Italia Under 20 argento Europeo, le azzurre si inchinano alla Spagna (71-69) in un finale thrilling

Pubblicato il autore: Giacomo Garbisa Segui
Un frame della diretta streaming di Spagna-Italia, finale femminile dell'Europeo Under 20

Un frame della diretta streaming di Spagna-Italia, finale femminile dell’Europeo Under 20

Un tempo senza quasi scendere in campo, una ripresa da leonesse e un finale amarissimo. Italia Under 20 argento Europeo, le  azzurre vedono sfumare il titolo continentale per un nulla. A Matosinhos, in Portogallo, trionfa la Spagna che, dopo 40′ tiratissimi, si impone 71-69. Alle ragazze di coach Massimo Riga grande onore ed applausi, sfiorando una rimonta quasi impossibile con lo scarto che ha toccato anche i 20 punti di differenza. In casa Italia ancora una volta una grande Cecilia Zandalasini, autrice di una doppia-doppia da 28 punti e 10 rimbalzi ed eletta Mvp dell’Europeo.

Quella di Matosinhos è la seconda medaglia consecutiva per il settore giovanile femminile dopo l’argento conquistato poche settimane fa dalla Nazionale Under 17 al Mondiale di Saragozza, dove si è arresa in finale alla corazzata Australia. Per l’Under 20 femminile si tratta inoltre del terzo podio negli ultimi quattro anni dopo l’argento vinto nel 2013 a Samsun (Turchia) e il bronzo del 2014 ottenuto a Udine.

TEMPO REALE
Primo quarto
1′ primo possesso iberico, ma a sbloccare il tabellino sono le azzurre con Zandalasini che poi replica anche alla tripla di Quevedo tenendo avanti l’Italia (4-3). Le iberiche attaccano il ferro e il numero 9 spagnolo costringe le azzurre a spendere falli, ma Vitari è reattiva e Pan firma il nuovo sorpasso 8-6 al 5′.
5′ tegola sulla Spagna: Quevedo, la più positiva delle iberiche, esce per un problema alla gamba e l’Italia aumenta la fiducia: la solita Zandalasini mette il piazzato che conserva il +2 e poi smista l’assist per Cordola che appoggia il sottomano del 12-8.
7′ Una rubata di Orts con fallo subito manda in lunetta la spagnola per il 12-12, poi si accende Conde Alcolado che, con cinque punti di fila, firma il primo sorpasso (17-14) che costringe coach Riga al time-out per riordinare le idee in difesa.
9′ All’uscita dalla pausa però è sempre la Spagna a far male: Conde Alcolado sistema la mira dai 6,75 e la manovra offensiva delle azzurre è poco fluida. Così la numero 7 iberica scava il primo solco, Spagna avanti 22-14.
10′ Italia in balia delle iberiche, i punti di scarto diventano addirittura 10 e sull’ultimo possesso del quarto Lopez Tobi manda l’Italia sul -12 per il 26-14.
Secondo quarto
1′ L’impatto non è dei migliori, l’Italia si affida all’individualità di Zandalasini ma il canestro spagnolo è stregato: al contrario le giallorosse trovano la retina da qualsiasi posizione e il +17 lo trova Lopez Tobi.
3′ I tifosi italiani provano a farsi sentire, ma il 31-14 sa già un po’ di sentenza. Anche perché l’Italia non ha continuità di gioco offensivo e dall’arco Cazorla Medina mette l’ennesima bomba per il nuovo massimo vantaggio 34-16. La Spagna si regala un po’ di “accademia” mentre l’Italia è una sola giocatrice: Cecilia Zandalasini. Di fronte però c’è una squadra e il canestro di Flores Costa tiene il vantaggio sul 36-21.
5′ La Spagna non molla di un centimetro e Flores Costa trova le linee di passaggio più impossibili, Orts ringrazia e appoggia il 42-23.
8′ il finale di primo tempo potrebbe servire a limare un po’ lo scarto, visto che la Spagna concede qualcosa, ma l’Italia è molle sotto canestro e la Spagna, senza troppo affanno, va all’intervallo lungo sul 44-26 con Orts.

