Risultati Europei atletica: le gare di sabato 11 agosto. Oggi 3 quarti posti per l’Italia.

Pubblicato il autore: rizzoli giorgio Segui

Gianmarco Tamberi – Foto Getty Images© scelta da SuperNews[/caption

21.59: classifica finale 4×400 femminile: un altro successo della Polonia con il tempo di 3.26.59; 2° posto per la Francia con 3.27.17; 3° Gran Bretagna 3.27.40; 4° Belgio 3.27.69; 5° Italia 3.28.62.
21.57: 5° posto per l’Italia, con la Grenot che perde 2 posizioni nell’ultima frazione.
21.55: Lukudo si porta al 3° posto in terza frazione.
21.54: prima frazione Italia al 6° posto.
21.52: 4×400 ai blocchi di partenza.
21.47: sta per partire la 4×400 femminile. L’Italia schiera Maria Benedicta Chigbolu, Ayomide Folorunso, Raphaela Lukudo, Libiana Grenot.
21.42: si conclude la gara di disco femminile, con 1° posto per Sandra Perkovic (Croazia) con 67,62; 2° posto per Nadine Muller (Germania) con 63,00 e 3° per Shanice Craft (Germania) con 62,46. Buonissimo 5° posto per Daisy Osakue con 59,32.
21.40: classifica finale 4×400: 1° Belgio, con i 3 fratelli Borlèe, 2.59.47; 2° Gran Bretagna 3.00.36; 3° Spagna 3.00.78; 4° Francia 3.02.08; 5° Polonia 3.02.27; 6° Italia 3.02.34.
21.37: 6° posto finale per l’Italia. Vince il Belgio, davanti a Gran Bretagna e Spagna.
21.35: Italia al 7° posto dopo le prime 2 frazioni.
21.32: alla partenza la 4×400 maschile. L’Italia schiera Edoardo Scotti, Michele Tricca, Davide Re, Matteo Galvan.
21.27: si avviava verso la conclusione la gara di disco femminile, con Nadine Muller (Germania) in testa con 63,00, ma la fortissima croata Sandra Perkovic al 5° turno tira fuori un 67,62 che la porta nettamente al 1° posto.
21.24: un altro successo per la Germania, nel lungo femminile: vince la tedesca Malaika Mihambo con 6,75; 2° posto per l’ucraina Maryna Beck con 6,73; 3° posto per la britannica Shara Proctor con 6,70.
21.19: classifica finale alto maschile: 1° Mateusz Przybylko (Germania) 2,35; 2° Maksim Nedasekau (Bielorussia) 2,33; 3° Ilya Ivanyuk (neutrale) 2,31: 4° Gianmarco Tamberi (Italia) 2,28.
21.15: classifica finale dei 5000 metri: 1° Jakob Ingebrigtsen (Norvegia) 13.17.06 (primato europeo under 20); 2° Henrik Ingebrigtsen (Norvegia) 13.18.75; 3° Morhad Amdouni (Francia) 13.19.14; 4) Yemaneberhan Crippa (Italia) 13.19.85.
21.13: doppietta dei fratelli norvegesi Ingebrigtsen nei 5000 metri. 4° Crippa, autore di una grande gara.
21.12: inzia l’ultimo giro con Crippa in quinta posizione.
21.11: 2,35 nell’alto per il tedesco Przybylko.
21.08: 8.04.91 ai 3000 metri, con Crippa intorno al 6° posto.
21.05: altro errore per Tamberi a 2,33, che chiude quindi la gara al 4° posto.
21.03: 2,33 superati da Nedasekau e Przybylko, mentre Tamberi ha sbagliato la prima prova.
21.00: 2,31 sono superati anche da Ivanyuk e Przybylko e Tamberi decide di passare a 2,33.
20.58: alla partenza i 5000 metri maschili, con Yemane Crippa, bronzo nei 10000.
20.54: asticella a 2,31 che viene superato dal bielorusso Nedasekau. Per Tamberi occorre superare questa misura per andare sul podio, ma il primo tentativo è nettamente sbagliato.
20.48: situazione salto in alto, per ora hanno superato 2,28 Ilya Ivanyuk, Mateusz Przybylko e Gianmarco Tamberi. Ancora in corso i tentativi per alcuni atleti.
20.45: finale 200 metri femminili. Vince la britannica Dina Asher-Smith con 21.89; 2° posto e 3° posto per le 2 atlete olandesi, Dafne Schippers con 22.14 e Jamile Samuel con 22.37.
20.40: nel lungo si porta al comando la tedesca Malaika Mihambo con 6,75.
20.39: si migliora Nadine Muller nel disco con 63,00. Al 2° posto la croata Sandra Perkovic con 59,09 e al 3° l’azzurra Osakue con 58,09.
20.38: trema l’asticella a 2,28, ma rimane su e per Tamberi la supera alla prima prova.
20.35: classifica degli 800 metri. Oro per Adam Kszczot (Polonia) con 1.44.59; argento per Andreas Kramer (Svezia) con 1.45.03; bronzo per Pierre Ambroise Bosse (Francia) con 1.45.30; al 4° e 5° posto 2 polacchi vicinissimi al francese Bosse.
20.34: dopo il nullo al primo turno, Daisy Osakue lancia il disco a 58,09 e si porta provvisoriamente al 2° posto.
20.32: negli 800 metri un altro successo per la Polonia con Adam Kszczot con 1.44.59.
20.31: 53.16 per Bosse al passaggio dei 400.
