Parigi-Roubaix 2017, Van Avermaet conquista l’Inferno del Nord: ordine d’arrivo e highlights

Pubblicato il autore: romolo simonicca Segui

LIVE Parigi-Roubaix 2017

Greg Van Avermaet vince dunque la Parigi-Roubaix 2017 davanti a Stybar e Langeveld. Per il trentunenne della BMC si tratta della prima affermazione in una classica monumento, a coronamento di una campagna del Nord per lui davvero trionfale. L’altro vincitore di giornata è senza dubbio Tom Boonen che all’ultima corsa in carriera corre da protagonista assoluto, chiudendo nel tripudio di applausi del velodromo di Roubaix al suo ingresso. Per quanto riguarda gli italiani, splendido il quinto posto di Gianni Moscon alla seconda partecipazione in carriera alla Parigi-Roubaix. Il giovane trentino, non ancora ventitreenne farà sicuramente parlare di se in futuro nella regina delle classiche. Tra i grandi sconfitti di giornata invece, Peter Sagan, autore di una corsa sempre all’attacco, ma fermato per ben due volte da problemi meccanici.

ORDINE D’ARRIVO PARIGI-ROUBAIX 2017

1. Greg Van Avermaet (BMC)
2. Znedek Stybar (Quick-Step Floors) s.t.
3. Sebastian Langeveld (Cannondale-Drapac) s.t.
4. Jasper Stuyven (Lotto-Soudal) s.t.
5. Gianni Moscon (Team Sky) s.t.

