Renault-Scame

Pubblicato il autore: Barbara Crimaudo Segui

cq5dam.web.650.600

Da un po’ di tempo s’iniziano a incontrare, lungo le strade cittadine, le stazioni di ricarica per le vetture elettriche. Renault investe nuovamente nella missione di un mondo più pulito firmando un accordo con Scame Parre, in modo da offrire un servizio esclusivo che certifica i prodotti, secondo i parametri Renault Z.E. Ready. L’intesa si aggiunge alle altre che includono Enel e Schneider Electric. In questo modo con Renault-Scame s’ingrandisce la possibilità di rifornimento e ulteriori soluzioni per la rete dei clienti del marchio francese. L’accordo Renault-Scame vede collocati i dispositivi certificati a norma di sicurezza si va: dalla Wall Box per gli ambienti domestici, con ricarica a 16 A-230 V e assorbimento fino a 3,5 kW fino ai sistemi condominiali con card RFDI e blocco del connettore. Scame ha studiato un sistema che permette con 2 kW di assorbimento al quadriciclo Renautl Twizy di rifornirsi in poco tempo. Inoltre, sono previsti per i sistemi di ricarica delle aree pubbliche la dotazione di riconoscimento utente e controllo remoto, con ricarica rapida di assorbimento fino a 22 kW. Un esempio: in 60 minuti Renautl Zoe recupera l’energia. L’accordo Renautl -Scame prevede una rete di installatori certificati per il montaggio “New Mobility Team”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Enea Bastianini è Campione del Mondo Moto 2!