Fernando Alonso, addio amaro alla Ferrari

Pubblicato il autore: Cristina G. Segui

La storia d’amore tra Fernando Alonso e la scuderia Ferrari si conclude oggi con l’ultimo gran premio stagionale ad Abu Dhabi: dopo la bandiera a scacchi sarà infatti annunciato ufficialmente l’arrivo alla guida della Rossa di Sebastian Vettel, che dopo aver dominato quattro mondiali di fila lascia la squadra di Dieter Mateschitz.

Alonso saluterà così Maranello, con il grosso rimpianto di aver conseguito zero titoli mondiali in ben cinque stagioni alla Ferrari e un rapporto con la scuderia italiana logoratosi nel corso del tempo, accompagnato a un declino tecnico che ha forse impedito ad uno dei piloti più forti degli ultimi anni di laurearsi campione del mondo.

Le motivazioni della scelta sono innumerevoli e controverse, di certo si sa che in mezzo all’avvicendamento tra Montezemolo e Marchionne, l’esonero di Domenicali sostituito da Mattiacci alla guida della gestione sportiva e le continue tensioni tra la prima guida e i box, l’addio tra Alonso e la Ferrari si era delineato a poco a poco come ormai inevitabile.

Leggi anche:  F1, ecco perchè l'Alpine potrà far bene nel 2021 ma soprattutto per il 2022

Perché sedersi a bordo di una Rossa è un sogno per ogni giovane pilota, non riuscire a vincere però può trasformarsi in una vera e propria maledizione, come ben sa il pilota spagnolo, che a partire dalla prossima stagione cercherà un meritato riscatto a bordo della Mc Laren.

Cristina Gabrielli

  •   
  •  
  •  
  •