HIGHLIGHTS PARIGI-ROUBAIX 2017

17:04 – Rientrano incredibilmente sui 3 anche Stuyven e Moscon, ma in volata Van Avermaet salta Stybar negli ultimi 50 metri e si aggiudica la Parigi-Roubaix 2017.
7:02 – Si entra nel velodromo. A giocarsi la corsa Van Avermaet, Stybar e Langeveld.
16:50 – Comincia l’ultimo tratto di pavè (settore 1). Solo 300 metri per entrare nel velodromo di Roubaix.
16:58 – Ai meno 4 ci prova Stybar, ma Van Avermaet è attento e con facilità si riporta sulle ruote del ceco.
16:43 – Davanti sonno rimasti in tre. Si tratta di Van Avermaet, Stybar e Langeveld (Cannondale-Drapac). Dietro di loro inseguono Moscon e Stuyven. Il gruppo di Tom Boonen è indietro di 35”.
16:39 – Comincia un altro settore durissimo (numero 4), il Carrefour de l’Arbre (2.100 metri). Attacca subito Van Avermaet, ma senza fare la differenza. Dietro è ancora una volta Boonen a trainare il gruppo nella rincorsa.
16:28 – Ripreso Daniel Oss. Si forma dunque un gruppetto di 7 uomini in testa alla Parigi-Roubaix 2017. Il gruppo Sagan-Boonen è dato a 35” di ritardo.
16:25 – All’ingresso del settore 7 la situazione è la seguente: in fuga solitaria Daniel Oss, seguito dal sestetto di Van Avermaet e Moscon a 12” e dal gruppo con Boonen e Sagan a circa 45”.
16:20 – Si forma un sestetto all’inseguimento di Oss nel quale c’è anche Greg Van Avermaet. Fa parte di questo gruppetto anche un grande Gianni Moscon.
16:18 – Colpo di scena: ancora un problema tecnico per Sagan che era all’attacco. Grande sfortuna per il fuoriclasse slovacco.
16:15 – Ancora un attacco di Peter Sagan che riesce a staccare Boonen, Van Avermaet e Dagenkolb. Il campione del mondo si lancia alla caccia di Oss.
16:07 – All’attacco rimane il solo Daniel Oss, mentre tutti gli altri vengono riassorbiti dal gruppo, ormai ridotto a una quindicina di unità.
15:58 – Davanti la coppia al comando è stata raggiunta dai tre contrattaccanti. Si è dunque formato un quintetto formato da Gianni Moscon (Team Sky), Jasper Stuyven (Treck-Segafredo), Daniel Oss (BMC), Jurgen Roelandts (Lotto Soudal) e Dimitri Claeys (Cofidis). Per loro 15” di vantaggio.
15:53 – Comincia il durissimo tratto di pavè Mons-en-Pévèle (settore 11) e c’è subito un attacco di Peter Sagan seguito da Stybar (Quick-Step Floors).
15:42 – Si è formato un trio di inseguitori dietro i due al comando. C’è anche il nostro Gianni Moscon (Team Sky).
15:39 – Ancora un forcing di Boonen nel sottore 13 di pavè. Il gruppo si fraziona ulteriormente.
15:23 – Attacco di Tom Boonen nel settore numero 15. Lo seguono Sagan e Dagenkolb (Trek-Segafredo) e tutti i migliori. Intanto davanti Stuyven e Oss hanno un vantaggio di 32” sul gruppo.
15:20 – Sagan viene raggiunto dal gruppo insieme al compagno di squadra Bodnar. Davanti rimangono Stuyven e Oss.
15:18 – Altro colpo di scena in questa Parigi-Roubaix 2017. Sagan fora la ruota posteriore e perde contatto dal quartetto di testa.
15:11 – Prova un allungo Peter Sagan quando mancano 77 chilometri al traguardo. L’obiettivo è quello di mettere fuori gioco Tom Boonen. Con Sagan ci son Daniel Oss (BMC), Marciej Bodnar (Bora) e Jasper Stuyven (Trek-Segafredo). I 4 al comando hanno 28” di vantaggio sul gruppo, nel quale è rientrato Boonen.
15:09 – Sotto il forcing della Treck Segafredo rimane leggermente attardato Tom Boonen. La corsa si sta letteralmente infiammando.
15:05 – Comincia il settore 17 (3.700 metri), il più lungo della Parigi-Roubaix 2017.
15:00 – Greg Van Avermaet riesce ora a rientrare in gruppo.
14:57 – Cambia la testa al comando: ora guidano Jelle Wallays e Sylvaine Chavanel (Direct Energie) con 28” secondi sul gruppo.
14:54 – Fasi concitate della corsa all’uscita dalla foresta. Come spesso accade in questo tratto molti corridori cercano di avvantaggiarsi dal gruppo.
14:47 – Comincia ora la foresta di Arenberg (settore 19). Van Avermaet deve recuperare circa 30” dal gruppo di Boonen e Sagan.
14:43 – Mantengono circa 30” di vantaggio i tre battistrada: Mickeal Delage (FDJ), Jelle Wallays (Lotto Soudal) e Stijn Vandenbergh (AG2R). Nel frattempo si ritira Niki Terpstra (Quick-Step Floors).
14:36 – Si mette a tirare in testa al gruppo Tom Boonen, probabilmente avvisato di quanto accaduto a Van Avermaet.
14:36 – Caduta per Greg Van Avermaet nei primi metri del settore numero 20. Prontamente soccorso dall’ammiraglia sta cercando ora di rientrare in gruppo.
14:25 – Stiamo per arrivare al primo tratto cruciale della corsa: la foresta di Arenberg (settore 19) misura 2.400 metri e presenta un pavè molto scomposto. Qui potrebbe succedere già qualcosa di importante.
14:19 – I battistrada tornano a guadagnare qualcosa. Ora hanno 35” soprattutto grazie all’azione di Vandenbergh.
14:06 – Tante cadute in questi primi 130 chilometri della Parigi-Roubaix 2017. Ai due fuggitivi intanto si è aggiunto Stijn Vandenbergh (AG2R). I tre riescono a riguadagnare qualcosina.
13:58 – Rientra in gruppo Oliver Naesen, mentre la fuga è ormai nel mirino del gruppo.
13:52 – Cala il vantaggio della coppia al comando. Al momento hanno 19” sul gruppo.
13:34 – Inizia ora il settore 27, tra i più lunghi dell’intera corsa (3.500 metri). Martinez non riesce a tenere il ritmo dei fuggitivi e viene ripreso dal gruppo. Delage e Wallays hanno un vantaggio di 58”.
13:30 – Caduta rocambolesca nella pancia del gruppo. Coinvolto anche uno dei possibili outsider della corsa come Oliver Naesen (AG2R).
13:28 – All’imbocco del secondo settore di pavè (numero 28 in quanto i settori sono numerati in ordine decrescente), i battistrada guidano con 1′ 05” sul gruppo.
13:20 – Comincia adesso il primo settore di pavè della Parigi-Roubaix 2017, da Trisville a Inchy (2 chilometri e 200 metri). I tre fuggitivi hanno un vantaggio nell’ordine dei 50”.
13:12 – Si sono staccati dal gruppo tre corridori: ci provano Yannick Martinez (Delko Marseille-Provence KTM), Mickael Delage (FDJ), Jelle Wallays (Lotto Soudal).
13:02 – Continuano i tentativi di fuga, ma il gruppo non lascia scappare nessuno.
12:51 – Niente da fare, ripreso il tentativo di fuga quando mancano 190 chilometri all’arrivo.
12:45 – Ancora 20” il vantaggio dei battistrada. La funga non riesce a prendere il largo.
12:36 – Si è avvantaggiato un gruppetto formato da 5 corridori: Hugo Hoffstetter (Cofidis), Maxim Daniel (Fortunio-Vital Concept), Benjamin Giraud (Delko Marseille-Provence KTM), Micheal Mortov (Katusha) e Mads Wurtz (Katusha) hanno un vantaggio di una ventina di secondi sul gruppo.
12:30 – Quick-Step Floors e Team Sky tirano il gruppo e cercano di tenere in mano la corsa. Finora nessuno è riscito a scappare.
12:05 – Fin qui velocità altissima, soprattutto grazie al vento favorevole. Si prevede una Parigi-Roubaix 2017 velocissima.
12:00 – Nonostante i vari tentativi, non è ancora partita la fuga di giornata.

