Tour De France tappa 11: Geraint Thomas vince a La Rosiere e conquista la maglia gialla

Pubblicato il autore: Matteo Cartolano Segui

E’ Geraint Thomas la nuova maglia gialla del Tour De France 2018. Il corridore del Team Sky si è infatti imposto nella tappa 11 della Grand Boucle, da Albertville a La Rosiere, andando a riprendere a 400 metri dal traguardo il fuggitivo Mikel Nieve, crollato nel finale e costretto ad accontentarsi del 5° posto di tappa. Alle spalle dell’inglese, staccati di 20”, si sono piazzati Tom Dumoulin e Chris Froome, rispettivamente 2° e 3°, che hanno comunque accumulato un buon margine in classifica generale su Nibali, Bardet e Quintana, giunti sul traguardo 59” dopo il vincitore.
Ora in classifica generale Thomas ha 1’25” sul compagno di squadra Froome e 1’44” su Dumoulin. Tutto però potrebbe cambiare nella tappa 12 in programma domani. Altra frazione durissima. Partenza da Bourg-Saint-Maurice e arrivo in salita all’Alpe d’Huez dopo 175,5 km di corsa. Quattro i GPM da affrontare, due dei quali oltre i 2000 mt di altitudine, di categoria speciale: il Col de la Madeleine e il Col de la Croix de Fer.

CLASSIFICA TAPPA 11 – 1. G.Thomas (Sky) in 3h29’36”; 2. T.Dumoulin (Sunweb) +20”; 3. C.Froome (Sky) s.t.; 4. D.Caruso (BMC) +22”; 5. M.Nieve (Mitchelton-Scott) s.t.; 6. D.Martin (UAE) +27”; 7. J.Herrada (Cofidis) +57”; 8. R.Bardet (AG2R) +59”; 9. V.Nibali (Bahrain-Merida) s.t.; 10. N.Quintana (Movistar) s.t.
CLASSIFICA GENERALE – 1. G.Thomas in 44h06’16”; 2. C.Froome +1’25”; 3. T.Dumoulin +1’44”; 4. V.Nibali +2’14”; 5. P.Roglic +2’23”; 6. S.Kruiswijk +2’40”; 7. M.Landa +2’56”; 8. R.Bardet +2’58”; 9. N.Quintana +3’16”; 10. D.Martin s.t. 

