Atp Miami 2018: Sloane Stephens è la nuova regina, battuta in due set Jelena Ostapenko (Video Highlights)

Pubblicato il autore: Mattia Orlandi Segui

Sloane Stephens

Sloane Stephens è la nuova campionessa del Wta Premier Mandatory di Miami, l’ultima disputata nell’impianto di Key Biscayne. La statunitense, n°13 del seeding, ha avuto la meglio sulla lettone Jelena Ostapenko, testa di serie n°6, con il punteggio di 7-6(5) 6-1 in un’ora e trentatré minuti. Per la nativa di Plantation si tratta del sesto titolo in carriera su sei finali giocate, ottenendo la seconda vittoria più prestigiosa in carriera dopo l’US Open, ottenendo il best ranking al n°9; la nativa di Riga invece rimedia la quarta sconfitta su sei finali.

(13) SLOANE STEPHENS – (6) JELENA OSTAPENKO 7-6(5) 6-1
Finale Wta Premier Mandatory Miami (cemento)

20.42 – GAME, SET AND MATCH SLOANE STEPHENS! Ancora un errore della lettone e titolo portato a casa dopo 1h33′ (35′ la durata del secondo parziale), secondo titolo più importante della carriera


20.42 –
40-0, tre Championship points
20.39 – DOPPIO BREAK SLOANE STEPHENS! Lunghissimo il dritto di Ostapenko. 5-1 e chance di portare a casa il titolo
20.39 –
Rovescio in rete. Palla del doppio break per la statunitense
20.38 –
Alza troppa le traiettorie e finisce per sbagliare. 30-30
20.38 –
Doppio fallo della lettone. 30-15
20.34 –
Break confermato. 4-1
20.34 –
Gran palla corta della statunitense, Ostapenko ci arriva ma poi la prima chiude col passante al volo. 40-15


20.31 – BREAK SLOANE STEPHENS! Dritto in rete della lettone. 3-1
20.30 –
Largo il rovescio incrociato di Ostapenko. Palla break
20.29 –
Altra parità
20.28 –
Doppio fallo della lettone. 40-40
20.26 –
Stephens continua a difendersi e Ostapenko a sbagliare. 15-30


20.23 –
Game a 0 per la statunitense. 2-1
20.21 – CONTRO-BREAK SLOANE STEPHENS! 1-1
20.20 –
Ancora tanti errori. 30-40 e palla del contro-break
20.18 –
0-30 sul proprio servizio, ora
20.16 – BREAK JELENA OSTAPENKO! Scambio più bello del match, sino ad ora. 0-1


20.15 –
Quarto break point
20.15 –
Buona prima e terza parità
20.14 –
Terza palla break
20.14 –
Seconda parità
20.13 –
Game ai vantaggi
20.12 –
30-40, la lettone spreca la prima di due palle break
20.10 – Inizia il secondo set, serve la statunitense
20.07 – FIRST SET SLOANE STEPHENS! Troppo passiva nei primi set point, alla fine ringrazia l’ennesimo errore altrui. 7-5 dopo 58′


20.06 –
Volano via i primi due. 6-4
20.05 –
Dritto vincente di Stephens, 4 set point: 6-2
20.03 –
Doppio vantaggio, si gira sul 4-2
20.02 –
Mini-break Stephens, che però pensa troppo a difendersi. 3-2
19.59 – SI VA AL TIE-BREAK, la statunitense commette un doppio fallo sulla palla break
19.57 – NUOVO BREAK DI SLOANE STEPHENS! 6-5
19.50 – CONTRO-BREAK JELENA OSTAPENKO! Doppio fallo susseguito da un errore di dritto: brutto game della statunitense. 5-5
19.47 –
Stephens si difende bene ma la lettone la “buca” ugualmente. 15-30
19.44 –
Il servizio aiuta Ostapenko. 5-4 e chance della statunitense di chiudere il set
19.43 –
Altro doppio fallo della lettone. 0-15
19.42 –
Aiutata dall’avversaria, Stephens conferma il break. 5-3
19.40 –
Due vincenti della lettone, a cui può poco la difesa della statunitense. 0-30
19.37 – BREAK SLOANE STEPHENS! Lungo il dritto di Ostapenko. 4-3


