Ungheria Portogallo diretta live: 3-3 risultato finale. Spettacolo CR7

Pubblicato il autore: Mario Grasso Segui

Gera.Ronaldo.Ungheria.Portogallo.2016.750x450

A tempo scaduto arriva la notizia del nuovo vantaggio dell’Islanda sull’Austria, che porta nuovamente il Portogallo al terzo posto, ma la differenza reti regala ugualmente la qualificazione a CR7 e compagni, sebbene da ripescati. Nel girone F passano in tre. L’Ungheria per differenza reti migliore sull’Islanda vince il girone e sfiderà negli ottavi la seconda del gruppo E. L’Islanda chiude seconda e troverà l’Inghilterra. Il Portogallo è terzo, ma con la certezza di essere ripescato, essendo quella con la differenza reti più alta tra quelle a tre punti. I lusitani troveranno la Croazia. Lacrime per l’italiano De Biasi. Con questi risultati è ufficiale: l’Albania non sarà ripescata.

93′: finita! Termina 3-3 una partita spettacolare. Ungheria tre volte in vantaggio e tre volte raggiunta. Apre Gera, pareggia Nani; nella ripresa doppiette di Dzsudzsak per i magari e di un immenso Cristiano Ronaldo per i lusitani
92′: entrati nell’ultimo minuto
90′: segnalati 3 minuti di recupero. L’Ungheria resiste in testa al girone, il Portogallo ora sarebbe secondo per maggior numero di gol segnati rispetto all’Islanda
86′: il Portogallo prova con tutte le forze a vincerla, l’Ungheria non ne ha più e punta a difendere il pareggio per tenersi in testa al girone
83′: esaurisce i cambi anche la nazionale ungherese. Sieber prende il posto dell’ottimo Lovrecsis
81′: ultima sostituzione nel Portogallo. Esce Nani, autore della prima rete lusitana, dentro Danilo
80′: fallo di Juashz su Ronaldo, ma l’arbitro lascia correre. Il difensore magiaro è anche già ammonito
78′: anche Quaresma vicino al gol. Portogallo rigenerato e che ora vuole vincere
77′: ancora Cristano Ronaldo, conclusione di controbalzo, di poco alta
72′: Cristiano Ronaldo sfiora il tris. Cross dalla sinistra e colpo di testa di poco a lato
70′: secondo cambio anche per l’Ungheria. Entra Nemeth al posto di Szalai
64′: palo dell’Ungheria. Botta di Elek su assist di Dzsudzsak, Rui Patricio battuto, ma il legno nega il nuovo vantaggio. Partita stupenda
Grandissimo stacco di testa del portoghese, che batte ancora Kiraly. Alla luce anche del pareggio austriaco sull’Islanda, la nuova classifica recita: Ungheria 5, Portogallo e Islanda 3, Austria 2. Il Portogallo per maggior numeri di reti segnate (pari in scontri diretti e differenza reti) rispetto all’Islanda, ora sarebbe addirittura secondo, lasciando il posto tra le terze ripescabili proprio agli islandesi.
62′: ancora pareggio, ancora Cristiano Ronaldo, eroe della partita
61′: secondo cambio nel Portogallo: fuori André Gomes, dentro Quaresma
60′: cambia intanto il risultato dell’altra gara del girone con il pareggio dell’Austria sull’Islanda. Ma per il Portogallo cambia poco: terzo a 2 punti e alla pari con l’Austria sarebbe comunque eliminato
58′: altro tiro di Cristiano Ronaldo, fuori
57′: contropiede del Portogallo, Joao Mario lo conclude sfiorando il palo con un tiro
Ancora una punizione del magiaro, ribattuta dalla barriera stavolta, ma la palla finisce ancora sui suoi piedi e fa partire un bolide imparabile. Tutto come prima, Portogallo di nuovo eliminato. Ma che partita!
54′: ancora gol dell’Ungheria, ancora Dzsudzsak
52′: Portogallo vicino al vantaggio, cross di Joao Mario, Nani non arriva per un soffio
Spettacolare colpo di tacco di CR7, che prende per mano la sua nazionale e trova l’immediato pareggio nel momento più difficile degli iberici. Portogallo che ora sarebbe di nuovo qualificato come ripescato tra le terze.
50′: pareggio del Portogallo, prima rete in questo Europeo per Cristiano Ronaldo, l’uomo più atteso
48′: contropiede fulmineo dell’Ungheria: Lovrencsis conclude sull’esterno della rete. Portogallo frastornato
Il nuovo vantaggio magiaro viene realizzato direttamente su punizione, deviata dalla barriera. Deviazione, che mette fuori causa Rui Patricio. Portogallo di nuovo a rincorrere, ora sarebbe di nuovo eliminato.
47′: gol dell’Ungheria, lo realizza Dzsudzsak
46′: inizia la ripresa con un cambio a testa. Tra gli ungheresi. Fuori l’autore del temporaneo vantaggio, Gera; al suo posto entra Bese. Cambio anche per il Portogallo: fuori Moutinho, dentro Sanches
Secondo tempo

