Djokovic-Isner 6-4 6-3 (Video Highlights Atp Finals Londra 2018): il serbo vince il match d’esordio

Pubblicato il autore: Mattia Orlandi Segui
Djokovic

Novak Djokovic – Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Inizia bene il cammino di Novak Djokovic alle Atp Finals Londra 2018. Il serbo, testa di serie n°1, fa suo il primo incontro del gruppo Guga Kuerten battendo lo statunitense John Isner (n°8), con il punteggio di 6-4 6-3 in un’ora e quattordici minuti di gioco.

Ottima gestione del match da parte del nativo di Belgrado, che non ha concesso alcuna palla break al nativo di Greensboro e ha chiuso con l’87% di punti vinti con la prima di servizio e l’85% con la seconda (contro il 67% ed il 40%). Isner ha provato a tenere l’incontro nella parte iniziale del primo e del secondo set, anche con dei serve and volley, ma lasciando varchi scoperti ai passanti del serbo, che affronterà il tedesco Alexander Zverev nel secondo incontro (per la conquista del primo posto), mentre lo statunitense se la vedrà con il croato Marin Cilic.

DIRETTA DJOKOVIC-ISNER ATP FINALS LONDRA. CLICCA QUI PER AGGIORNARE IL LIVE

(1) NOVAK DJOKOVIC – (8) JOHN ISNER 6-4 6-3, Center Court 
Prima giornata del gruppo Kuerten, Atp Finals Londra 2018 (cemento indoor)

22.26 – GAME, SET AND MATCH DJOKOVIC! Riesce a rispondere al gran servizio dell’avversario e poi lo passa col rovesci, chiudendo l’incontro dopo 1h e 14′ (31′ la durata del secondo parziale)
22.25 –
Annullato anche il secondo. 30-40
22.25 –
Lo statunitense rischia la seconda e gli va bene. 15-40
22.24 –
Altra gran risposta: 0-40 e tre match point
22.24 –
Rovescio lungolinea del serbo ed errore di rovescio per Isner. 0-30
22.22 –
Lunga la volée dello statunitense e Djokovic conferma il break. 5-3
22.22 –
Ace al centro per il serbo. 40-30
22.17 – BREAK DJOKOVIC! Ottima risposta e lo statunitense manda il dritto in rete: 4-3
22.16 –
Isner fa buona guardia a rete. 30-40
22.16 –
Lungo il rovescio: 15-40 e prime chance di break del set
22.15 –
Recupero sulla palla corta telefonata dello statunitense. 15-30


22.14 –
Intuisce la direzione dello smash di Isner, che poi riesce a chiudere di dritto. 15 pari
22.14 –
Dritto lungolinea vincente per il serbo. 0-15
22.12 –
Altro game vinto a 0. 3-3
22.11 –
Ace per Djokovic. 15-0
22.11 –
I servizi continuano a farla da padrone. 2-3
22.08 –
Ace al centro per lo statunitense. 30-15
22.06 –
Altro game rapido, vinto a 0 dal serbo. 2-2
22.04 –
Nessun problema neanche per Isner. 1-2
22.02 –
Djokovic vince il game, con un ace. Ora siamo sul 40-0 per lo statunitense, che ha appena realizzato l’ace
22.00 –
Servizio e dritto per il serbo. 30-0
21.59 –
Isner tiene la battuta. 0-1
21.58 –
Buona volée. 40-0
21.57 – Inizia il secondo set, serve nuovamente lo statunitense
21.55 – GAME AND FIRST SET DJOKOVIC! Ottima prima a chiudere il primo parziale, dopo 43′
21.54 –
Dritto molto angolato del serbo: 40-0 e tre set point
21.51 –
Terzo ace di fila, questa volta centrale. 5-4 ed ora Djokovic può chiudere il set
21.50 –
Altro ace esterno. Vantaggio interno
21.50 –
Ace esterno (confermato dal falco). Seconda parità
21.49 –
Largo il dritto in uscita dal servizio: set point per il nativo di Belgrado
21.49 –
Lungo il dritto di Isner. Nuovo game ai vantaggi
21.47 –
Ancora un passante di rovescio per il serbo. 30 pari
21.47 –
Ace al centro dello statunitense. 30-15
21.44 –
Game Djokovic, che vince a 15 con un drop shot che spiazza Isner. 5-3