Arrivo: Thomas all’ultimo km scatta e lascia sul posto Dumoulin e Caruso. Ai 400 metri riprende Nieve, lo salta e va a a vincere la tappa, conquistando anche la maglia gialla. Froome, liberatosi della compagnia di Daniel Martin, rientra sui due inseguitori, ma in volata viene battuto da Dumoulin, che si prende il secondo posto. I due arrivano 22” dopo Thomas. Dopo circa un minuto arriva il gruppo di Nibali, Bardet, Quintana e Roglic.
-2 km
: Thomas è rientrato su Dumoulin e Caruso.
-3 km
: Martin, che sembrava in difficoltà, rienttra sul gruppetto dei big e scatta subito. Lo segue Froome e i due guadagnano rapidamente su Nibali, Bardet, Quintana, Roglic e Kruiswijk.
-4 km
: Dumoulin ha ripreso Caruso e Herrada, i tre si trovano a 40” da Nieve. Froome e Bardet scattano in rapida successione, rimangono con loro solo Quintana e Roglic. In difficoltà anche Nibali e Martin.
-5 km
: Nieve ha 30” sugli inseguitori, 1 minuto su Dumoulin e 1’35” sul gruppo.  Geraint Thomas scatta dal gruppo, dal quale aveva perso contatto Egan Bernal, ultimo uomo di Chris Froome. Si stacca anche Mikel Landa.
-6 km
: perdono contatto dal gruppo dei migliori anche Valverde e Fuglsang. Dumoulin mantiene i 30” di margine sui rivali.
-7 km
: Valverde viene ripreso dal gruppo, dal quale perdono contatto anche la maglia bianca Latour, Zakarin, Uran e Jungels. Dumoulin conserva una trentina di secondi sui diretti avversari per la classifica generale.
-8 km
: i due spagnoli rientrano sulla fuga, dalla quale però scatta subito Nieve. Dumoulin stacca Valverde, mentre dal gruppo dei migliori perde contatto Adam Yates.
-9 km
: Jesus Herrada e Dani Navarro, compagni di squadra alla Cofidis, stanno rientrando sul trio di testa. Dumoulin e Valverde sono sempre insieme, ma continuano a perdere dal gruppo. Il loro vantaggio si è ridotto a 20”.
-10 km
: Valgren si stacca dai compagni di fuga, restano in 3 all’attacco.
-11 km
: i 4 fuggitivi hanno 28” di vantaggio su un gruppetto di 7 inseguitori. 
-12 km
: Dumoulin chiede il cambio a Valverde, ma lo spagnolo glielo nega. Il loro vantaggio sui rivali sta scendendo,  ora siamo a 30” di distacco. 
-13 km
: Valverde e Dumoulin mantegono 40” di margine sui diretti rivali per la classifica generale.  
-14 km
: sono rimasti in 4 davanti: Barguil, Nieve, Valgren e Caruso. Dumoulin e Valverde sono a 2’09” dal quartetto di testa, il gruppo è a 2’52”.
-16 km
: iniziata la salita finale. In discesa il gruppo di testa si è frazionato, davanti sono rimasti in 5. Dumoulin ha quasi ripreso Valverde, dal quale è distanziato di 17”. Il gruppo dei big è staccato di 50” dai due. 
-21 km
: Tom Dumoulin, tirato dal compagno di squadra Andersen, tenta di staccare i rivali in discesa.
-25 km
: distacchi invariati durante la fase di discesa. Caduta per Mathias Frank.
-31 km
: Valverde si trova a 2 minuti dai fuggitivi. Il gruppo ha 1 minuto di ritardo dallo spagnolo. 
-38 km
: i fuggitivi sono in vetta alla salita del Cormet de Roseland. Warren Barguil si aggiudica anche questo GPM. Valverde, aiutato sempre da Soler, ha 1’20” sul gruppo. 
-40 km
: Rafal Majka, rientrato in discesa, perde nuovamente contatto dal gruppo dei migliori, tirato sempre dagli uomini Bahrain-Merida. Il ritardo da Valverde si è attestato sul minuto e mezzo. 
-41 km
: Valverde ha un ritardo di 2’42” dai fuggitivi. Il gruppo è a 4’30” e in testa si sono portati gli uomini di Vincenzo Nibali. 
-42 km
: uno dei fuggitivi, Gorka Izagirre, è costretto a fermarsi accusando dei crampi. La fuga perde così un elemento. Il gruppo comincia la terza salita di giornata con un ritardo di 1’20” da Valverde. 
-43 km
: il gruppo di testa è già sulle rampe del Cornet de Roseland. Valverde ha 2 minuti di vantaggio sul gruppo.
-45 km
: Valverde sta aumentando il suo vantaggio in discesa, ora ha 1’40” sul gruppo dei migliori
-47 km
: Valverde transita al GPM con un margine sul gruppo di 1’07”.
-50 km
: Warren Barguil si aggiudica il GPM del Col du Prè. Valverde, che ha trovato sulla strada il compagno di squadra Marc Soler, che era in fuga, ha portato a un minuto il vantaggio sul gruppo.
-51 km
: Valverde ha portato a 40” il margine sul gruppo. Il gruppo di testa si è ridotto a 13 elementi. 
-52 km
: davanti sono rimasti in 15, diversi corridori, tra i quali Julian Alaphilippe, hanno perso contatto. Valverde prosegue nella sua azione, mentre dal gruppo si stacca anche Rafal Majka.
-53 km
: Valverde ha guadagnato 30” sul gruppo.
-54 km
: in testa al gruppo si è portata la Movistar, che ha imposto un’andatura completamente differente. Molti corridori hanno perso contatto, tra i quali la maglia gialla Van Avermaet, Uran e Mollema. Alejandro Valverde prova l’allungo sul gruppo. 
-56 km
: alcuni dei componenti del gruppo di testa hanno perso contatto dai compagni di avventura lungo le rampe del Col du Prè. Ora sono rimasti in 23 al comando.
-57 km
: il gruppo ha ralllentato l’andatura in salita, il margine di vantaggio dei fuggitivi è salito a 6’24”
-58 km
: la fuga ha un vantaggio di 6’09” sul gruppo
-59 km
: nessuno degli attaccanti di giornata sta provando ad allungare lungo la salita per il momento. Il gruppo, guidato dagli uomini del Team Sky, procede ad andatura regolare.
-60 km
: anche il gruppo ha cominciato la salita del Col du Prè, con un ritardo dai fuggitivi di 5’47”.
-62 km
: Barguil, Alaphilippe e De Gendt sono stati ripresi dagli inseguitori. Ci sono ora 30 uomini al comando, con un vantaggio di 5’37” sul plotone.
-64 km
: gli isneguitori si trovano a 20” dal trio di testa.
-65 km
: sta per terminare la discesa per i fuggitivi, che tra meno di 3 km imboccheranno la salita del Col du Prè.
-68 km
: il trio al comando ha circa 25” di margine sugli immediati inseguitori. 
-71 km
: il terzetto di testa procede di comune accordo lungo la discesa.
-75 km
: Alaphilippe è stato raggiunto da Barguil e da Thomas De Gendt. I tre stanno tentando di staccare gli inseguitori. Il gruppo ha un ritardo che supera i 6 minuti.
-78 km
: il francese allunga sui compagni di avventura nel tratto in discesa. 
-81 km
: Julian Alaphilippe si aggiudica il primo GPM di giornata e consolida la sua maglia a pois. 
-82 km
: i fuggitivi sono all’ultimo km dell’ascesa del Montee de Bisanne. Ora sono in 22 a guidare la corsa. Il gruppo è in ritardo di 5’20”.
-83 km
: i fuggitivi si stanno avvicinando alla vetta del Montee de Bisanne. Il margine sul gruppo è aumentato ancora, ora siamo a 5’12”.
-84 km
: il gruppo di testa aumenta ancora di numero. Ora sono in 20 al comando, con un margine di 5 minuti sul plotone.
-85 km
: il ritardo del gruppo maglia gialla dalla fuga è salito a 4’32”.
-87 km
: Pawel Poljanski e Anthony Perez hanno raggiunto i fuggitivi, andando ad ampliare a 8 elementi il gruppo di testa. Gli inseguitori si trovano a 19”, mentre il plotone si trova a 4’22”.