19.35 –
Doppio fallo della lettone. 15-30


19.33 –
La statunitense vince il game a 0, con slice di rovescio finale. 3-3


19.29 –
Game Ostapenko, la prima a tenere il turno di servizio. 2-3
19.28 –
Lungo il dritto di Stephens. 40-40
19.27 –
Troppi errori, nuova palla break per la statunitense. 30-40
19.26 –
Doppio fallo della lettone. 15-15
19.25 – CONTRO-BREAK JELENA OSTAPENKO! Due dritti di fila sbagliati dalla Stephens. 2-2
19.24 –
Nuovamente palla del contro-break per la lettone. 30-40
19.22 –
Troppo deboli le seconde della statunitense e la lettone risponde bene. 15-30
19.19 – BREAK SLOANE STEPHENS! Ancora un errore da parte di Ostapenko, col dritto in rete. 2-1
19.18 –
La statunitense costringe ancora l’avversaria all’errore. 15-40 e altre due palle break
19.18 –
Negli scambi lunghi soffre ancora la lettone. 15-30
19.16 – CONTRO-BREAK JELENA OSTAPENKO! Altra risposta vincente. 1-1
19.15 –
Gran dritto e poi bene anche col rovescio per Ostapenko. Palla del contro-break


19.14 –
Ace centrale. 15-15
19.13 – BREAK SLOANE STEPHENS! Altro gratuito della lettone. 1-0


19.13 –
Largo il rovescio incrociato di Ostapenko. Palla break
19.12 –
Game in “equilibrio”. 30-30
19.11 –
Primo scambio portato a casa dalla statunitense. 0-15
19.10 – Inizia il match, serve la lettone
19.01 – Buonasera appassionati di SuperNews e benvenuti alla diretta scritta. Giocatrici in campo per il riscaldamento

Dove seguire il match

L’incontro sarà visibile in diretta esclusiva su Supertennis, canale 64 del digitale terrestre e 224 del bouquet di Sky.

Sloane Stephens – Jelena Ostapenko, un’altra finale inedita dopo quella di Indian Wells

Le sorprese ormai sono di casa nel circuito Wta e dopo la finale inedita in California tra la giapponese Naomi Osaka e la russa Daria Kasatkina, ecco qui un altro scontro inedito nell’atto finale del Wta Premier Mandatory di Miami. Ad affrontarsi saranno la statunitense Sloane Stephens e la lettone Jelena Ostapenko, che nel 2017 si sono aggiudicate entrambe il primo Slam: US Open la prima, Roland Garros la seconda.

La nativa di Plantation è alla sua sesta finale Wta, con cinque titoli all’attivo, e ci è arrivata battendo nell’ordine l’australiana Ajla Tomljanovic, la rumena Monica Niculescu, la spagnola Garbiñe Muguruza, la tedesca Angelique Kerber e la bielorussa Victoria Azarenka, con la certezza del best ranking al n°9 da lunedì 2 aprile. La nativa di Riga è anche lei alla sesta finale nel circuito maggiore, ma con lo score di 2 vinte e 3 perse; lungo il proprio cammino ha sconfitto l’ungherese Timea Babos, la brasiliana Beatriz Haddad Maia, la ceca Petra Kvitova, la connazionale di quest’ultima Karolina Pliskova e la statunitense Danielle Rose Collins.

Visti i precedenti delle finali delle due e la nota discontinuità di Jelena Ostapenko, partirebbe leggermente favorita Sloane Stephens, ma anche quest’ultima non è stata una campionessa di continuità nell’ultimo periodo (prima di Miami ha vinto appena tre incontri su tredici dopo la vittoria a Flushing Meadows).

  •   
  •  
  •  
  •