F1, Jean Todt: la Ferrari sta cercando una buona cura

Pubblicato il autore: Chiara Console Segui

Jean Todt

Per Jean Todt la Ferrari sta cercando di risollevarsi dopo un periodo di grandi difficoltà, senza grandi stravolgimenti ma utilizzando tutti i mezzi possibili per ritornare in carreggiata e ritrovare la forma giusta per affrontare il futuro, a cominciare dal Mondiale 2015 di F1. Intervistato dai microfoni di RaiNews24, il presidente della FIA ha speso alcune parole piuttosto esplicative sulla situazione attuale della Rossa di Maranello: «La Ferrari è come una persona che si sente un po’ stanca e va dal medico affinché gli venga prescritta una buona cura»; non che le basi non ci siano, ovviamente, ma per il francese bisogna imparare a usarle per uscire dall’impasse che la trattiene ormai da tempo.
A partire dal team principal Maurizio Arrivabene fino ai due piloti Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, la Ferrari è già in possesso delle chiavi di volta per la prossima stagione; a nessuno manca di certo la voglia di vincere: basta un rapido sguardo ai titoli portati a casa dal pilota tedesco che ha all’attivo ben quattro titoli iridati guadagnati in altrettanto quattro anni consecutivi e tante qualità da farne il primo della classe. Jean Todt ha anche ricordato l’incidente occorso a Jules Bianchi, un avvenimento di una gravità tale che da tempo non si verificava su una pista di F1: sebbene si siano compiuti passi da gigante nella ricerca della sicurezza, sottolinea il Presidente, l’automobilismo è ancora oggi uno sport non privo di rischi e pericoli.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: