LIVE Ripescaggi Serie B, il Tar smentisce sé stesso:”Domande di ripescaggio inammissibili”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

16:30, Ripescaggi Serie B: il Tar smentisce sé stesso. Quest’oggi il Tar, riunito in nuova “formazione” ha accolto le istanze di FIGC e Lega B che hanno portato alla revoca della delibera di sabato e alla “nuova” efficacia del provvedimento del CONI in base al quale le domande di ripescaggio sarebbero inammissibili. Ora, il prossimo step, mercoledì 26 settembre con la discussione collegiale fissata dallo stesso Tar. Quando tutti sperano possa finalmente arrivare una decisione definitiva

Ripescaggi Serie B, la cronaca di martedì 18 settembre

18:15, ripescaggi Serie B: Frattini fa chiarezza. “Il campionato di Serie B è sospeso”, queste parole di Franco Frattini avevano generato dubbi sullo svolgimento della 4a giornata del campionato cadetto. Poi l’ex ministro, su Twitter, ha corretto il tiro:“Sono sospese solo le partite delle squadre di Serie C interessate ai ripescaggi, venerdì prenderemo una decisione”. Benevento-Salernitana, anticipo serale del venerdì, si giocherà quindi regolarmente alle 21 come previsto.

17:00, ripescaggi Serie B: 4a giornata a rischio?
Franco Frattini ha anche aggiunto che in pratica il campionato di Serie B è sospeso. Di conseguenza anche la quarta giornata del campionato cadetto è a rischio. Venerdì 21 settembre è in programma la seduta del Collegio di Garanzia del CONI e anche l’anticipo serale Benevento-Salernitana. Al momento il regolare svolgimento del match non sembra in dubbio, ma in questa folle estate del calcio italiano nulla è impossibile.

14:15, Frattini sui ripescaggi Serie B. Intervenuto ai microfoni di Inblu Franco Frattini, presidente del Collegio di Garanzia del CONI, ha parlato della situazione intorno alla Serie B:Se è più facile gestire la serie B o un G7? In questo caso ci si confronta con milioni e milioni di sportivi e tifosi che non sentono e vedono ragioni. Fare il giudice in questa materia è molto complicato. o mi occupo anche di processi di mafia, ogni settimana scrivo sentenze sulle infiltrazioni mafiose nell’economia eppure devo dire che questo calcio mi dà qualche problema. Venerdì 21 il Collegio di Garanzia riesaminerà la questione in una composizione completamente nuova e si deciderà se la Serie B sarà a 22 o 19 squadre. Se si dovesse decidere per la prima ipotesi, allora lunedì ci sarebbero le tre ripescate.

12:30, incontro Gravina-Fabbricini sui ripescaggi Serie B. N
ella giornata di ieri c’è stato un incontro tra il presidente della Lega Pro Gabriele Gravina e Roberto Fabbricini, commissario straordinario della Figc. Gravina ha provato a convincere Fabbricini a riaprire autonomamente la strada per i ripescaggi. Uno scenario che difficilmente si verificherà ma, se dovesse accadere la Federazione potrebbe subito tornare sui suoi passi e con un provvedimento in autotutela riportare la Serie B a 22, lasciando a quel punto solo la scelta delle ripescate al Collegio di Garanzia del CONI.

8:15, il 21 settembre la decisione sui ripescaggi Serie B. La lunga estate caldissima del calcio italiano continuerà venerdì 21 settembre. In tale data il Collegio di Garanzia del CONI si riunirà per esaminare i ricorsi di Ternana e Pro Vercelli. se il Collegio deciderà di tornare a 22, lunedì 24 settembre alle 14:30 verranno discussi i ricorsi di Ternana, ProVercelli e Siena sui criteri di ripescaggio che riguardano anche il Catania e il Novara. Due di queste cinque squadre, eventualmente, non verrebbero ripescate. Tutto può davvero succedere.

Ripescaggi Serie B, la cronaca di lunedì 17 settembre

20:15, ripescaggi Serie B: la Ternana torna a sperare. Stefano Ranucci, presidente della Ternana, si è soffermato sulla vicenda dei ripescaggi. Ecco quanto dichiarato:”Ci aspettavamo l’ultima risposta del TAR, non siamo sorpresi. Adesso, è necessario fare tutto velocemente perché dobbiamo sconfiggere il tempo, il nostro avversario. Frattini ha detto che verrà convocato un nuovo Collegio di Garanzia del CONI, anche se probabilmente verrà cambiato collegio giudicante. Il risarcimento è una cosa positiva, ma il nostro obiettivo è rientrare nella categoria che ci apparteneva tempo fa”.

12:45, ripescaggi Serie B: rinviate le partite della Viterbese. Alla fine ha avuto ragione lui, per ora. Camilli, vulcanico presidente della Viterbese aveva minacciato di non far scendere la sua squadra in campo. Il numero uno dei laziali ritiene sbagliato aver inserito i suoi nel girone C, quella meridionale. In virtù di questa minaccia e della prossima riunione del Collegio di Garanzia del Coni, i primi match della Viterbese sono stati rinviati a data da destinarsi. Se mai si giocheranno.

