“Di padre in figlio” LIVE: cronaca e dichiarazioni della ‘notte dei laziali’

Pubblicato il autore: Luca Vincenzo Fortunato Segui

curva nord

E’ tutto dallo Stadio Olimpico di Roma: ‘Di Padre In Figlio’ finisce con un lungo applauso dopo i vari ringraziamenti. La ‘notte dei laziali’ ha rispettato le aspettative e ha dimostrato quanta voglia di tifare ci sta ancora in questa tifoseria. Grazie per l’attenzione, a risentirci.

FINISCE IL MATCH! La Lazio del primo scudetto vince 2-0 e si aggiudica il triangolare!

RADDOPPIO 1973/74! Ci pensa Portanova nella mischia in area a trovare il secondo gol e a chiudere virtualmente il match

GOL LAZIO 1973/74!  Tommaso Rocchi approfitta dell’appoggio sbagliato al portiere dell’avversario e trafigge la porta! E’ 1-0

Inizia l’ultimo match, quello fra i due scudetti: Lazio 1973/74 vs Lazio 1999/2000

Interviste lampo per Delio Rossi: ‘Penso che queste serate servano a ribadire che non c’è futuro se non si ha rispetto del passato. Forza Lazio!’. Come ultima battuta parola al giocatore in campo Cristian Ledesma che usa parole dolci verso i tifosi: ‘Anche nei momenti non belli loro ci sono e questo è quello che conta!’

In attesa dell’ultimo match, sguardo proiettato al display con le immagini del 26 Maggio 2013

Fischio finale: LAZIO -9 vs LAZIO 1999/2000 finisce 0-0!

Dopo la commozione di Mogol, si ricomincia con la seconda gara: Lazio -9 vs Lazio 1999/2000

Parte adesso la canzone ‘I giardini di Marzo’ di Lucio Battisti: luci ed emozioni all’Olimpico!

Compare uno striscione in NORD: ‘Per quanto i vermi ci vogliano lontano, torneremo a prenderci il domani!‘ firmato ‘I Diffidati’

Leggi anche:  Coppa Italia e Supercoppa femminile: come saranno quest'anno?

Finisce il primo match: LAZIO 1973/74 – LAZIO -9  finisce 2-0!

Traversa per Lazio -9 dopo il calcio di rigore tirato da Ruben Sosa!

RADDOPPIO Lazio 1973/74!

PRIMO GOL per la Lazio 1973/74: segna l’intruso Tommaso Rocchi con un destro ad incrociare davvero pregevole al 16′. E’ 1-0

Si schierano le squadre in campo: sarà Lazio 1973/74 vs Lazio -9

Dopo i cori lanciati dall’ultras Sandro da centrocampo, è il momento della sciarpata sulle note di ‘So già due ore’

Ospiti a sorpresa: Alessandro Calori e i supporter della Curva Nord. Le prime parole del capo ultras sono rivolte a Cragnotti: ‘E’ un’emozione forte. Anche vedere la Curva Nord piena come dovrebbe essere in futuro. Noi abbiamo fatto grande la Nord, ma il presidente Cragnotti ha fatto di più: ci ha fatto arrivare nel calcio che conta e oggi dobbiamo essere orgogliosi di questa persona. Dico grazie e mi inginocchio davanti al più grande presidente della Lazio, il numero uno al mondo!’. Poi uno sguardo sulla situazione attuale: ‘E’ stato un anno particolare, difficile. Noi avremmo voluto essere a casa nostra ma complici alcune situazioni che tutti conoscono non è stato possibile.’  Infine una parola sull’evento dell’altro capo ultras (Sandro ‘il cinese’) prima dell’intonazione dei cori: ‘Guardate i vostri figli negli occhi: questa sera avete regalato loro una serata incredibile!’ 

Scende in campo Sergio Cragnotti, il presidente più amato della storia biancoceleste. Le sue prime dichiarazioni: ‘Vorrei ringraziare tutti per il grande affetto che dimostrate nei miei confronti. L’emozione stasera è grande.E’ immensa, sembra che il tempo non sia passato.E’ un ricordo che mi emoziona’.  Dopo si è pronunciato sul ricordo più bello: ‘L’apice lo abbiamo ottenuto con la vittoria dello Scudetto: una vittoria che forse nessuno immaginava in quel momento. Nel mio cuore conservo poi una vittoria in particolare: quella di quando la Lazio ha battuto il Manchester United‘. Infine un congedo importante ‘Spero che la nostra Società sappia centrare un obiettivo importante facendo volare questa squadra perché la Lazio merita obiettivi importanti.

Leggi anche:  La UEFA si tinge di arcobaleno: Milan in sostegno dei diritti LGBT

Durante le foto di rito delle squadre, lo sguardo vola al display con le immagini della Lazio 1914/15, per la quale è stata lanciata la petizione per l’assegnazione dello scudetto.

Infine entra l’Altra Lazio, ovvero tutti quegli giocatori che hanno lasciato un grande ricordo nei vari anni.

Ora è il momento della Lazio del secondo scudetto (1999/2000) sulle note di “We are the champions” dei Queen.

Parola a Eugenio Fascetti: ‘Ogni volta che vengo a Roma mi emoziono, spero torni a riempirsi dal prossimo anno’. Poi la parola passa a Fabiana Fiorini, figlia del bomber che segnò la rete decisiva nella spareggio Lazio-Vicenza del 1986/87: ”Lui era innamorato dei tifosi e a noi ci ha trasmesso questa passione”.

Scende in campo la Lazio del -9 sotto le note di ‘Un amore così grande’ e il video dei momenti più importanti di quegli ‘anni bui’ con la difesa nera

Leggi anche:  Dove vedere Brasile-Colombia, streaming e diretta tv in chiaro Copa America?

La prima a schierarsi è la Lazio del primo scudetto, con la figura di Pino Wilson, capitano storico di quell’annata della ‘Banda Maestrelli’, che ha preso la parola facendo emozionare l’intero stadio.

Stasera va in scena ‘Di padre in figlio’,  la manifestazione sportiva della Lazio promossa da Wilson, Oddi e Pulici. I numeri dell’evento sono simili a quelli del 2014 con quasi 50.000 presenze allo stadio Olimpico nel nome della tifo laziale. Come ‘antipasto’ si è puntato alla valorizzazione della polisportiva con una sfilata, il volo dell’aquila Olimpia e infine al lancio dei paracadutisti sul prato.  Tra poco invece comincerà il triangolare tra  la lazio 1973/74 (primo scudetto)  la lazio 1999/2000 (secondo scudetto)e la Lazio del -9. L’Altra Lazio invece, composta da giocatori importanti sparsi nella storia biancoceleste, cederà i suoi giocatori alle 3 squadre titolari. Noi di SuperNews seguiremo le sfide  e tutti gli eventi LIVE della ‘notte dei laziali’.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: