MotoGP: Andrea Dovizioso trionfa a Brno e si rilancia nella lotta per il Mondiale

Pubblicato il autore: Matteo Cartolano Segui

 

Andrea Dovizioso – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Andrea Dovizioso ha vinto il Gran Premio della Repubblica Ceca, decimo appuntamento stagionale del Mondiale MotoGp 2018. Sulla pista di Brno, il forlivese della Ducati ha preceduto il compagno di squadra Jorge Lorenzo e il leader del Mondiale Marc Marquez, al termine di un appassionante lotta a tre che ha infiammato gli ultimi giri di gara. Chiudono la top 10, nell’ordine: Valentino Rossi, Cal Crutchlow, Danilo Petrucci, Johann Zarco, Dani Pedrosa, Alvalo Bautista e Andrea Iannone. Fuori gara dopo tre curve Maverick Vinales. Il pilota Yamaha è rimasto coinvolto in un contatto con Stefan Bradl e Jack Miller.
Marquez resta leader del Mondiale con 181 punti, 49 di vantaggio su Rossi e 68 su Dovizioso, che approfitta della battuta d’arresto di Vinales per portarsi in terza posizione in campionato.

CLASSIFICA GP BRNO – 1. A.Dovizioso (Ducati) in 41’07”718; 2. J.Lorenzo (Ducati) +0”1; 3. M.Marquez (Honda) +0”3; 4. V.Rossi (Yamaha) +2”9; 5. C.Crutchlow (Honda) +2”9; 6. D.Petrucci (Ducati) +3”7; 7. J.Zarco (Yamaha) +6”1; 8. D.Pedrosa (Honda) +7”4; 9. A.Bautista (Ducati) +7”5; 10. A.Iannone (Suzuki) +8”3.
CLASSIFICA CAMPIONATO PILOTI – 1. M.Marquez 181 punti; 2. V.Rossi 132; 3. A.Dovizioso 113; 4. M.Vinales 108; 5. J.Lorenzo 105; 6. J.Zarco 97; 7. D.Petrucci 94; 8. C.Crutchlow 90; 9 A.Iannone e J.Miller 81.
PROSSIMO GP – Austria (Red Bull Ring),12 agosto

Arrivo: Marquez si porta in 2. posizione all’inizio dell’ultimo giro, ma Lorenzo gli risponde subito dopo due curve. La lotta tra i due spagnoli permette a Dovizioso di allungare leggermente, ma Lorenzo recupera il gap in poche curve per tentare un ultimo assalto. Dovizioso però resiste e vince davanti a Lorenzo e Marquez. Chiudono la top 10 Rossi, Crutchlow, Petrucci, Zarco, Pedrosa, Bautista e Iannone.
Giro 20
: nuovo attacco di Lorenzo e altra risposta di Dovizioso, che difende la sua prima posizione. Marquez subito dietro ai due. 
Giro 19
: Lorenzo tenta subito l’attacco su Dovizioso, ma il forlivese risponde al compagno di squadra e mantiene il comando. Dietro i due piloti Ducati, in posizione di attesa, si torva Marquez. 
Giro 18
: i primi tre stano allungando su Crutchlow e Rossi, che sembrano non reggere il ritmo dei rivali. Lorenzo 2° dopo aver passato Marquez. 
Giro 17
: Lorenzo passa Crutchlow e torna in zona podio, al 3° posto. Il maiorchino si avvicina al duo di testa e torna in lotta per la vittoria.
Giro 16
: la dimostrazione che il ritmo di gara non è elevato arriva dal giro veloce realizzato da Alvaro Bautista. Lo spagnolo della Ducati Angel Nieto ha girato in 1’56”772, ma si trova in 11. posizione. Davanti non cambia nulla, con i piloti di testa che mantengono le loro posizioni. 
Giro 15
: Marquez e Crutchlow continuano a tallonare Dovizioso, che non riesce a togliersi gli avversari dalla scia. 
Giro 14
: anche Lorenzo si libera di Rossi e si porta in 4. posizione. 
Giro 13
: il gruppo di testa è sempre compatto, il forcing di Dovizioso per ora non sortisce effetti. Invariate le posizioni. 
Giro 12
: alle spalle dei primi 6, troviamo sempre Zarco. Il francese precede le due Suzuki di Rins e Iannone e Pedrosa. Davanti Dovizioso sta provando ad aumentare il ritmo, ma al momento i rivali rispondono bene. Crtuchlow passa Rossi ed è 3°.
Giro 11
: Dovizioso e Marquez si liberano di Rossi, portandosi in 1. e 2. posizione. Crutchlow è subito dietro il terzetto, a breve distanza Lorenzo e Petrucci.
Giro 10
: Crutchlow passa Petrucci e si porta al 5° posto, successivamente il pilota Honda scavalca anche Lorenzo. I primi tre stanno allungando sui rivali.
Giro 9
: Marquez ripassa Lorenzo e torna 3°. Si ritira Tito Rabat, vittima di problemi tecnici sulla sua Ducati. 
Giro 8
: Rossi supera Dovizioso e passa al comando. Nello stesso momento, Lorenzo si riprende la 3. posizione su Marquez. Iannone scavalca Rins ed è 8°.
Giro 7
: ritiro per Scott Redding, vittima di una scivolata mentre si trovava nelle retrovie. La top 10 vede nell’ordine: Dovizioso, Rossi, Marquez, Lorenzo, Petrucci, Crutchlow, Zarco, Rins, Iannone e Pedrosa.
Giro 6
: giro più veloce di Tito Rabat in 1’56”947. Il pilota Ducati Avintia si trova in 11. posizione, a dimostrazione che il ritmo dei primi al momento non è insostenibile. Il gruppo è ancora piuttosto compatto e i piloti sembrano più preoccupati di preservare gli pneumatici in queste prime fasi di gara. 
Giro 5
: giro veloce di Perucci: 1’56”975. Il pilota umbro si riaccoda al quartetto di testa. Crutchlow ripassa Zarco e torna 6°. Marquez passa Lorenzo e si porta in 3. posizione.
Giro 4
: Dovizioso continua a condurre la gara davanti a Rossi, Lorenzo e Marquez. I due spagnoli sembrano aver annullato il lieve gap dai rivali per la vittoria. Gruppo ancora compatto.
Giro 3
: giro più veloce di Rins in 1’57”165. Il piota Suzuki attualmente è 8°, alle spalle di Zarco. Marquez cerca di ripassare Lorenzo, ma il pilota Ducati chiude ogni varco. Petrucci si porta in 5: posizione, avendo scavalcato Crutchlow, passato anche da Zarco.
Giro 2
: Lorenzo passa Marquez e si porta in 3. posizione. Dovizioso e Rossi allungano lievemente sui rivali. Dietro ai due spagnoli, troviamo Crutchlow e Petrucci. 
Semaforo verde
! Rossi prende il comando alla prima curva seguito da Dovizioso e Lorenzo. Alla curva 3 il pilota Ducati passa in testa, seguito da Rossi, Marquez e Lorenzo. Al termine del primo giro, il pilota di Tavullia riprende il comando, ma Dovizioso risponde subito e ripassa in testa. Fuori gara per una caduta Smith, Miller e Vinales.

Leggi anche:  FC Schalke 04 - Bayern Monaco: 0 - 4, i bavaresi calano il poker e allungano in vetta

E’ iniziato il giro di ricognizione.

Tutti i piloti sono regolarmente schierati sulla griglia. Mancano 10 minuti al via. Le temperature dell’asfalto sono decisamente più basse rispetto alla giornata di ieri (circa 10° C in meno), fattore che potrebbe condizionare l’esito della gara.

Aperta
la pit-lane, i piloti stanno lasciando i box per andare a raggiungere la griglia di partenza. Mancano 30 minuti alla partenza. Il numero dei partecipanti al Gran Premio si riduce a 25: Pol Espargaro, pilota KTM, in seguito a una caduta nel corso del warm-up disputato stamattina, ha riportato la frattura di una clavicola e non potrà quindi prendere parte alla gara. Lo spagnolo sarebbe partito in 7. fila con il 19°tempo.

Amici di SuperNews, benvenuti alla diretta scritta del decimo appuntamento stagionale del Mondiale MotoGP 2018, il Gran Premio della Repubblica Ceca. Mancano 3 ore e 30 minuti alla partenza della gara. In attesa del semaforo verde, rileggiamo insieme la griglia di partenza.

