Percorso Tappa 19 Tour de France, terribile indigestione di salite

Pubblicato il autore: Andrea Danzi Segui

tappa 19 tour de france 2015 altimetria

Venerdì 24 luglio, alta montagna con arrivo in salita.
La diciannovesima tappa del Tour de France 2015, da Saint Jean de Maurienne a Le Toussuier – Les Sybelles (138 km), può essere definita come la tappa regina di questa edizione, non tanto come chilometraggio, ma come difficoltà. Quando c’è un inizio in salita e la tappa è breve, di solito si prevedono sfracelli e spettacolo. La prima difficoltà di giornata è il Col du Chaussy (1ª cat, 15,4 km al 6,3%) seguito poi dal Col de la Croix de Fer (HC, 22,4 km al 6,9%), ovvero il Glandon risalito dalla parte opposta rispetto alla tappa di ieri, dal Col du Mollard (2ª cat, 5,7 km al 6,8%) e infine, dopo 16 km di discesa tortuosa soprattutto nei primi 10 km, dall’ascesa conclusiva verso La Toussuire (1ª cat, 18,0 km al 6,1%). La partenza verrà data alle 13.25.

Meteo Tappa 19 Tour de France

Il cielo velato con temperature miti (20°C) della partenza lascerà spazio a nuvole minacciose con precipitazioni sparse lungo il percorso. Il sole non tarderà a risplendere sulla tappa e anche il gran caldo (35°C) soprattutto nelle vallate, ma in prossimità dell’arrivo si prevedono ancora temporali che renderebbero difficili e spettacolari i km finali.

Favoriti Tappa 19 Tour de France

Con un inizio così duro in salita sarà difficile per le squadre tenere sotto controllo la corsa, a meno che non ci sia comune accordo di non belligeranza sin dai primi km. La salita finale verso La Toussuire ha sempre causato problemi, essendo una salita dura che può dare il colpo di grazia a chi non si è correttamente alimentato e idratato durante i km precedenti. Tappe così brevi incentivano lo spettacolo e la speranza è che ci siano attacchi da lontano e che i big si muovano senza lasciarsi prendere dalla tentazione di arrivare insieme fino ai -5 dal traguardo.

tappa 19 tour de france 2015 planimetria

  •   
  •  
  •  
  •