L’informazione partecipativa per chi ama lo sport

Interviste D valore, Eugenio Licciardello: “Il calcio insegna valori che al giorno d’oggi sono difficili da trovare”


L’attaccante classe 2000, Eugenio Licciardello, dimostra di avere le idee ben chiare sul proseguimento della stagione del FC Messina. Nonostante la giovane età, il bomber siciliano da vero leader, rilancia le ambizioni della squadra dello stretto attualmente terz’ultima nel Girone I di Serie D. Eugenio Licciardello dopo una breve parentesi in terra romana, è tornato nella sua isola per dimostrare tutte le sue qualità a suon di gol.

Benvenuto Eugenio Licciardello, giovane attaccante del FC Messina. Dopo una parentesi nell’Ostia Mare Lido Calcio sei tornato nella tua Sicilia. Cosa ti ha spinto a tornare a ‘casa’? 

Grazie per il benvenuto. Diciamo che noi siciliani abbiamo un debole per la nostra terra, c’è stata la possibilità di tornare ed ho sposato subito il progetto che mi è stato proposto.

L’inizio del campionato non è partito nel migliore dei modi per il Messina. Ad ogni modo la qualità della rosa è in grado di risalire la classifica. Voi giovani come vivete in questo momento le dinamiche dello spogliatoio? Cosa ti aspetti da questa stagione? 
Dalla stagione ci aspettiamo molto anche se non è l’inizio che tutti desideravamo. All’interno dello spogliatoio sia noi giovani che i veterani, non viviamo la situazione in modo tranquillo però lavoriamo tutti i giorni al massimo con determinazione e dedizione. I periodi ‘no’ ci sono per tutti anche per le grandi squadre.

Ci racconti il tuo ricordo calcistico più bello e il momento più difficile?
Il goal con il Napoli in Coppa Italia Primavera sicuramente è uno dei ricordi più belli. Venivo da un lungo infortunio ed è stata un’emozione unica. Il periodo più difficile è sicuramente stato legato alla situazione Covid. Tempi duri per me come per altri milioni di ragazzi che non hanno avuto la possibilità di divertirsi e nello stesso tempo di fare il lavoro più bello del mondo.

Oltre al calcio, hai altri progetti per il futuro?
Si, sicuramente. Finita la carriera calcistica, speriamo il più tardi possibile, vorrei aprire un’attività basata sull’abbigliamento.

Cos’è il calcio per te?
Il calcio è tutto: gioia, dolore, sacrificio, amicizie. Ti insegna a stare in mezzo alla gente e insegna valori che al giorno d’oggi sono difficili da trovare.