Finisse così la classifica, anche alla luce del vantaggio islandese sull’Austria sarebbe questa: Ungheria e Islanda 5, Portogallo 3, Austria 1. L’Ungheria passerebbe come prima e sfiderebbe la seconda del gruppo E, l’Islanda come seconda e troverebbe l’Inghilterra, il Portogallo riuscirebbe a essere ripescato come terzo e andrebbe a sfidare la Croazia
46′: fine primo tempo. Ungheria Portogallo 1-1, a Gera risponde Nani.
45′: Kiraly è attento sul tiro di André Gomes e intanto viene segnalato un minuto di recupero
Il pareggio è prezioso per il Portogallo, che sarebbe sempre terzo dietro Ungheria e Islanda, ma riuscirebbe a rientrare tra le ripescate, avendo una differenza reti migliore di Turchia e Albania che hanno chiuso a 3 punti, esattamente come i lusitani in questo momento.
44′: non sta a guardare l’Ungheria, gran botta di Szalai, ma Rui Patricio c’è
43′: ancora Nani, colpo di testa in tuffo alto di pochissimo
Il gol portoghese: passaggio geniale di Cristiano Ronaldo per Nani, che in diagonale insacca alle spalle di Kiraly
42′: gol del Portogallo, il pareggio lo firma Nani
41′: monumentale Pepe, che anticipo di un soffio Szalai, servito da Lovrencsis
40′: il Portogallo segna, ma è fuorigioco: cross di Ronaldo per Pepe, che da posizione irregolare serve Nani, che insacca, ma nulla da fare
37′: Lovrencsis ferma in modo deciso Eliseu, per l’arbitro è solo angolo
35′: altra bomba di Cristiano Ronaldo, fuori
34′: terzo ammonito per l’Ungheria, è l’autore del gol Gera per trattenuta su André Gomes, altra punizione
Per il Portogallo sarebbe una storica eliminazione. Mai i lusitani, quando hanno preso parte a un Europeo sono stati eliminati nella prima fase,
29′: bolide di Cristiano Ronaldo, Kiraly devia in angolo
28′: ammonito anche Juhasz per fallo su André Gomes, punizione Portogallo
27′: difesa ungherese attenta e brava in due occasioni ad anticipare Cristiano Ronaldo, servito con due bei filtranti
25′: Rui Patricio bravo a respingere di pugno su Elek, in posizione dubbia non fischiata
23′: punizione di Ronaldo, Kiraly c’è
21′: il vantaggio ungherese e il contemporaneo vantaggio dell’Islanda sull’Austria regalano al momento questa situazione: Ungheria 7, Islanda 5, Portogallo 2, Austria 1. Portogallo e Austria sarebbero eliminate e potrebbe ancora sperare nel ripescaggio l’Albania di De Biasi
La rete ungherese arriva sugli sviluppi di un corner, Pepe respinge, ma la palla arriva sul petto di Gera che si coordina e di sinistro batte Rui Patricio
19′: gol dell’Ungheria, Gera l’autore del vantaggio magiaro
16′: Guzmics si fa perdonare anticipando Cristiano Ronaldo, pronto a raccogliere un invitante cross di Vieirinha
13′: primo ammonito della partita, si tratta del magiaro Guzmics per un fallo su Nani, lanciato in contropiede
12′: Nani colpisce tutto solo di testa su corner; palla alta
10′: ancora Pepe ferma un contropiede impostato dallo scatenato Dzsudzsak su errore di André Gomes
8′: anche l’Ungheria ci prova; iniziativa di Dzsudzsak, che crossa per Szalai e costringe Pepe a rifugiarsi in corner
7′: Nani va in pressione su Kiraly, che è costretto a calciare a lato. Ottimo Portogallo in avvio
6′: Joao Mario calcia alto ribattendo una punizione guadagnata da Cristiano Ronaldo e respinta dalla barriera
3′: il Portogallo parte benissimo; Pepe lancia Nani che non aggancia
1′: inizia il match
Primo tempo

Grande attesa al Parc Olympique di Lione per la sfida tra Ungheria Portogallo, valida per l’ultima giornata del gruppo F. I magiari sono tranquilli perché sanno già di essere qualificati agli ottavi. Infatti nella peggiore delle ipotesi (vittorie di Portogallo e Islanda), finirebbero terzi, ma entrerebbero certamente nelle prime quattro posizioni della graduatoria delle terze classificate. In caso contrario chiuderebbero nelle prime due posizioni e avanzerebbero. I lusitani, invece, si giocano tutto. Una sconfitta significherebbe eliminazione. Una vittoria darebbe la certezza dell’accesso agli ottavi. Un pareggio anche, perché nella peggiore delle ipotesi proietterebbe Cristiano Ronaldo e compagni nella classifica delle terze con 3 punti ma con una differenza reti migliore rispetto a Turchia e Albania, che verrebbero così eliminate. Tutto questo a prescindere dall’esito del gruppo E. Facile prevedere un pareggio che accontenti tutti, ma la squadra iberica vorrà davvero chiudere sotto il primo posto in un girone sulla carta morbido?

Formazioni ufficiali

Ungheria (4-2-3-1): Kiraly; Lang, Guzmics, Juhasz, Korhut; Gera, Pinter; Dzudzszak, Elek, Lovrencsics; Szalai. CT: Bernd – A disposizione: Nagy, Bese, Bode, Kleinheisler, Fiola, Dibusz, Nikolic, Stieber, Nemeth, Kadar, Priskin, Gulacsi
Portogallo (4-4-2): Rui Patricio; Vieirinha, Pepe, Ricardo Carvalho, Eliseu; André Gomes, William Carvalho, Joao Moutinho, Joao Mario; Cristiano Ronaldo, Nani. CT: Fernando Santos – A disposizione: Renato Sanches, Eder, Quaresma, Soares, Bruno Alves, Guerreiro, Lopes, Rafa, Adrien Silva, Pereira, Eduardo, José Fonte

  •   
  •  
  •  
  •