10:15, Ripescaggi Serie B, decisione in settimana. 
Cambio di programma sui ripescaggi in Serie B a cui puntano diversi club attualmente iscritti in Serie C (Catania, Novara, Pro Vercelli, Robur Siena, Ternana) le cui gare sono state sospese al momento. La decisione che le riguardava infatti era prevista per l’inizio di ottobre,  ma questa mattina Franco Frattini, presidente del Collegio di Garanzia del CONI, ha infatti annunciato che la decisione potrebbe arrivare già in settimana, ribadendo inoltre la sua posizione a favore del ritorno della serie cadetta a 22 squadre:“Le parti in causa riceveranno oggi richiesta di rinuncia a tutti i termini affinché io possa convocare il Collegio già in settimana per una decisione sulla serie B a seguito del decreto Tar Lazio”.

Ripescaggi Serie B, la cronaca di sabato 15 settembre

Ripescaggi Serie B, non è ancora finita. La parola fine alla telenovela della Serie B e della Serie C non è ancora conclusa. Oggi la decisione del Tar ha riaperto ogni discorso.  Il Tribunale Amministrativo del Lazio, infatti, ha accolto il ricorso presentato da Ternana e Pro Vercelli e ora la commissione dovrà riunirsi nuovamente per esprimersi sul futuro della prossima Serie B. Preso atto della decisione del Tar, si va verso il rinvio fino al 9 ottobre(data in cui si riunirà il Tar), delle gare di campionato di Ternana, Pro Vercelli, Catania, Novara e Siena.

Ripescaggi Serie B, la cronaca di mercoledì 12 settembre

15:10, rinviata l’udienza del Catania sui ripescaggi Serie B. Nuovo capitolo della saga sul blocco dei ripescaggi: il Tribunale Federale Nazionale della FIGC, discutendo il ricorso presentato dal Catania, oggi ha disposto il rinvio della discussione al 28 settembre in modo da accorpare tutti i ricorsi degli altri club coinvolti. La decisione di oggi segue la sentenza di “inammissibilità” formulata ieri dal Collegio di Garanzia dello sport presso il CONI con cui di fatto si è dirottato di nuovo il processo dal primo grado endofederale. Era presente oggi anche il Novara.

12:50, il Catania non molla sui ripescaggi Serie B. Non è ancora finita, questo è quanto sostiene Pietro Lo Monaco sui ripescaggi Serie B. L’amministratore delegato del Catania, a margine della presentazione dei calendari di Serie C, ha così parlato:”Il Collegio arbitrale ha rigettato tutti i ricorsi. Il Catania ha seguito l’iter, oggi andremo al TFN a prospettare le proprie ragioni. Il TFN deciderà se la B andrà avanti a 19 oppure va cambiata a 22 squadre. Secondo me non è finita.  Mi auguro che il TFN decida e metta la parola fine a questa querelle che ha fatto male al nostro calcio. Questa è la goccia che ha fatto traboccare il vaso, il nostro calcio è gestito sempre dagli stessi pupari. Quelli che vogliono il non governo, così governano loro. Tutto ciò è frutto del lavoro di questa gente, a partire dai risultati della nostra nazionale fino ad arrivare a quanto emerso in questa estate. Il sistema è bacato, porta allo sfacelo”.
10:30, entro oggi i ricorsi per i ripescaggi Serie B.
Detto del Catania, resta da capire le mosse delle altre società interessate ai ripescaggi. Devono sbrigarsi, perché la strada del TFN è corretta ma va percorsa in tempo: il termine per proporre ricorso scade infatti oggi, a 30 giorni dalla decisione di Lega B e FIGC relativa al blocco dei ripescaggi.

9:00, oggi il ricorso del Catania sui ripescaggi Serie B. Non è finita, non è ancora finita. La lunga estate caldissima del calcio italiano continua oggi. Alle 14, dal Tribunale Federale Nazionale, verrà esaminato il ricorso del Catania. I siciliani sono l’unica società tra le “ripescabili” ad essersi rivolta al Giudice di primo grado in merito alla chiara illegittimità delle suddette delibere del Commissario. Sempre nella giornata di oggi nasce la Serie C, a 59 squadre. Alle 11:30 verranno compilati i calendari, si partirà il 18-19 settembre. Ma se le società troveranno gli accordi giusti si potrà cominciare a giocare anche il 16-17 settembre.

Ripescaggi Serie B, la cronaca di martedì 11 settembre

21:10, ripescaggi Serie B: domani il ricorso del Catania. Il Calcio Catania, unica società tra le “ripescabili” ad essersi rivolta al Giudice di primo grado in merito alla chiara illegittimità delle suddette delibere del Commissario, evidentemente viziate sul piano formale e sostanziale, confida adesso nell’accoglimento delle istanze per la tutela del format della Serie B a 22 e per la conseguente immediata ammissione al campionato di Serie B delle tre società “ripescabili” aventi diritto. Il Tribunale Federale Nazionale, come noto, ha fissato l’udienza del 12 settembre, con inizio alle ore 14:00, per la trattazione del ricorso del Calcio Catania.

20:45, Frattini conferma il suo dissenso sulla decisione sui ripescaggi Serie B. 
Una decisione che farà discutere. E fa discutere già oggi: il Collegio di Garanzia del CONI ha avallato la scelta della B di disputare il campionato a 19 squadre. Col parere contrario del presidente Franco Frattini, che via Twitter chiarisce ancora una volta la sua posizione: “È la prima volta che il Collegio si spacca e che il Presidente vota contro,non condividendo la scelta e sostenendo invece la B a 22 Sono queste le regole da giudice ho votato in coscienza ma ovviamente sono rattristato.I Colleghi hanno deciso diversamente”.

20:00, il Catania insiste sui ripescaggi Serie B. La calda estate dei tribunali non finisce oggi. La partita è ancora tutta da giocare, e domani sarà una data cruciale in tal senso: sarà discusso il ricorso del Catania al Tribunale Federale Nazionale, contro gli atti di Lega B e FIGC. La strada, ricordiamo, che il Collegio di Garanzia del CONI ha indicato come formalmente corretta. E la decisione del TFN potrebbe ribaltare ancora una volta il tavolo.

19:20, ripescaggi Serie B: domani i calendari di Serie C.
 Domattina alle 11:30 si delinea la nuova Serie C. Con 59 squadre: la Lega Pro ha reso noto che in tale occasione saranno stilati e resi noti i calendari per la prossima stagione. Impossibile aspettare oltre, nonostante, come ha dichiarato Frattini, ci sia il rischio di nuovi ricorsi.

18:45, ripescaggi Serie B: si resta a 19 squadre.
Tanto tuonò che non piovve, la Serie B resta a 19 squadre. Il presidente del Collegio di Garanzia del CONI, Franco Frattini:”La Serie B resta a 19 squadre, dichiarati inammissibili i ricorsi presentati. Per la prima volta nella mia carriera da presidente ho votato contro questa decisione, che è stata presa a maggioranza. Una maggioranza di 3 a 2. Il mio voto contrario è in una dichiarazione ufficiale che è parte della sentenza, che dichiara l’inammissibilità di tutti i ricorsi”.

18:30, sale l’attesa per le sentenze sui ripescaggi Serie B. Si avvicina il momento della verità per il futuro dei campionati di Serie B e Serie C. Intanto anche Domenico Di Carlo dice la sua sulla questione ripescaggi:”Certamente parliamo di un qualcosa di paradossale, unico nel suo genere. Io ho fiducia nella giustizia e mi auguro che le cose vengano fatte con criterio: a emergere deve essere la regola”.

18:00, il presidente del Padova commenta i possibili ripescaggi Serie B. Roberto Bonetto, presidente del Padova neopromosso in B, dalle colonne del Corriere del Veneto si è scagliato già nella giornata di ieri contro il possibile ritorno della cadetteria a 22 squadre: “Sono arrabbiato, deluso e pure indignato, venerdì si è scritta una pagina nera, anzi nerissima per il calcio italiano, che non trova pace. E che sta tradendo la fiducia dei tifosi e di chi sta valutando se investire o meno in questo movimento.  Per organizzare una trasferta, forse non tutti se ne rendono conto, servono risorse, energie e prenotazioni di alberghi e voli aerei. È completamente fuori luogo immaginare di poter cancellare cose già organizzate da tempo”.

17:10, Cellino duro sui ripescaggi Serie B. Nei giorni scorsi ha preso la parola Massimo Cellino, numero uno del Brescia la possibilità del ritorno della Serie B a 22 squadre. “Se succede vuol dire che il calcio italiano è diventato una barzelletta, Se la B tornerà a 22 non mi resterà che prenderne atto, ma sarebbe l’ennesima conferma che è impossibile fare calcio in Italia, che questa è diventata la Repubblica delle banane.  A quel punto dovrei per forza fare un passo indietro e ridimensionare tutti gli investimenti importanti che sto facendo da quando sono arrivato a Brescia”. Pochi minuti fa il presidente del CONI Giovanni Malagò ha lasciato gli uffici del comitato olimpico: ricordiamo che ovviamente il numero uno non ha alcun compito da svolgere in ordine alla sentenza, ma è come tanti altri in attesa di sapere cosa ha deciso il Collegio di Garanzia.

