Mondiali 2018, Nigeria-Argentina 1-2 (Video Gol): Messi e Rojo, ottavi per la Seleccion

Pubblicato il autore: Matteo Cartolano Segui

Foto Getty Images © selezionata da SuperNews

Mondiali 2018. Missione compiuta per l’Argentina. La squadra di Jorge Sampaoli batte la Nigeria per 2-1 e, grazie anche alla contemporanea sconfitta dell’Islanda contro la Croazia con lo stesso risultato, riesce a qualificarsi per gli ottavi di finale. Un passaggio del turno soffertissimo quello dell’Albiceleste, finita a più riprese a un passo dall’eliminazione.

La partita si è messa subito in discesa per gli uomini di Sampaoli: al 14′ un lancio illuminante di Banega pesca splendidamente Messi che, entrato in area, fulmina il portiere nigeriano Uzoho. Per il resto del primo tempo l’Argentina gioca splendidamente e fallisce a più riprese il gol del raddoppio.
In avvio di ripresa, però, tutto si complica: al 51′ una trattenuta di Mascherano in area ai danni di Balogun viene punita da Cakir con un calcio di rigore, trasformato dal dischetto da Moses. I sudamericani si gettano così disordinatamente in avanti, stentando a creare pericoli per molti minuti e rischiando a più riprese di subire il gol del raddoppio visti gli spazi lasciati in contropiede agli avversari. All’86’ arriva il gol della sudatissima qualificazione: un cross preciso di Mercado dalla destra pesca Rojo solo in area, che al volo realizza il gol partita. Negli ultimi minuti la Nigeria non riesce a reagire e l’Argentina strappa il pass per gli ottavi di finale.
Al turno successivo la squadra di Sampaoli affronterà la Francia, per una sfida che promette di essere stellare. Appuntamento alle 16 di sabato 30 alla Kazan Arena.

TABELLINO
NIGERIA-ARGENTINA 1-2
NIGERIA
(3-5-2): Uzoho; Balogun, Trost-Ekong, Omeruo (90’Iwobi); Idowu, Moses, Ndidi, Mikel, Etebo; Musa (90′ + 2′ Simy), Iheanacho (46′ Ighalo). Ct: Gernot Rohr
ARGENTINA (4-4-2): Armani; Mercado, Otamendi, Rojo, Tagliafico (81′ Aguero); Perez (61′ Pavon), Mascherano, Banega, Di Maria (72′ Meza); Messi, Higuain. Ct: Jorge Sampaoli
Marcatori: 14′ Messi (A), 51′ rig. Moses (N), 86′ Rojo (A)
Ammoniti: 32′ Balogun (N), 49′ Mascherano (A), 64′ Banega (A), 90′ Mikel (N), 90′ + 3′ Messi (A)
Corner: 2-5

VIDEO GOL

 