21.40 –
Ace centrale. 4-3
21.39 –
Il nastro manda fuori il dritto dello statunitense. Vantaggi
21.38 –
Ace: 30 pari
21.38 –
Altra risposta vincente del serbo sulla prima dell’avversario. 15-30


21.37 –
Servizio vincente dello statunitense. 15 pari
21.37 –
Scambio tra back vinto da Djokovic. 0-15
21.36 –
Lungo il rovescio ed il serbo conferma il break. 4-2
21.34 –
Gran dritto dello statunitense. 40 pari
21.34 –
Ancora un ace centrale. 40-30
21.34 –
Isner avanza a rete ma alla fine Djokovic riesce a passarlo. 30 pari
21.32 –
Ace al centro. 15-30
21.32 –
Doppio fallo. 0-30
21.31 –
Determinato lo statunitense nello scambio ed arriva l’errore del serbo. 0-15
21.29 – BREAK DJOKOVIC! Risposta vincente col dritto incrociato: 3-2
21.29 –
Doppio fallo ed Isner concede altre due palle break. 15-40
21.28 –
Passante incrociato di rovescio per il serbo. 15-30
21.27 –
Buona parata a rete. 15-0
21.26 –
Non riesce allo statunitense il tentativo di passante col rovescio lungolinea. 2-2
21.25 –
Ace centrale. 40-0
21.25 –
Djokovic manda Isner fuori dal campo e può chiudere comodamente. 15-0
21.22 –
Ace al centro e 2-1 per lo statunitense
21.21 –
Gran dritto di Isner e salva anche questa seconda chance. Vantaggi
21.20 –
Altra ottima risposta del nativo di Belgrado: 30-40 ed altra palla break
21.19 –
Erroraccio sotto rete del gigante statunitense. 30-15
21.19 –
Lungo il rovescio del serbo. 30-0
21.18 –
Ace esterno di Isner. 15-0
21.18 –
Dritto lungolinea e game Djokovic. 1-1
21.17 –
Servizio e dritto. 30-0
21.16 –
Servizio vincente del serbo. 15-0
21.15 –
Serve and volley dello statunitense. 0-1
21.14 –
In rete il tentativo di passante. 40 pari
21.14 –
Risposta di Djokovic e dritto in rete per Isner: 30-40 e palla break
21.13 –
Doppio fallo. 30 pari
21.13 –
Altro ace. 30-15
21.13 –
Ace: 15 pari
21.12 –
Subito uno scambio lungo, vinto dal serbo. 0-15
21.12 –
Inizia il match, serve lo statunitense
21.04 –
Giocatori in campo per il riscaldamento
19.46 –
Buonasera appassionati di SuperNews e benvenuti alla diretta scritta da parte di Mattia Orlandi. In corso il secondo match di doppio e al termine di esso toccherà a Djokovic ed Isner chiudere il programma odierno del gruppo Kuerten alla O2 Arena di Londra

Leggi anche:  Volley femminile: finisce l'avventura dell'Italia a Tokyo, la Serbia vince 3 a 0

Djokovic affronta Isner nel suo 1° incontro alle Atp Finals Londra 2018

Il serbo, testa di serie n°1, è stato inserito nel gruppo Guga Kuerten, assieme al tedesco Alexander Zverev (n°3), il croato Marin Cilic (n°5) e lo statunitense John Isner (n°8), iniziando il proprio cammino alle Atp Finals proprio contro quest’ultimo: i precedenti sono favorevoli a Djokovic, in quanto è avanti per 8-2.

Il nativo di Belgrado ha iniziato il 2018 direttamente all’Australian Open, dove ha raggiunto il quarto turno (sconfitto dal coreano Hyeon Chung). Decide quindi di operarsi per rimuovere un frammento osseo dal polso e rientra già nei Masters 1000 di Indian Wells e Miami, dove rimedia due brutte sconfitte al secondo turno. Nella stagione su terra battuta inizia con un terzo turno a Montecarlo, seguito poi da due sconfitte al secondo turno a Barcellona e Madrid, per poi raggiungere la semifinale nel 1000 di Roma (in cui è uscito sconfitto per mano dello spagnolo Rafael Nadal).