15:10, la posizione della Serie C sui ripescaggi Serie B.
Come scrive TuttoC.com alle 18 si terrà il Consiglio di Lega Pro a Firenze con il presidente Gabriele Gravina e i consiglieri che aspetteranno la sentenza del CONI, attesa in serata. Se arriverà tardi è probabile che la compilazione del calendario slitterà a domani in giornata. Da capire quando verranno ufficializzati i gironi. Da capire quando verranno ufficializzati i gironi: le varie ipotesi, che tengono conto di eventuali ripescaggi o di un blocco completo, sono già pronte da tempo: potrebbero anche arrivare in serata se le tempistiche lo permetteranno. altrimenti slitteranno a domani con i calendari. Resta in piedi, infine, l’ipotesi che tutto avvenga in giornata ma per avere gironi e calendari stasera il CONI non dovrà tirarla troppo per le lunghe. Anche se Frattini, presidente del Collegio di Garanzia, ha ben specificato che la sentenza sui ripescaggi in Serie B arriverà questa sera

Leggi anche:  PSG-Bayern Monaco, Choupo-Moting non basta: bavaresi eliminati

14:30, la posizione delle società coinvolte nei ripescaggi Serie B. Sono cinque le squadre che guardano con massima attenzione ai verdetti del Collegio di Garanzia del CONI. In primis il Siena, che ha dimostrato di avere tutti i requisiti in caso di ripescaggio. Poi il Catania, che grazie al ricorso vinto dal Novara è in prima fila per eventuali ripescaggi. Nella graduatoria delle possibili ripescate c’è anche la Pro Vercelli, che parte indietro rispetto alle prime due già citate. In posizione simile ai bianchi piemontesi c’è la Ternana, i rossoverdi hanno concluso all’ultimo posto il campionato di Serie B 2017/2018.

13:25, sentenze ripescaggi Serie B fanno slittare i calendari di C? Non solo il futuro della Serie B, ma anche quello della Serie C. Le decisioni influiranno anche quello della terza serie del calcio italiano. Il presidente della Lega Pro, Gabriele Gravina, aveva dichiarato di voler formare i calendari subito dopo le sentenze. Ma dipenderà dall’ora di uscita delle sentenze. In caso di orario tardivo ecco che il tutto potrebbe slittare a domani. Ci sarà il tempo per far cominciare il campionato di C nel weekend? Lo scopriremo nelle prossime ore.

12:20, ecco le ripercussioni delle sentenze sui ripescaggi Serie B.
 La Gazzetta dello Sport, nelle pagine dedicate alla Serie B, propone un approfondimento sulla vicenda dei ripescaggi nella serie cadetta. Il quotidiano analizza anche i probabili strascichi che il verdetto del Collegio di Garanzia del CONI porterà con sé: “Chi riterrà di aver subito un’ingiustizia si rivolgerà al Tar del Lazio. Almeno per chiedere dei maxi risarcimenti alla FIGC. Una minaccia sventolata nel caso si riaprissero i ripescaggi, anche da alcune delle 19 società che hanno conquistato sul campo il diritto di disputare il campionato di B. Giovedì, poi, al Tribunale amministrativo, discuterà il suo ricorso per ritrovare un posto in B anche l’Avellino, che la vicenda Finworld ha recentemente ringalluzzito”.

10:30, le parole di Spinelli sui ripescaggi Serie B. Il presidente del Livorno ha detto la sua sul caos Serie B-Serie C. Spinelli ha parlato ai microfoni di Telecentro:”E’ giusto non ripescare nessuna squadra, le società devono rispettare le regole e conquistare la promozione sul campo. Noi abbiamo lottato per campionati interi, fallendo anche l’obiettivo alcune stagioni fa, ma ripartendo, stringendo i denti con tanta determinazione. La promozione ce la siamo sudata sul campo. Ora leggo di squadre che vorrebbero salire in B con quale diritto. Sarebbe troppo facile. Ripescare queste squadre sarebbe un insulto a società come la nostra che hanno lottato fino alla fine per vincere il campionato guadagnandosi la promozione sul campo”. 

9:30, il giorno del giudizio sui ripescaggi  Serie B. A meno di clamorosi rinvii oggi dovrebbe essere il giorno giusto per dare un volto definitivo alla Serie B 2018/2019. Entro questa sera dovranno arrivare le sentenze del Collegio di Garanzia del CONI. Il presidente del Collegio, Franco Frattini, ha rassicurato tutti sulla tempestività delle sentenze. In tal caso si formerebbero subito i calendari della Serie C, almeno così ha annunciato il presidente della Lega Pro Gravina. In modo da far iniziare i campionati di terza serie già nel weekend.

Ripescaggi Serie B, la cronaca di lunedì 10 settembre

20:15, Frattini:”Martedì sera la sentenza sui ripescaggi Serie B”. Pur da lontano, dalla Moldavia, Franco Frattini rassicura i tifosi sulla tempestività delle decisioni del Collegio di Garanzia del CONI. L’ex ministro risponde ad un tifoso su Twitter, annunciando per martedì il giorno buono per le sentenze.

19:40, la posizione del Catania sui ripescaggi Serie B. Pietro Lo Monaco, amministratore delegato del Catania, intervenuto ai microfoni di Itasportpress.it, ha dichiarato:“Nell’ambito di tutte le controversie emerse, auspico che si giudichi rispettando la legge e senza giochi di prestigio.  Penso che il presidente Franco Frattini stia capendo che non è semplice negare al Catania una B sacrosanta perché vorrebbe dire andare contro la legge. Nell’udienza di venerdì scorso abbiamo esposto bene tutto e tutelato i nostri interessi.  Adesso ci aspettiamo una decisione che rispetti le regole e non voglio pensare che si costruiscano strane congetture in queste ore che ci separano dalla sentenza del CONI”.

18:40, sentenza ripescaggi Serie B arriva domani? E’ attesa spasmodica per le decisioni del Collegio di Garanzia del CONI in merito al caos Serie B – Serie C.  Presidente del Collegio di Garanzia l’ex ministro degli esteri Franco Frattini, un uomo al quale è stato affidato, assieme ai suoi colleghi, il destino del calcio italiano. Spicca, proprio per questo motivo, la foto che ritrae quest’ultimo a Tiraspol, centro amministrativo della Transnistria, regione secessionista della Moldavia come rappresentante dell’OSCE, l’Organizzazione per la sicurezza e la Cooperazione in Europa, con l’obiettivo di promuovere la cooperazione fra il governo moldavo e quello della Transnistria. I professionisti del Palazzo del calcio hanno anche altre mansioni, altri impegni, altre realtà da vivere e gestire. E poi ci si chiede il perché di tempi così lunghi. Da Roma alla Moldavia il viaggio non è di poco conto.

Leggi anche:  Gasperini e gli insulti all'ispettore antidoping. Ecco i dettagli

17:00, continua l’attesa per le sentenze sui ripescaggi Serie B. Tra oggi e domani sono attesi i verdetti da parte del Collegio di garanzia del CONI che deciderà se lasciare tutto invariato, con la B a 19 squadre, o ricorrere ai ripescaggi e quindi aumentare i club a 22.  Una situazione surreale che ha lasciato perplessi i tanti dirigente della cadetteria compreso il presidente del Cosenza, Eugenio Guarascio, che ha rilasciato le seguenti dichiarazioni. “Sulla nostra pelle stiamo sopportando una pagina nera per il nostro calcio. Noi presidenti investiamo soldi, risorse e tempo. Ripeto: stiamo operando contro i nostri interessi perché contrariamente a quello che viene detto diminuendo il numero delle partecipanti aumenta il rischio di retrocedere”.

14:45, il Bari spera con i ripescaggi Serie B. Non è chiaro ancora quando arriveranno le sentenze del Collegio di Garanzia del CONI, ma con il passare delle ore appare sempre più martedì il giorno buono. La situazione della Serie B è strettamente collegata a quella della Serie C. Con la B a 22 squadre ci sarebbe bisogno di altre tre squadre per arrivare al format di 60 club previsto dalla Lega Pro. In questo caso ci sono Bari, Avellino, Messina e Modena che tornerebbero a sperare di giocare tra i professionisti.

11:25, Siena in pole per i ripescaggi Serie B. Anche Sportmediaset parla dell’attesa delle sentenze del Collegio di Garanzia del CONI. Il ritorno al format dei 22 club per la B sembra la strada più percorribile. In tal caso, il Collegio (presieduto da Franco Frattini) dovrebbe esprimersi anche sulle tre squadre da ripescare alla luce dei ricorsi presentati da Ternana Pro Vercelli. Chi ha il posto assicurato in caso di ripescaggi è il Siena, che sarebbe al terzo posto della graduatoria nel caso in cui il Coni confermasse la presenza di Novara e Catania nella classifica o addirittura al primo nel caso in cui Ternana e Pro Vercelli vincessero il ricorso. Spettatrice interessata è anche la Virtus Entella che ha presentato domanda di ripescaggio relativa al caso Cesena, penalizzato per le plusvalenza fittizie. Contando anche l’Avellino, che chiede la riammissione in Serie B. C’è anche un’ipotesi, poco probabile ma possibile, di una Serie B a 24 squadre.

9:15, settimana decisiva per i ripescaggi Serie B.
Non si scappa più, nelle prossime ore dovranno arrivare le sentenze dal Collegio di Garanzia del CONI sui ripescaggi  della Serie B. C’è da stabilire il format della Serie B, con relativi ripescaggi, e la formazione dei calendari di Serie C. La Lega Pro ha fretta, il presidente Gravina vuole far cominciare il campionato di C nel prossimo weekend. A patto che le sentenze arrivino entro martedì, altrimenti non ci sarebbero i tempi tecnici per organizzare le trasferte. La lunga estate caldissima del calcio italiano sta per finire. Ma qualunque sia, non sarà un lieto fine per tutti. Questo è sicuro.

