano già definite ufficiosamente. Il Giro d’Italia toccherebbe Sassari, nonché l’immancabile capoluogo di Regione Cagliari con la sua Scala di Gocca e Olbia, con una intera tappa in terra gallurese. Tre, dunque, dovrebbero essere le tappe sarde per il Giro d’Italia 2017. Da considerare, inoltre, che uno dei più grandi ciclisti italiani, messosi recentemente in mostra in occasione delle Olimpiadi di Rio 2016, proviene proprio dalla Sardegna: si tratta di Fabio Aru.

Fabio Aru

Al via, dunque, al 100° Giro D’Italia, che quest’anno presenterebbe un novità assente da 10 anni. Si deve tornare al 2007, infatti, per vedere la Sardegna partecipare alla nota competizione ciclistica italiana. In quell’occasione, le tappe furono: la crono a squadre Caprera-La Maddalena e le tappe Tempio Pausania-Bosa e Barumini-Cagliari. Fu sicuramente una festa per tutta la Sardegna e un bel vedere anche in televisione. A distanza di 10 anni, adesso, la Sardegna potrà di nuovo mostrare le sue bellezze in tutta Italia in diretta tv.

In alternativa alla Sardegna, in ogni caso, si parla anche delle Marche come altra regione che potrebbe ospitare qualche tappa del Giro D’Italia. In occasione del centenario, potrebbe ritornare la famosa salita di Piancavallo, che vide trionfare il compianto Marco Pantani nel 1998, la Valtellina, la suggestiva San Pellegrino Terme e le infinite salite del Terminillo. Possibile, inoltre, la presenza di una tappa anche sul suggestivo Passo dello Stelvio, parlando di corse in montagna.

nibali3

Tornando alle bellezze isolane, invece, si vocifera di una presenza anche della Sicilia in occasione del centenario del Giro. Se ne parla, più che altro, data la presenza al Giro d’Italia dello “squalo” siciliano Vincenzo Nibali. Se la partenza avvenisse davvero a Sassari, si parla di un paio di tappe che riguarderebbero Messina. Ovviamente, è ancora presto per saperlo ma il Sindaco della città dello Stretto, Accorinti, afferma di non saperne nulla.

  •   
  •  
  •  
  •