Leggi anche:  LIVE Sci alpino maschile, super G Kitzbuehel 2021 in DIRETTA: inizio ore 10.45

Fila 1: 1. A.Dovizioso (Ducati) 1’54”689/2. V.Rossi (Yamaha) +0”267/3. M.Marquez (Honda) +0”272
Fila 2: 4. J.Lorenzo (Ducati) +0”349/5. C.Crutchlow (Honda) +0”366/6. D.Petrucci (Ducati) +0”514
Fila 3: 7. J.Zarco (Yamaha) +0”532/8. A.Iannone (Suzuki) +0”581/9. A.Rins (Suzuki) +0”742
Fila 4: 10. D.Pedrosa (Honda) +0”785/11. T.Rabat (Ducati) +0”997; 12. M.Vinales (Yamaha) +1”134
Fila 5: 13. F.Morbidelli (Honda)/14. A.Bautista (Ducati)/15. B.Smith (KTM)
Fila 6: 16. H.Syarinh (Yamaha)/17. J.Miller (Ducati)/18. S.Bradl (Honda)
Fila 7: 19. P.Espargaro (KTM)/20. T.Nakagami (Honda)/21. S.Guintoli (Suzuki)
Fila 8: 22. T.Luthi (Honda)/23. K.Abraham (Ducati)/24. A.Espargaro (Aprilia)
Fila 9: 25. S.Redding (Aprilia)/26. X.Simeon (Ducati)

Dopo la sosta estiva, il Mondiale MotoGP torna in pista per disputare il decimo appuntamento stagionale, il Gran Premio della Repubblica Ceca. Teatro della gara è il circuito di Brno, una pista molto tecnica, dove per andare forte è necessario lasciar correre la moto nelle numerose curve a lunga percorrenza che caratterizzano la pista. Il tracciato misura 5,4 km e per portare a termine il Gran Premio i piloti dovranno percorrerlo per 21 volte, coprendo una distanza complessiva di 113,4 km.
Marc Marquez si presenta alla ripresa del campionato con un vantaggio netto in classifica sui suoi più immediati inseguitori Valentino Rossi e Maverick Vinales, staccati rispettivamente di 46 e 56 punti. La gara rischia però di non essere così semplice per il pilota Honda. La pole position è stata ottenuta dalla Ducati di Andrea Dovizioso, chiamato a riscattarsi dopo alcuni risultati negativi che hanno seriamente compromesso le sue possibilità di puntare al titolo iridato, che nelle qualifiche è sembrato imprendibile per tutti. Il forlivese ha fermato i cronometri sul tempo di 1’54”689, distanziando nettamente tutti i rivali. Al suo fianco in prima fila scatteranno la Yamaha di Valentino Rossi e il leader del Mondiale, che hanno però incassato più di due decimi di distacco dal ducatista. La moto di Borgo Panigale sembra la più competitiva sul tracciato ceco e a dimostrarlo ci sono i risultati ottenuti da Jorge Lorenzo e Danilo Petrucci, piloti delle altre due Ducati ufficiali, che partiranno in seconda fila dalla quarta e dalla sesta casella della griglia. Tra loro, la Honda di Cal Crutchlow, autore del 5° tempo in qualifica. Terza fila per la Yamaha Monster di Johann Zarco e per le due Suzuki di Andrea Iannone e Alex Rins, mentre hanno deluso i compagni di squadra di Marquez e Rossi, che troviamo solo in quarta fila: Dani Pedrosa, in sella alla seconda Honda Repsol, scatterà in 10. posizione, ma peggio ancora è andata a Maverick Vinales, che con la seconda Yamaha Factory si è dovuto accontentare del 12° tempo. Tra i due, troviamo la Ducati Avintia di Tito Rabat, autore di un’ottima qualifica, che gli permetterà di scattare dall’ 11. casella della griglia. Menzione speciale per il nostro Franco Morbidelli, al rientro dopo due gare di assenza per la frattura di un metacarpo, che con la Honda Marc VDS si è piazzato al 13° posto, sfiorando l’accesso in Q2 e mettendosi alle spalle diversi avversari dotati di mezzi più competitivi del suo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: