9°tappa Tour de France: vittoria Dumoulin, Contador lascia il Tour

Pubblicato il autore: Eugenio Usai Segui

TDFc

Come sempre il Tour de France non è avaro nell’offrire spettacolo ed emozioni, e lo ha dimostrato in questa 9°tappa svoltasi nei Pirenei di Spagna e Andorra, il cui finale è stato contraddistinto da una feroce gradinata che ha colpito i corridori agli ultimi dieci chilometri. A vincere la tappa è stato l’olandese Tom Dumoulin, che ha condotto una efficace fuga finale e ha affrontato l’ultima durissima salita con una buona pedalata, notevole per uno non che eccelle nelle salite. Il percorso prevedeva ben cinque Gran Premi della Montagna, i quali, la maggior parte, sono stati conquistati dal francese Thibault Pinot, attuale leader della classifica dei migliori scalatori. Sebbene ci sia stata anche un interessante battaglia nel gruppo maglia gialla, il colpo di scena di questa tappa è stato il ritiro dal Tour di Alberto Contador, avvenuto quando mancavano 94 km al traguardo.
Il ritiro di Contador e la vittoria di Dumoulin

Un ottimo Thibault Pinot, viste ormai le sfumate possibilità di vittoria della classifica generale, rincorre l’obbiettivo della maglia a pois e risulta uno dei più combattivi e determinati per raggiungere il titolo comandando per un lungo tratto il gruppo dei primi. Nella prima parte della corsa il polacco Rafal Majka e il belga Thomas De Gendt si oppongono al talento francese formando il gruppetto di testa e “dandosele” a colpi di scatti; in seguito si unirà il giovane Diego Rosa dell’Astana, che darà battaglia e raggiungerà un buon ottavo posto all’arrivo finale. Peter Sagan taglia il traguardo davanti e s’avvicina al primo posto della classifica a punti, su cui svetta Mark Cavendish. Alberto Contador, che non era partito male unendosi al gruppetto in fuga, si ritira più o meno a metà percorso: lo spagnolo, oltre ad accusare ancora i problemi derivanti dalle sue due cadute, ha avuto un attacco di febbre in mattinata che, aggiunto alle sue già precarie condizioni, lo ha costretto a lasciare la gran boucle. Il numero di fuggitivi si riduce sempre di più, il portoghese Rui Costa tenta l’allungo per la vittoria di tappa, ma ecco che “la farfalla di Maastricht” Tom Dumoulin scatta poco prima dell’ultima salita e riesce ad accumulare abbastanza vantaggio in scalata per potersi permettere di togliersi la soddisfazione di vincere la sua prima tappa al Tour de France. A completare il podio ci sono Rui Costa e Rafal Majka.

Froome sempre maglia gialla; Aru perde ‘1

Si sa già la forza e compatezza del Team Sky, ma non si può fare a meno di non rimanere stupiti dal ritmo veloce e incessante che impone agli avversari, i quali devono fare uno sforzo straordinario solo per rimanergli attaccati alle ruote. Nairo Quintana, primo sfidante di Chris Froome per la vittoria di classifica generale, ancora attende il momento adatto per compiere un vero e proprio attacco, ma quando l’inglese compie i suoi bei strappi in salita, il colombiano tiene botta, come è stato visto oggi. All’arrampicata finale ci prova Richie Porte a destare l’attenzione del freddo britannico, che risponde alla provocazione in maniera lucida con Quintana incollato alla sua ruota posteriore. Notevoli le risposte di Adam Yates e David Martin, rispettivamente secondo e terzo posto in classifica. E’ con piccolo rammarico si denota la difficoltà di Fabio Aru a stare dietro agli atleti di altissima classifica: il sardo è rimasto staccato e Vincenzo Nibali non è riuscito a dargli una mano a stare appresso i migliori, visto che anche lui ha sofferto il mostruoso ritmo degli avversari minori. Aru è comunque ad una distanza non troppo lontana (1,23) e probabilmente ci riserverà delle sorprese quando arriveranno alle Alpi; il podio per il ragazzo di Villacidro è ancora a portata di mano, ma per quanto riguarda l’incoronazione al Tour, i tempi sono prematuri.

9°tappa classifica generale

1   FROOME Christopher    44hrs 36’03”
2    YATES Adam    44hrs 36’19”    + 00′ 16”
3    MARTIN Daniel    44hrs 36’22”    + 00′ 19”
4    QUINTANA ROJAS Nairo Alexander    44hrs 36’26”    + 00′ 23”
5    RODRIGUEZ Joaquim    44hrs 36’40”    + 00′ 37”
6    BARDET Romain    44hrs 36’47”    + 00′ 44”
7    MOLLEMA Bauke    44hrs 36’47”    + 00′ 44”
8    HENAO MONTOYA Sergio    44hrs 36’47”    + 00′ 44”
9    MEINTJES Louis    44hrs 36’58”    + 00′ 55”
10    VALVERDE BELMONTE Alejandro    44hrs 37’04”    + 01′ 01”

Fabio Aru 13° a + 01′ 23”

  •   
  •  
  •  
  •