Giro d’Italia 2017, Thibaut Pinot conferma la sua partecipazione: “Sarà una corsa spettacolare”. E anche Bauke Mollema…

Pubblicato il autore: Luca Santoro Segui
Thibaut Pinot conferma il proprio debutto al Giro d'Italia 2017

Thibaut Pinot (FDJ) conferma il proprio debutto al Giro d’Italia 2017

Per il Giro d’Italia 2017 si inizia a delineare quella che sarà la start list dei corridori che proveranno non solo a partecipare, conquistare delle tappe o mettersi a disposizione della propria squadra, ma anche a succedere al vincitore uscente Vincenzo Nibali.

Giro d’Italia 2017: Thibaut Pinot pronto a competere per il vertice della classifica

E’ notizia di queste ore che il francese Thibaut Pintot, portacolori della FDJ e leader della squadra, abbia deciso di sciogliere la riserva e rivelare che il Giro d’Italia 2017 sarà uno degli obiettivi principali della sua prossima stagione, con lo scopo di ottenere la vittoria nella classifica principale.
Per Thibaut Pinot si tratterebbe di un debutto nella corsa rosa e quest’anno, in occasione del centenario dell’evento organizzato da RCS Sport, pare sia arrivato il momento giusto non solo per parteciparvi ma per far saltare il banco: “Voglio assolutamente fare il Giro d’Italia 2017” ha dichiarato senza tentennamenti al magazine L’Equipe, che riporta anche altri dettagli su come il francese ha intenzione di affrontare e gestire le prossima stagione. “E’ un percorso molto attraente – prosegue il corridore della FDJ – Ci sono due arrivi in saliti e due prove contro il tempo. Diventerà subito una corsa spettacolare, con l’arrivo sull’Etna il quarto giorno“.
Il vulcano siciliano, assieme al Blockhaus in Abruzzo, saranno infatti le salite protagoniste che già dalla prima settimana rappresenteranno una sfida inedita ed impegnativa per i corridori; ciò significa che il Giro, gara imprevedibile e che richiede ai ciclisti la massima cura ed attenzione, mai come quest’anno imporrà agli atleti di stare all’erta.
Thibaut Pinot, in particolare, con i Grandi Giri non ha mai avuto grande fortuna, in particolare con il Tour de France: nonostante abbia concluso l’edizione del 2014 al terzo posto nella classifica generale (dietro il connazionale Jean-Christophe Péraud e il nostro Nibali) ed abbia vinto una tappa nel 2012 e un’altra con il prestigioso arrivo all’Alpe d’Huez nel 2015, d’altra parte le sue ambizioni si sono scontrate con la dura realtà di due ritiri, incluso quello bruciante dell’edizione 2016.
Un anno, quello in corso, che ha visto Thibaut Pinot partire bene con vittorie nelle prove a cronometro al Critérium International, al Tour de Romandie e persino nel campionato nazionale francese (nonostante il time trial non sia il suo terreno d’elezione, avendo caratteristiche da grimpeur) ma conclusosi con le delusioni del Tour e la decisione di non partecipare alla Vuelta, concludendo anzitempo la sua stagione. Al quotidiano Liberation ha aggiunto: “Voglio tornare a competere nella dinamica di ottenere un buon piazzamento nella classifica generale di un corsa di tre settimane. Vengo da due fallimenti in questo senso nel Tour de France – o, per meglio dire, un fallimento e mezzo, se consideriamo la mia vittoria all’Alpe d’Huez. Onestamente – conclude Thibaut Pinot – sarebbe interessante rompere la routine per testare una salita come quella dello Stelvio che non ho mai affrontato prima d’ora“.
E così, se il suo connazionale (e rivale) Romain Bardet il prossimo anno si concentrerà esclusivamente sulla Grand Boucle, Thibaut Pinot ha insomma deciso di sfuggire alla pressione della corsa in casa e giocherà in trasferta, sfidando al Giro d’Italia 2017 Nibali, Fabio Aru, Steven Kruijswijk, probabilmente Esteban Chaves e forse Tom Dumoulin (in attesa che altri confermino la propria partecipazione) per le posizioni di vertice.

Giro d’Italia 2017: non solo  Thibaut Pinot, conferma anche Bauke Mollema

Anche Bauke Mollema (Trek-Segafredo) sarà al via al Giro d'Italia 2017

Anche Bauke Mollema (Trek-Segafredo) sarà al via al Giro d’Italia 2017

 

Thibaut Pinot troverà come avversario per la classifica generale anche Bauke Mollema. Ai microfoni di Cyclingnews l’olandese della Trek-Segafredo conferma infatti la sua partecipazione: “Si, andrò al Giro d’Italia 2017. L’idea ce l’avevo in testa sin dal Tour de France e quando ho saputo che Alberto [Contador] ci avrebbe raggiunto nel team. Nelle ultime settimane abbiamo finalizzato il tutto con la squadra. Parteciperò anche alla Grande Boucle nel 2017 ma con l’obiettivo di aiutare Contador a vincere la corsa“.
Quindi anche Mollema, tre volte in top ten generale al Tour e 11esimo quest’anno, vincitore della classifica a punti alla Vuelta nel 2011 e quest’anno della Clàsica di San Sebastiàn, punta alla vittoria finale per migliorare quel 12esimo posto al Giro 2010.
A pochi mesi dal via al Giro d’Italia 2017 (che a dispetto delle notizie circolate in questi giorni vedrà al via squadre con nove corridori e non otto come previsto tra i tre maggiori organizzatori della corse World Tour, per via dell’opposizione dell’UCI) si profila insomma una start list che onorerà per prestigio l’edizione del centenario.

  •   
  •  
  •  
  •