Leggi anche:  Vincenzo Nibali torna all'Astana. Gli obiettivi? Le dichiarazioni del corridore

Amici di SuperNews, benvenuti alla diretta scritta delle fasi conclusive della tappa 11 del Tour De France 2018, la Albertville-La Rosiere. Siamo a 89 km dal traguardo e il gruppo sta affrontando la prima salita di giornata, il Montee de Bisanne. Ci sono 6 uomini in fuga: Romain Sicard, Warren Barguil, Dani Navarro, Damiano Caruso, Tejay Van Garderen e la maglia a pois Julian Alaphilippe. Hanno 13” di margine su un gruppone di 38 inseguitori, mentre il plotone è staccato di 3:45”.

Seconda giornata consecutiva sulle Alpi al Tour De France 2018. La tappa 11 presenta un chilometraggio breve (solo 108,5 km) ma è decisamente impegnativa dal punto di vista altimetrico. Si parte da Albertville, località nota per aver ospitato i Giochi Olimpici invernali del 1992, per arrivare a La Rosiere.
Subito dopo il traguardo volante di Villard sur-Doron, dopo appena 11,5 km di gara, comincia l’ascesa verso il primo GPM di giornata, il Montee de Bisanne. Una salita di categoria speciale lunga 12,4 km con una pendenza media dell’8,2%. Si scollina al km 26 per affrontare una discesa di 17,5 km dopo la quale inizia immediatamente la seconda asperità della corsa, un altro GPM di categoria speciale, il Col du Prè (12,6 km al 7,7%). Si arriva in vetta a 51,5 dal traguardo e dopo una breve discesa, si scala in rapida successione prima il Col du Meraillet, non contrassegnato come GPM e poi il Cornet de Roseland (5,7 km al 6,5%), un 2. categoria la cui sommità rappresenta il punto più alto della frazione odierna con i suoi 1968 mt. Il GPM si trova a 38,5 km dalla conclusione e a quel punto si affronta una lunga discesa che termina a 20 km dal traguardo dove comincia l’ultima salita di giornata, l’ascesa finale verso l’arrivo di La Rosiere. La scalata, un GPM di 1. categoria, misura 17,6 km con una pendenza media del 5,8%. Non è eccessivamente dura, ma dopo le precedenti salite potrebbe fare la differenza, sopratutto se qualche grande della classifica non avrà gestito bene le energie nel corso della tappa.
Oggi i favoriti per la vittoria finale, che nella frazione di ieri si sono limitati a controllarsi, sono chiamati a darsi battaglia su un percorso che favorisce grandi distacchi. Greg Van Avermaet, autore di una grande prestazione ieri che gli ha consentito di conservare a sorpresa la maglia gialla, riparte da Albertville con un vantaggio di 2’22” su Geraint Thomas e 3’10”su Alejandro Valverde. Difficilmente il belga sarà in grado di difendere il primato nella giornata odierna e allora sarà interessante assistere alla lotta tra i big per assicurarsi il primato.

  •   
  •  
  •  
  •