Ripescaggi Serie B, la cronaca di domenica 9 settembre

22:25, le parole di Malagò sui ripescaggi Serie B. “I ricorsi sulla Serie B? Sbagliato dare giudizi, vedo che tanti altri lo fanno io invece ho grande rispetto. Vediamo cosa accadrà martedì o mercoledì. Vorrei pensare che sia un ulteriore elemento di riflessione e serietà proprio per la complessità della materia. Questo fa onore a chi ha voluto il più possibile della decisione da prendere”. Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commentando l’attesa sentenza del Collegio di Garanzia dello sport sui ricorsi contro il blocco dei ripescaggi della Serie B. “Il Collegio di Garanzia non è del Coni ma dello Sport, c’è tutta una dinamica su cui il Coni è semplicemente spettatore”. L’attesa continua.

17:00, le replica del Catania sui ripescaggi Serie B.
Dura replica della società rossazzurra alle indiscrezioni delle ultime ore . I siciliani hanno emesso un comunicato di risposta:“Non ci si può esimere dal rilevare che la sanzione comminata al Calcio Catania nella stagione sportiva 2016/2017 non attiene ad un illecito sportivo, così come tra l’altro confermato dalle sezioni unite della Corte Federale di Appello – si legge nel comunicato –  e, comunque, si riferisce a fatti occorsi nell’anno 2015. Non possono sfuggire al riguardo i principi sanciti dai Giudici del TFN e poi confermati dalla CFA, nelle sentenze emesse nel giudizio promosso dal Novara Calcio. Ferma restando, dunque, l’assoluta infondatezza di quanto contenuto nella ‘clamorosa indiscrezione’, ci si pone alcuni interrogativi che siamo certi non sfuggiranno ad un’attenta Autorità Giudiziaria alla quale la Società sta valutando di rivolgersi.  Qual è la fonte di tale ‘clamorosa indiscrezione’, che addirittura riferirebbe di un orientamento di Giudici riuniti in Camera di Consiglio e, quindi, tenuti all’osservanza di un rigoroso silenzio? In ogni caso si deve rilevare, a questo riguardo, che nessuna delle parti del giudizio ha prospettato tale questione a giudici del Collegio di Garanzia, sicché la questione è del tutto estranea al thema decidendum”.

13:00, Sono attese al massimo per martedì 11 settembre le sentenze sui ripescaggi Serie B. Un’indiscrezione si sta facendo strada nelle ultime ore. Secondo queste voci Catania e Novara sarebbe fuori dai ripescaggi in caso di ritorno della Serie B al format a 22 squadre. Etnei e piemontesi sono incorsi in penalizzazioni nella ultime stagioni per illecito sportivo e quindi non sarebbero ammissibili alla graduatoria dei ripescaggi. A precludere la partecipazione al prossimo campionato cadetto sarebbe il comma D3 del Comunicato Ufficiale Nº 54 del 30 maggio 2018, ancora vigente. Gli etnei hanno scontato, infatti, nella stagione sportiva 2016/2017 sanzioni per illecito sportivo, ma erano rientrati nella graduatoria per i ripescaggi dopo aver beneficiato della sentenza del TFN favorevole al Novara che aveva fatto cadere il diniego a partecipare alle graduatorie per i ripescaggi per quei club che avessero subito sanzioni nelle tre stagioni precedenti. La patata in mano al Collegio di Garanzia del CONI si fa sempre più bollente. Anzi, infuocata.

Ripescaggi Serie B, la cronaca di venerdì 7 settembre

22:00, l’amarezza di Gravina sulle mancate sentenze sui ripescaggi Serie B.  Si conclude un’altra giornata amara per il calcio italiano. A TuttoMerctoWeb.com parla il presidente della Lega Pro Gabriele Gravina: “Non ho parole, e non mi va neppure di commentare. Prendo atto di quanto accaduto, non si tiene conto degli effetti negativi che questa presa di posizione ha su tutto il resto: non ci sono più punti di riferimento. Io adesso aspetterò solo che mi vengano comunicate quelle che saranno le partecipanti al prossimo campionato”.

20:30, ripescaggi Serie B: la Serie C non comincerà il 15 settembre. La Lega Pro, preso atto della decisione del Collegio di Garanzia del Coni che slitta alla prossima settimana, suo malgrado, si vede costretta a rimandare i calendari. Seguiranno comunicazioni sulla nuova data nei prossimi giorni”.  Questa la nota stampa con cui la Lega Pro ha ufficializzato la decisione di rinviare la presentazione dei calendari, inizialmente in programma per domani. Di fatto, slitterà ancora l’inizio del campionato, programmato per il 15 settembre: impensabile organizzare le trasferte delle società in così poco tempo. Rinviate le sentenze sulla B, il CONI ha dichiarato cessata la materia del contendere per quanto riguardante la convocazione dell’assemblea elettiva. È arrivata, in pratica, una sola decisione: il calcio femminile torna alla FIGC, che vince il ricorso contro la LND.

Leggi anche:  Juventus, uno tra Dybala e Ronaldo è di troppo: fissati gli incontri per decidere il futuro

19:20, sentenze sui ripescaggi Serie b rinviate a martedì. Il  presidente del Collegio di Garanzia del CONI, Franco Frattini spiega a RaiSport la decisione di rinviare a martedì la promulgazione delle sentenze: “Non è giusto decidere frettolosamente circa una questione così importante come quella del format di Serie B, quindi decisione rinviata all’inizio della prossima settimana”.

