F1, Jules Bianchi è fuori dal coma ed è stato trasferito in Francia. Il comunicato della famiglia

Pubblicato il autore: Ivana Notarangelo Segui

Jules Bianchi

Jules Bianchi non è più nello stato di coma artificiale, in cui era stato posto subito dopo l’incidente, ma è ancora privo di coscienza, respira autonomamente, i suoi segni vitali sono stabili, ma la sua condizione è ancora considerata critica. La terapia entra ora in una nuova fase riguardante il miglioramento della funzione celebrale“. A dare l’annuncio, i genitori di Bianchi, Philippe e Christine. Questa improvvisa e positiva svolta per le condizioni di salute del pilota francese della Marussia, vittima di un tragico incidente nel GP del Giappone all’incirca un mese e mezzo fa, ha permesso il trasferimento di Bianchi dal centro medico di Yokkaichi all’ospedale di Nizza. Infatti la famiglia di Bianchi, in un comunicato, rende noto che: “Le condizioni neurologiche di Jules Bianchi rimangono stabili, sebbene il quadro rimanga serio e potrebbe restare tale. E’ stato deciso che Jules fosse sufficientemente stabile per essere trasferito in Francia. Siamo lieti, quindi, di confermare che Bianchi è stato trasportato la scorsa notte dal General Medical Center di Yokkaichi in Giappone al Centre Hospitalier Universitaire di Nizza dove è arrivato da poco. Ora è in terapia intensiva nel reparto dei Professori Raucoules e Ichai dove sarà monitorato dal professor Paquis, responsabile di neurochirurgia“. Dunque, la notizia tanto attesa da giorni è finalmente giunta e anche per Bianchi, come per Michael Schumacher, c’è una nuova speranza di ripresa e un nuovo ottimismo per il prossimo futuro. Il trasferimento del pilota della Marussia in Francia agevola moltissimo anche la famiglia, che può sostenere al meglio e con più facilità Bianchi in questo difficile momento della sua vita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  •   
  •  
  •  
  •