Finita!!!!! L’Argentina batte la Nigeria per 2-1 e si qualifica agli ottavi di finale.
90′ + 3′ – Ammonito Messi per aver perso ritardato la ripresa del gioco. Terminata a Rostov, Croazia-Islanda 2-1. Islandesi eliminati, l’Argentina deve resistere all’ultimo assalto nigeriano  e sarà qualificata.
90′ + 2′
– Ultimo cambio per la Nigeria: esce Musa, entra Simy. 
90′
-Ammonito Mikel per fallo su Higuain. Concessi 4 minuti di recupero. 
89′
– Secondo canìmbio nella Nigeria: esce Omeruo, entra Iwobi. Croazia nuovamente in vantaggio sull’Islanda.
86′
GOL ARGENTINA! Mercado serve elegantemente Rojo con un cross preciso, il giocatore argentino al volo batte Uzoho. Nigeria 1-Argentina 2.
85′
– Potente calcio di punizione dai 25 metri dello stesso Ighalo, palla sull’esterno della rete.
84′
– Ighalo sfrutta un errore della difesa argentina e si presenta solo davanti ad Armani, ma il portiere argentino respinge col corpo.
83′
– Ora l’Argentina sta schiacciando la Nigeria all’interno della propria area. Assalto disperato degli uomini di Sampaoli. 
81′
– Rojo serve Higuain solo al centro dell’area, la girata del Pipita è però altra sopra la porta di Uzoho. 
80′
– Ultimo cambio Argentina: esce Tagliafico, entra Aguero.
78′
– Nel frattempo, l’Islanda ha pareggiato contro la Croazia. I nord europei affiancano gli argentini a quota 2 punti, ma entrambe le formazioni sarebbero eliminate. 
76′
VAR IN CAMPO! Cakir viene chiamato al video per valutare un tocco di mano in area argentina da parte di Rojo. Nulla di fatto però, si prosegue senza rigore.
75′
– Aumenta il forcing dei sudamericani. 
72′
– Secondo cambio nell’Argentina: esce Di Maria, entra Meza.
71′
– Musa se ne va sull’out di sinistra e mette in mezzo un bel pallone rasoterra. Ndidi dai 25 metri spara un gran tiro, che finisce però alto.
70′
– Continua lo sterile possesso palla Albiceleste, ma la Nigeria, per ora, si difende con grande ordine.  
68′
– L’Argentina sembra tornata la squadra abulica delle prime due partite. Le idee latitano e si vede poco movimento senza palla. 
66′
– Pavon prova a beffare Uzoho con un insidioso tiro-cross, ma il portiere nigeriano blocca senza grandi patemi.
64′
– Ammonito Banega per fallo su Ndidi.  
63′
– Fatica l’Argentina a rendersi pericolosa, malgrado la forte spinta offensiva. Momento sportivamente drammatico per l’Albiceleste. 
61′
– Primo cambio Argentina: esce Perez, entra Pavon. 
60′
– I nigeriani sono molto pericolosi in fase di ripartenza, ovviamente gli argentini lasciano spazi essendosi sbilanciati in avanti
57′
– La squadra sudamericana si butta in avanti alla ricerca del gol che ridarebbe la qualificazione.
55′
– Gli uomini di Rohr hanno ritrovato entusiasmo dopo il pareggio, gli argentini invece sembrano molto nervosi. 
53′
– Da Rostov arriva la notizia del vantaggio della Croazia sull’Islanda. Classifica in tempo reale: Croazia 9, Nigeria 4, Argentina 2, Islanda 1.
51′
– GOL NIGERIA! Moses trasforma dagli 11 metri. Nigeria 1-Argentina 1.
49′
RIGORE PER LA NIGERIA! Mascherano stende Balogun in area, Cakir indica il dischetto. Ammonito il difensore argentino.
47′
– L’Argentina riprende da dove aveva terminato nel primo tempo. Pressing alto sui portatori di palla avversari e grande velocità di gioco. 
Iniziato il secondo tempo
!
SECONDO TEMPO

Leggi anche:  Le probabili formazioni di Inter-Real Madrid: Zidane in totale emergenza, Conte lancia Eriksen?

Le squadre stanno rientrando in campo per disputare il secondo tempo. La Nigeria opera un cambio: esce Iheanacho, entra Ighalo.

Al momento l’Argentina riuscirebbe a qualificarsi agli ottavi di finale. Gli uomini di Jorge Sampaoli stanno vincendo per 1-0 contro la Nigeria, grazie al gol di Leo Messi al 14′. Il fuoriclasse Albiceleste, servito ottimamente da un lancio di Banega, entrato in area ha controllato elegantemente la palla e ha fulminato il portiere nigeriano Omeruo. La squadra di Sampaoli sembra trasformata rispetto alle prime due esibizioni: le idee di gioco ci sono, tutti i giocatori sono disposti al sacrificio e la cattiveria non manca. Con questa situazione i sudamericani sono soli al secondo posto del gruppo D con 4 punti, davanti alla Nigeria, terza a quota 3, mentre l’Islanda, che sta pareggiando 0-0 con la Croazia, è il fanalino di coda del girone con 2.