18:30, anche la Ternana aspetta le sentenze sui ripescaggi Serie B. 
Raggiunto da UmbriaON a margine del dibattimento in corso a Roma, il presidente della Ternana Stefano Ranucci non azzarda previsioni sulla decisione del CONI:”Aspettiamo i dispositivi, vedremo. Inutile esplicitare le nostre sensazioni. Alla Corte Federale d’Appello abbiamo detto delle cose e poi è andata diversamente. Commenteremo solo la sentenza”.

17:30, collegio giudicante in camera di consiglio per i ripescaggi Serie B. Variegate, ma ovviamente con lo stesso fine, le posizioni dei diversi club interessati a ripristinare il campionato di B a 22 squadre. Si va dall’evidenziare che non vi era alcuna fretta di iniziare il campionato, facendo riferimento al caso Cosenza-Verona (argomentazioni del Siena), alle competenze federali (Pro Vercelli). La posizione di fondo, comunque, è chiara: stravolgere il formato del campionato è stato un errore e un atto illegittimo.  Siamo sempre in attesa delle sentenze, previste dalle 19 in poi (è comunque probabile che prima delle 20 non si abbiano responsi). Il collegio giudicante del CONI è in camera di consiglio per deliberare.

16:30, attesa per le sentenze sui ripescaggi Serie B. 
Conclusa anche l’udienza relativa ai criteri di ripescaggio. Il Novara ha chiesto l’inammissibilità dei ricorsi di Siena, Ternana e Pro Vercelli: non avendo fatto ricorso il FIGC, secondo la tesi del club piemontese non potevano farlo neanche queste tre squadre. Serviranno, almeno, tre ore per avere le sentenze relative alle udienze trattate oggi. La promulgazione delle decisioni è infatti prevista dalle 19 in poi. Ricordiamo che, fra i temi trattati, vi sono quello relativo alla composizione della Serie B (19 o 22 squadre) con relativi criteri di ripescaggio, ma anche la pertinenza del calcio federale (FIGC o LND) e la questione relativa alla convocazione dell’assemblea elettorale.

14:25, conclusi gli interventi per i ripescaggi Serie B. Conclusi ora gli interventi dei legali dei club di B, ora spazio ai legali di Serie B e FIGC. In seguito spazio a delle veloci controdeduzioni e infine, si chiuderà l’udienza, in attesa dei verdetti della serata.  Con la B a 22 squadre si riaprirebbe anche il mercato per i tre club ripescati che dovrebbero avere una settimana o dieci giorni di proroga per operare. A cascata, stessa situazione per eventuali ripescate in Serie C.  Cambierebbe la lotta per la promozione ma soprattutto perché alla finestra restano, tra le altre, Bari, Prato, Santarcangelo Como e Messina, che a vario titolo vorrebbero entrare in terza serie.

13:30, ecco le squadre che chiedono i ripescaggi Serie B. E’ iniziata in questi minuti l’udienza per quanto riguardo il campionato di Serie B a Roma: i club esclusi dal torneo cadetto, attraverso i propri legali, esporranno ora le proprie tesi e spiegheranno perché la Serie B dovrebbe tornare a 22 squadre. Sentenze attese per la prima serata.

13:00, cominciata l’udienza per i ripescaggi Serie B. Nel pool di legali che difenderà gli interessi del Catania davanti al Collegio di Garanzia del Coni, c’è anche l’avvocato Eduardo Chiacchio, queste le sue parole a Umbria Tv: “Penso si possa ripristinare il naturale format di 22 squadre cosi come era stato concepito. Ritengo che ridurre il campionato a 19 squadre sconvolgendo il format sia stato un arbitrio, al di la degli interessi di parte – prosegue Chiacchio –  Per me bisogna tornare a 22, ritengo sia giusto non sconvolgere le regole in corso. È un principio fondamentale in qualsiasi forma di giudizio”. La Serie B, per non farsi trovare spiazzata, ha già un piano d’emergenza. Lasciare invariate le prime tre giornate incrociando le tre ripescate tra loro e con la squadra che a turno ha riposato, far recuperare queste partite nel corso del campionato e poi rifare il calendario dalla quarta giornata in poi. L’unica possibilità per salvare la regolarità del torneo. Intanto anche la Lega Pro aspetta: per sabato il presidente Gravina ha convocato  il Consiglio di Lega che dovrà decidere i gironi e poi occuparsi di fare i calendari, impossibili fino a quando non sarà chiaro il numero delle partecipanti.