LIVE Parigi-Roubaix 2017: diretta integrale a partire dalle 12:00

Si corre oggi la Parigi-Roubaix 2017, la regina delle classiche, la corsa più dura, imprevedibile e affascinante dell’intero calendario ciclistico. Non bastano le gambe per vincere sul traguardo di Roubaix, ma servono grinta, coraggio e determinazione per tutti i 256 chilometri. L’Inferno del nord non perdona cali di tensione o distrazioni di sorta, sui settori del pavè si deve dare tutto anche quando si è molto lontani dall’arrivo. Quella di quest’anno sarà l’edizione numero 108 della Parigi-Roubaix, con ai nastri di partenza tutti (o quasi) i più grandi specialisti delle corse di un giorno. Si va da Tom Boonen (Quick-Step Floors), già primatista di trionfi a pari merito con Roger De Vlaeminck e all’ultima corsa della carriera, al campione del mondo Peter Sagan (Bora), beffato alla Sanremo e sfortunato al Fiandre vorrà sicuramente dire la sua in una corsa in cui non ha mai fatto benissimo. Altro elemento da tenere d’occhio è sicuramente il campione olimpico Greg Van Avermaet (BMC), secondo al Giro delle Fiandre, ma vincitore di Omloop Het Newsbland, E3 Harelbeke e Grand-Wewelgem. Tra gli italiani che potrebbero avere qualcosa da dire ci sono Matteo Trentin (Quick-Step Floors), compagno di squadra di Boonen, Sasha Modolo (UAE Emirates), primo tra i nostri al Fiandre, Oscar Gatto (Astana), Gianni Moscon (Team Sky) e Marco Mercato (UAE Emirates).
Si prevede comunque una Parigi-Roubaix 2017 asciutta e relativamente veloce dato il vento a favore. Ricordiamo che in una corsa del genere il fattore meteorologico è tutt’altro che secondario. Restate con noi su SuperNews e non perdetevi nemmeno un metro della Parigi-Roubaix 2017.

  •   
  •  
  •  
  •