Leggi anche:  Olimpiadi pallanuoto: Serbia di nuovo amara, Settebello fuori ai quarti

Al Roland Garros deve arrendersi nei quarti alla sorpresa del torneo, l’italiano Marco Cecchinato, ma qualcosa è cambiato nella sua testa e lo dimostra nei tornei su erba, raggiungendo prima la finale al Queen’s (sconfitto dal croato Marin Cilic) e poi riuscendo a vincere il suo 13° Slam a Wimbledon, dopo oltre un anno senza tornei vinti, avendo la meglio su Nadal in semifinale (10-8 al quinto set) e nell’ultimo atto sul sudafricano Kevin Anderson.

Ricomincia quindi a giocare sui campi in cemento e viene eliminato nel terzo turno di Toronto dal futuro finalista, il greco Stefanos Tsitsipas, per poi conquistare l’ultimo Masters 1000 che gli mancava, quello di Cincinnati, battendo in finale lo svizzero Roger Federer. Partecipa quindi allo US Open e alla fine riesce a far suo anche questo titolo Major (il 14°), avendo la meglio nell’ultimo atto sull’argentino Juan Martin Del Potro. Dopo un mese di pausa si ripresenta nel 1000 di Shanghai ed ottiene il quarto titolo stagionale, sconfiggendo in finale il croato Borna Coric, perdendo poi in finale in quello di Parigi Bercy contro il russo Karen Khachanov ed è certo di chiudere l’anno al n°1, per la quinta volta in carriera.

Leggi anche:  Olimpiadi pallanuoto: Serbia di nuovo amara, Settebello fuori ai quarti

Il nativo di Greensboro, invece, ha cominciato l’anno con un secondo turno ad Auckland, per poi subire un’eliminazione al primo turno nello Slam australiano. Si susseguono altri risultati negativi: secondo turno a New York e Delray Beach, primo turno ad Acapulco e ad Indian Wells, prima che riuscisse ad invertire la marcia a Miami, dove conquista il primo Masters 1000 della sua carriera battendo in finale Alexander Zverev. Sul rosso gioca poco, raggiungendo i quarti di finale a Houston e nel 1000 di Madrid, il secondo turno in quello di Roma, di nuovo i quarti a Lione ed il quarto turno all’Open di Francia.

Sul verde gioca solamente nei Championships e raggiunge la sua prima semifinale Slam, arrendendosi ad Anderson dopo 6 ore e 36 minuti (secondo match più lungo della storia del tennis). Al rientro sul “veloce” arriva il secondo titolo stagionale ad Atlanta, sconfiggendo nell’atto finale il connazionale Ryan Harrison, salvo poi perdere al secondo turno di Washington, nel terzo del 1000 di Toronto e all’esordio in quello di Cincinnati, prima di fermarsi ai quarti nello Slam di casa. A fine stagione raggiunge la semifinale a Stoccolma e non va oltre il secondo turno a Vienna ed il terzo nel 1000 di Parigi Bercy, qualificandosi per le Atp Finals grazie al forfait di Nadal.

Djokovic – Isner, i precedenti
Pechino 2015 – Cemento – Quarti di finale – DJOKOVIC 6-2 6-2
Miami 2015 – Cemento – Semifinale – DJOKOVIC 7-6(3) 6-2
Indian Wells 2015 – Cemento – Quarto turno – DJOKOVIC 6-4 7-6(5)
Indian Wells 2014 – Cemento – Semifinale – DJOKOVIC 7-5 6-7(2) 6-1
Parigi Bercy 2013 – Cemento indoor – Terzo turno – DJOKOVIC 6-7(5) 6-1 6-2
Cincinnati 2013 – Cemento – Quarti di finale – ISNER 7-6(5) 3-6 7-5
Coppa Davis 2013 – Cemento indoor – Quarti di finale – DJOKOVIC 7-6(5) 6-2 7-5
Indian Wells 2012 – Cemento – Semifinale – ISNER 7-6(7) 3-6 7-6(5)
Pechino 2010 – Cemento – Semifinale – DJOKOVIC 7-6(1) 6-2
Coppa Davis 2010 – Terra battuta indoor – Primo turno – DJOKOVIC 7-5 3-6 6-3 6-7(6) 6-4

Djokovic – Isner, dove seguire il match
L’incontro sarà visibile in diretta esclusiva sui canali di Sky Sport, con la possibilità di seguirlo anche in diretta streaming tramite i servizi Sky Go e NOW TV.

  •   
  •  
  •  
  •