Finito il primo tempo! Le squadre vanno a riposo con l’Argentina in vantaggio per 1-0 sulla Nigeria.
45′
– Concessi 2 minuti di recupero. 
42′
– Etebo prova la conclusione dal limite dell’area, destro sbilenco che si spegne addirittura in rimessa laterale.
41′
– Iheanacho lancia Musa, ma la progressione della punta nigeriana viene fermata in uscita da Armani. 
39′
– Messi serve Di Maria che conclude a rete da posizione angolata, il suo tiro viene ribattuto da un difensore nigeriano.
36′
– C’è solo l’Argentina in campo, i nigeriani faticano a rendersi pericolosi e perdono tutti i duelli.
34′
– Gran calcio di punizione dai 20 metri di Messi che, con Uzoho battuto, colpisce il palo. 
32′
– Ammonito Balogun per gioco falloso su Di Maria. Gli argentini protestano e chiedono il rosso per chiara occasione da gol.
30′
– Messi sembra quello dei giorni migliori e anche Higuain si sta sacrificando con un notevole lavoro di sponda. E’ tutta l’Argentina, comunque, a mostrare un’armonia che non si era vista nelle prime due gare.
27′
– Messi serve splendidamente Higuain che, solo davanti ad Uzoho, conclude sul corpo del portiere nigeriano. 
25′
– Faticano i nigeriani ad abbozzare una reazione, il pressing dei sudamericani è sempre molto intenso e non è facile trovare spazi.
23′
– La squadra di Sampaoli sembra completamente ritrovata ed è molto brillante.
21′
– I nigeriani hanno subito il colpo e sembrano molto nervosi.
18′
– Punizione tagliata dalla sinistra di Di Maria, ma nessun compagno riesce a concludere di testa e l’azione sfuma.
14′
GOL ARGENTINA! Messi raccoglie ottimamente un lancio di Banega e insacca. Nigeria 0-Argentina 1.
13′
– Iheanacho sfrutta un errore di disimpegno degli argentini e si avvia a grandi falcate verso la porta, Mascherano recupera in extremis.
11′
– Avvio di partita equilibrato 
9′
– Musa prova la conclusione da fuori ma il tentativo si spegne in curva.
8′
– Banega serve Tagliafico che, appena entrato in area, prova la conclusione che però finisce alta.
7′
– Bella percussione di Etebo, che salta due avversari e giunto al limite dell’area scaglia un potente destro, ribattuto da un difensore Albiceleste. 
6′
– Pochi spazi lasciati dalle due difese, difficile creare occasioni in questa fese per entrambe le formazioni.
4′
– Ritmi comunque lenti, le squadre si stanno studiando. 
2′
– L’Argentina cerca subito di prendere il comando della partita, aggredendo la Nigeria con un pressing feroce. 
Calcio d’inizio
! E’ iniziata Nigeria-Argentina.
PRIMO TEMPO

Leggi anche:  Super League svizzera: lo Young Boys piega per 2-1 il Basilea, restando da solo in vetta "staccando" il Lugano (1-1 esterno col Servette)

I giocatori stanno facendo in questo momento il loro ingresso in campo. Dopo gli inni nazionali, l’incontro avrà inizio.

Le squadre hanno ultimato il riscaldamento e sono rientrate negli spogliatoi per ricevere le ultime disposizioni dai due ct. Mancano pochissimi minuti all’inizio della partita.

FORMAZIONI UFFICIALI
NIGERIA (3-5-2): Uzoho; Balogun, Trost-Ekong, Omeruo; Idowu, Moses, Ndidi, Mikel, Etebo; Musa, Iheanacho. Ct: Gernot Rohr
ARGENTINA (4-4-2): Armani; Mercado, Otamendi, Rojo, Tagliafico; Perez, Mascherano, Banega, Di Maria; Messi, Higuain. Ct: Jorge Sampaoli

Amici di SuperNews, benvenuti alla diretta scritta di Nigeria-Argentina, partita valida per la terza e ultima giornata del gruppo D del Mondiale di Russia 2018. Pochi minuti fa sono state comunicate le formazioni ufficiali.