11:30, il Catania contro Fabbricini per i ripescaggi Serie B. Il Catania è una delle società maggiormente colpite da questa decisione: gli etnei, prima dell’intervento della FIGC, sembravano ad un passo dalla Serie B ed ora accusano Fabbricini di abuso d’ufficio, avendolo anche denunciato alla Procura della Repubblica. Per il Catania, il commissario della Figc ha messo in atto “un abuso dei poteri del suo ufficio, una nuova norma che gli consentisse di perseguire il suo obiettivo di formare un campionato di calcio di Serie B con solo 19 squadre. Fabbricini ha “posto in essere un atto arbitrario finalizzato a favorire il maggior vantaggio patrimoniale delle società, che tale manovra hanno ispirato”. Gli scenari per i ripescaggi sono due: Siena con Novara e Catania o sempre i toscani con Ternana e Pro Vercelli. Rimane a guardare interessata la Virtus Entella, che ha la domanda di ripescaggio relativa al caso Cesena-plusvalenze. Rimane ovviamente percorribile anche la terza via, quella del mantenimento della categoria a 19 squadre.

11:00, le parole di Gravina sui ripescaggi Serie B.  Ai microfoni di TuttoC.com, nella giornata spartiacque per il calcio italiano, ha parlato il presidente della Lega Pro Gabriele Gravina. “Sono fiducioso perché credo nel rispetto delle regole. Mi aspetto che venga ripristinato l’equilibrio attraverso le norme. Ho piena fiducia negli organi di giustizia e seguendo le normative, queste dicono che quel tipo di provvedimento non era assolutamente applicabile e non era neppure ipotizzabile. La mancanza di regole o il non rispetto delle stesse offre l’opportunità a contestazioni, che minano le certezze del sistema e non è il calcio che vogliamo, per i tifosi, per i club e per tutti coloro che vi operano”.

Ripescaggi Serie B, il giorno del giudizio. La lunga estate caldissima del calcio italiano dei tribunali vedrà oggi la sua fine. Forse. Il Collegio di Garanzia del Coni, dalle ore 12 in poi, dovrà pronunciarsi sui vari ricorsi presentati. Sono ben quattro i casi da esaminare per la commissione presieduta dall’ex ministro Franco Frattini. Il primo presentato dai  Delegati assembleari effettivi della Lega Nazionale Dilettanti (LND), della Lega Pro, dell’Associazione Italiana Calciatori (AIC) e della Associazione Italiana Arbitri (AIA-FIGC) contro il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) e nei confronti della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), in persona del Commissario Straordinario pro tempore, dott. Roberto Fabbricini, e dei Vice – Commissari, prof. avv. Angelo Clarizia e sig. Alessandro Costacurta, per l’annullamento, previa sospensiva, della delibera del Consiglio Nazionale del CONI del 10 luglio 2018. Il Commissario ha ritenuto di non convocare l’Assemblea Federale elettiva, come richiesto, il 18 maggio, da un numero di delegati rappresentanti un terzo dei voti assembleari, nonché per l’accertamento dell’obbligo del Commissario Straordinario della FIGC di provvedere senza indugio alla convocazione della Assemblea elettiva federale, garantendone la celebrazione entro il termine di 20 giorni e, comunque, alla prima data utile”.

Ripescaggi Serie B, il ricorso di Siena-Ternana-Pro Vercelli. Si dovrà discutere del ricorso delle tre società presentato contro Novara, Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), la Lega Nazionale Professionisti Serie A (Lega Serie A), la Lega Nazionale Professionisti Serie B (Lega Serie B), la Lega Italiana Calcio Professionistico (Lega Pro) sui criteri per i ripescaggi. Con decreto presidenziale inaudita altera parte in data 10 agosto 2018 il Presidente del Collegio, Franco Frattini, ha sospeso l’esecutività della decisione impugnata.

Ripescaggi Serie B, la lunga giornata del Collegio di Garanzia del Coni

Ripescaggi Serie B, ancora Ternana-Pro Vercelli contro la FIGC. Il terzo caso da dirimere è quello a proposito del blocco ripescaggi e del campionato di Serie B a 19 squadre. Ci sono tre squadre che sono sparite: Avellino, Bari e Cesena, che non sono state rimpiazzate nell’attuale campionato cadetto. Ternana e Pro Vercelli hanno presentato ricorso contro Federazione Italiana Giuoco Calcio, della Lega Nazionale Professionisti Serie A, della Lega Italiana Calcio Professionistico, delle società Novara Calcio S.p.A., Robur Siena S.p.A., Virtus Entella s.r.l., Calcio Catania S.p.A.

Ripescaggi Serie B, Ternana-Pro Vercelli contro il calendario. L’ultimo caso da analizzare al Collegio di Garanzia del Coni è quello riguardante la formulazione del calendario della Serie B 2018/2019. Ternana e Pro Vercelli contro Federazione Italiana Giuoco Calcio, della Lega Nazionale Professionisti Serie B, della Lega Nazionale Professionisti Serie A, della Lega Italiana Calcio Professionistico, delle società Novara Calcio S.p.A., Robur Siena S.p.A., Virtus Entella s.r.l., Calcio Catania S.p.A.

  •   
  •  
  •  
  •