Il Giro d’Italia sbarca nuovamente in Sardegna!

Pubblicato il autore: Aldo Loviselli Segui

fabio-aru-ha-vinto-la-terza-tappa-del-giro-del-delfinato-2016
SardegnaLive.net lancia la notizia a cui manca solo l’ufficialità, ma non lascia spazio a dubbi. Nell’anno del centenario del Giro d’Italia lo stesso potrebbe sbarcare nuovamente in Sardegna, lasciando all’isola l’onere di essere la papabile tappa di partenza. La volontà è quella di celebrare il centenario toccando tutte le regioni italiane con almeno una tappa, quindi sembra essere scontata la presenza dell’isola sarda proprio nella tappa di partenza del Giro. A questo proposito anche le parole del presidente della F.C.I (Federazione Ciclistica Italiana) lasciano veramente pochissimi dubbi:
Immaginare un giro che partendo dalla Sardegna si sposta in Sicilia e prosegue la corsa su tutta la penisola è quanto di più suggestivo un dirigente, un appassionato, un tifoso si possa aspettare dalla più importante corsa ciclistica italiana dell’anno, soprattutto nell’anno in cui il Giro festeggia il suo centenario – Continua Renato Di RoccoInoltre RCS ha grande cura dell’organizzazione, sul territorio invece vengono attivati comitati che lavorano sulla logistica e con le istituzioni e le amministrazioni locali che contribuiscono nel portare avanti la loro parte di lavoro. Comunque il tutto verrà reso pubblico ad ottobre, comprese tutte le tappe in programma“.
Il programma del Giro infatti verrà reso noto nelle prossime settimane a Milano durante la presentazione ufficiale della corsa Rosa.
Il Giro d’Italia, quindi, a dieci anni di distanza, dall’ultima apparizione, sembra proprio sbarcare in terra sarda.
Il presidente Di Rocco continua:
Ci piace immaginare anche la spinta che potrebbe dare la Sardegna ad una manifestazione come il giro e ci piace l’idea della spinta che il giro può dare al movimento ciclistico locale. Non possiamo dimenticare anche il testimonial più rappresentativo ed eccezionale che questa terra possiede di diritto, Fabio Aru, grande protagonista delle corse e già olimpionico a Rio de Janeiro“.
Niente d’ufficiale quindi, ma le voci sembrano proprio confermare il tutto: la Sardegna torna nel Giro d’Italia. Guardando a ritroso, e precisamente al 2007, le tappe dell’isola erano ben tre: la crono Caprera – La Maddalena, la Tempio Pausania – Bosa e la Barumini – Cagliari. Quelle tappe furono vere e proprie feste dello sport. Tutta la Sardegna sperava in un ritorno della corsa più famosa d’Italia, soprattutto in questo momento in cui può puntare tutto nel giovane più promettente del panorama ciclistico italiano, il sardissimo Fabio Aru.
Le tappe sarde che invece dovrebbero essere presenti nel prossimo Giro d’Italia sono: Sassari, Olbia e Cagliari, sedi deputate a tenere il battesimo del centenario di questa importantissima corsa.
Di Rocco si sofferma poi sull’organizzazione del centenario dichiarando che:
Un’organizzazione rodata e capillare come quella che accompagna il Giro ha bisogno dei suoi tempi, ma vive anche di automatismi sicronizzari – continua – Non penso che ci siano ritardi nell’organizzazione e credo che il tutto possa evolversi con i giusti tempi. In questo momento il ciclismo italiano, inoltre, attraversa un momento positivo e bisogna supportarlo con entusiasmo, inoltre dobbiamo creare entusiasmo tra la gente, fra i praticanti e fra gli appassionati“.
La novità non è solo il ritorno della Sardegna fra le tappe del giro ma anche la riscoperta della salita dello Stelvio, la cima di Coppi, oltre alle già presenti salite del Terminello e del Piancavallo. La proposta sul riportare la salita dello Stelvio nel Giro arriva dalla Valtellina, dunque è assolutamente probabile che la scalata avvenga, anche questa volta, dal versante del Bormio.
A.L

  •   
  •  
  •  
  •