PROBABILI FORMAZIONI
NIGERIA (4-3-3): Uzoho; Shehu, Trost-Ekong, Balogun, Idowu; Ndidi, Obi Mikel, Etebo; Moses, Musa, Iwobi. Ct: Gernot Rohr
ARGENTINA (4-3-3): Armani; Mercado, Otamendi, Rojo, Tagliafico; Perez, Mascherano, Banega; Messi, Higuain, Di Maria. Ct: Jorge Sampaoli

Leggi anche:  Piccinini su Conte: "L'Inter non ha avuto ferocia? Troppo semplice. A questo punto anche io potrei fare l'allenatore"

Quella in programma alle 20 a San Pietroburgo è una sfida che potrebbe indirizzare il futuro di questo Mondiale di Russia 2018. Per l’ultima giornata del gruppo D, scendono in campo Nigeria e Argentina, entrambe alla ricerca del pass per accedere agli ottavi di finale.
Sono le Super Aquile a partire con un leggero vantaggio per il passaggio del turno. La formazione di Gernot Rohr occupa la seconda posizione in classifica con 3 punti. Dopo un esordio deludente (sconfitta per 2-0 contro la Croazia), gli africani si sono rifatti nella seconda gara, superando l’Islanda con lo stesso risultato. In caso di vittoria, i nigeriani sarebbero sicuri di accedere agli ottavi di finale, ma potrebbe bastare anche un pareggio, a patto che l’Islanda non batta la Croazia nella partita che si svolgerà in contemporanea a Rostov. In quel caso le due formazioni terminerebbero appaiate in classifica a quota 4 e sarebbe la differenza reti a stabilire chi potrà continuare l’avventura iridata. Quoziente che attualmente premia comunque la Nigeria, in vantaggio con nei confronti del -2 dell’Islanda. Non si dovrebbero vedere grandi stravolgimenti di formazione nella gara di stasera, rispetto all’incontro vinto contro l’Islanda: Musa sarà confermato come terminale offensivo, supportato sugli esterni da Moses e Iwobi. Obi Mikel agirà da regista e Ndidi ed Etebo ricopriranno il ruolo di mezzali.

Più problematica la situazione dell’Argentina. La squadra di Jorge Sampaoli, arrivata in Russia con il dichiarato intento di tentare l’assalto al terzo titolo iridato della sua storia, ha cominciato in maniera pessima il suo Mondiale. Dopo uno scialbo pareggio per 1-1 al debutto contro l’Islanda, nella seconda gara l’Albiceleste è stata completamente asfaltata dalla Croazia, che si è imposta con un secco risultato di 3-0. Risultato che ha portato l’Argentina in fondo alla classifica del girone con appena 1 punto conquistato, alla pari dell’Islanda. I sudamericani sono obbligati a vincere per sperare nella qualificazione, ma conquistare i 3 punti potrebbe non essere sufficiente. Anche nel caso dei vice campioni in carica, un successo dell’Islanda contro i croati complicherebbe tutto. Le due squadre terminerebbero appaiate a quota 4 punti ed entrerebbe in scena la differenza reti, che vede gli argentini in ritardo rispetto ai nord europei (-2 contro -3). Bisognerà quindi cercare di superare la Nigeria con un buon margine di vantaggio per mettersi al sicuro da brutte sorprese. Sampaoli pare orientato a cambiare modulo per la partita di stasera adottando il 4-3-3 e apportando diverse modifiche alla formazione titolare. In porta Caballero, dopo il grave errore commesso contro la Croazia, verrà sostituito da Armani. I terzini saranno Mercado a destra e Tagliafico a sinistra, mentre in linea mediana troveranno spazio Perez, Mascherano e Banega. In avanti la novità è Higuain, supportato da Messi e Di Maria.
Dirigerà l’incontro il sig. Cuneyt Cakir, della federazione turca.

  •   
  •  
  •  
  •