20.30: partita la finale degli 800 metri maschili.
20.29: Nadine Muller (Germania) bel primo lancio nel disco con 62,00.
20.26: in 3 per ora hanno superato 2,24 alla prima prova. Anche Tamberi ci riesce al secondo tentativo.
20.25: è intanto iniziata anche la gara di disco femminile con in gara l’azzurra Daisy Osakue.
20.24: dopo il primo salto nel lungo femminile è al comando Maryna Bekh (Ucarina) con 6,60.
20.17: Tamberi sbaglia la prima prova a 2,24.
20.16: classifica della finale dei 400 metri femminili: oro per Swiety-Ersetic (Polonia) 50.41, argento per Maria Belibasaki (Grecia), superata proprio sul traguardo, con 50.45 e bronzo per Lisanne De Witte (Olanda) con 50.77
20.14: proprio sul traguardo prevale la polacca Justyina Swiety-Ersetic con un bel 50.41
20.13: partenza dei 400 metri femminili.
20.12: solo Dmytro Demyanyuk (Ucraina) non supera la misura iniziale di 2,19. Si sale ora a 2,24.
20.09: è iniziata la gara di lungo femminile. Non si presenta in pedana Ivana Spanovic (Serbia), una delle favorite, per problemi a un tendine.
20.08: in 9 hanno superato 2,19 alla prima prova.
20.02: Tamberi supera 2,19 alla prima prova.
20.00: si inizia con 2,19.
19.45: fra 15 minuti inizia l’attesa gara di salto in alto, con Giamarco Tamberi, campione europeo uscente. Questi i 12 finalisti: Douwe Amels (Olanda), Maksim Nedasekau (Bielorussia), Konstadinos Baniotis (Grecia), Gianmarco Tamberi (Italia), Dmytro Demyanyuk (Ucraina), Mateusz Przybylko (Germania), Alperen Acet (Turchia), Eike Onnen (Germania), Loic Gasch (Svizzera), Andrii Protsenko (Ucraina), Sylwester Bednarek (Polonia), Ilya Ivanyuk (neutrale).
12.30:
appuntamento alle 20.00 con la finale dell’alto dove ci sarà Gianmarco Tamberi.
12.23: finisce anche la gara femminile con Antonella Palmisano che va sul podio con il 3° posto, dietro la spagnola Perez (1.26.36) e alla ceca Anezka Drahotova (1.27.03). Al 9° posto Valentina Trapletti in 1.29.57. Squalificata Eleonora Giorgi. La Palmisano con 1.27.30 conferma la medaglia di bronzo vinta lo scorso anno ai Campionati Mondiali di Londra, unica medaglia italiana. A Berlino 2018 sono attualmente 3 le medaglie italiane, tutte di bronzo con Crippa nei 10000, Chiappinelli nei 3000 siepi e Palmisano nella marcia 20 km.
12.16: si conclude la gara maschile con la doppietta della Spagna: 1° Martin in 1.20.42; 2° Diego Garcia Carrera in 1.20.48; 3° Vasiliy Mizinov in 1.20.50; 4° Massimo Stano, a un metro dalla medaglia di bronzo, in 1.20.51. Francesco Fortunato è 16° in 1.23.04. Squalificato Giorgio Rubino.
12.09: allunga lo spagnolo Alvaro Martin dopo 1.14′ di gara.
12.07: Massimo Stano in quarta posizione, staccato di qualche secondi da 3 atleti (2 spagnoli e un russo) che hanno qualche metro di vantaggio.
12.04: Perez supera Palmisano e raggiunge la Drahotova.
11.58: al 14° 1.01.18 per Drahotova, 1.01.19 per Palmisano e 1.01.21 per Perez al 14° km.
11.58: passaggio al 15° km della gara maschile: 1.01.15 per Tom Bosworth (Gran Bretagna) e 1.01.16 per altri 4 atleti fra cui Massimo Stano.
11.57: allunga la Drahotova che prende qualche metro di vantaggio sulla Palmisano.
11.54: Massimo Stano prende la testa della gara maschile e allunga il gruppo.
11.49: le donne passano al 12° km in 52’42”, con Palmisano in testa insieme ad Anezka Drahotova (Repubblica Ceca) e a Maria Perez (Spagna)
11.48: passaggio al 13° km in 53’20” per gli uomini, con Stano sempre nelle primissime posizioni.
11.40: nella gara femminile Antonella Palmisano è al 2° posto, guida il gruppo, staccato di qualche secondo rispetto a un’atleta della Lituania. Poco distante Eleonora Giorgi.
11.37: passaggio ai 10 km della gara maschile: un gruppo molto folto passa in 41’08”, fra cui l’azzurro Massimo Stano, costantemente nelle prime posizioni. Poco distante dai primi Francesco Fortunato.
10.55: partita la gara di marcia 20 km, insieme uomini e donne. Per l’Italia in gara Francesco Fortunato, Giorgio Rubino e Massimo Stano per gli uomini e Eleonora Giorgi, Antonella Palmisano e Valentina Trapletti per le donne.
9.00: la gara di marcia 20 km, inizialmente prevista per le 9.05, è stata posticipata alle 10.55 e si svolgerà insieme a quella maschile.

  •   
  •  
  •  
  •