F1, nuove indiscrezioni e misteri sull’incidente di Jules Bianchi

Pubblicato il autore: Ivana Notarangelo Segui

Jules Bianchi

 

Un nuovo colpo di scena tinge di giallo l’incidente di Jules Bianchi e infittisce il mistero su quanto accaduto a Suzuka. Infatti, secondo un’indiscrezione del quotidiano La Repubblica, la nuova telemetria effettuata sulla Marussia di Bianchi aveva fatto emergere un difetto sulla monoposto. Questa nuova scoperta è stata portata alla luce dalla commissione d’inchiesta che sta indagando sull’incidente di Bianchi e a cui capo vi è Jean Todt. Infatti, la telemetria ha fatto rilevare che, nel momento in cui Bianchi ha perso il controllo dell’auto, la Marussia sembra non aver decelerato, ma acquistato velocità, come se il pilota francese avesse spinto il piede sull’acceleratore. Un fatto quantomeno stano e soprattutto molto misterioso. Così, si è ipotizzato che l’accelerazione della monoposto di Bianchi fosse stata causata dal cattivo funzionamento del brake by wire, introdotto per la prima volta quest’anno e che ha sostituito l’impianto tradizionale dei freni. Sin dal primo momento, infatti, il brake by wire della Marussia di Bianchi è stata al centro di molti sospetti. Poi, i resti della Marussia sembrano spariti nel nulla, perché “portati in una località riservata”, come affermato dall’addetto stampa del team di Bianchi. Infatti, i rottami dell’auto non sono stati sequestrati, né esaminati approfonditamente e, proprio per questo, la nuova telemetria effettuata non troverà un riscontro con la precedente. Inoltre, i colpi di scena sembrano non essere finiti. La Bild, quotidiano tedesco, ha pubblicato alcuni estratti delle comunicazioni radio tra la Marussia e Bianchi, in cui il team avrebbe ordinato a Bianchi di imprimere ancora più velocità al suo giro, nonostante il cattivo tempo e le bandiere gialle. Il team nega naturalmente tutto questo, anche se le intercettazioni testimoniano il contrario. Infine, il grande dubbio: l’ordine a Bianchi è stato dato prima o dopo l’incidente di Sutil?

  •   
  •  
  •  
  •