Terzo quarto
1′ Cabrini prova a dare una piccola scossa a inizio ripresa, ma la Spagna ritorna subito in rotta e Cazorla Medina timbra il 47-30. Le azzurre sembrano però avere una maggiore consistenza difensiva, tengono meglio l’uno contro uno di Conde Alcolado e con Cabrini si portano sul -13.
5′ La Spagna conserva un rassicurante vantaggio (53-36), ma il piglio delle azzurre è più deciso anche se l’asse Alcolado-Orts continua a far male ma le azzurre si portano sul -12 con quattro punti di striscia di Zandalasini.
8′ L’Italia pressa, Kacerik ruba palla e timbra il -10 (55-45) in contropiede, peccato che nel possesso che può valere per la prima volta lo scarto sotto la doppia cifra Zandalasini si faccia ingolosire dall’arresto e tiro che sbatte sul ferro. La stellina di Schio si rifà subito dopo, ma l’ultimo possesso premia Lo Sylla che trova i punti del 59-47 alla mezzora.
Quarto periodo
1′ inizio ultimo periodo con botta e risposta Alcolado-Kacerik, con la giovane di Sesto San Giovanni tarantolata in pressing. Il punteggio resta bloccato sul 61-49 ed è Costa a infilare il -10 con la Spagna che subito dopo perde palla sulla pressione difensiva azzurra.
5′ L’Italia si accende: Zandalasini porta lo scarto sotto la doppia cifra e dalla lunetta Costa fa 2/2 per il 61-55 a 5′ dalla fine. Partita riaperta: lo dimostra la grinta di Zandalasini che scappa in campo aperto e appoggia il 61-57, le azzurre (con un parziale di 10-2) ci credono.
7′ la difesa italiana è asfissiante e la Spagna è in bonus, poco lucida e costretta a forzare ma Orts mantiene la calma col piazzato del +6 subito ricucito dal pick and roll Zandalasini-Costa.
8′ Kacerik sul -4 commette una banale infrazione di passi ma Pan non sbaglia l’affondo del -2, anche se Lopez Rodriguez inventa il canestro del nuovo 65-61. Ultimi 90″ di pura adrenalina. Zandalasini vede solo il canestro, ma Orts tiene avanti di quattro le spagnole.
9′ ultimo minuto tutto da raccontare: Conde Alcolado si infortuna alla caviglia e sul possesso Pan mette la tripla del -1 fra le proteste iberiche. Dalla lunetta Flores Costa ridà il +3 ma a 17″ dalla sirena Zandalasini inventa la tripla che impatta sul 69-69 la finale dell’Europeo. Ultimo possesso spagnolo: Flores Costa si fa stoppare da Zandalasini, ma recupera il rimbalzo e subisce fallo da Cabrini. Dalla lunetta fa 2/2 a un secondo e 14 centesimi dalla sirena. Kacerik rimette lungo per Zandalasini ma la preghiera della numero 9 azzurra viene sputata dal ferro. La Spagna è campione d’Europa vincendo 71-69, all’Italia le lacrime ma grandissimo onore.

Spagna-Italia 71-69 (18-12; 44-26; 59-47)
SPAGNA: Lopez Rodriguez 2, Cazorla Medina 7, Oma Giralt ne., Conde Alcolado 20, Orts 20, Quevedo 4, Flores Costa 9, Togores, Conde Duran ne., Diallo Dieng ne., Lopez Tobi 5, Lo Sylla 4.
ITALIA: Vespignani 3, Policari, Porcu, Kacerik 6, Zandalasini 28, Cabrini 4, Pan 14, Cordola 2, Vitari 2, Costa 10, Reani.
Arbitri: Lopes, Yalman, Kardum.

  •   
  •  
  •  
  •