Sfogo di Marquez: “Io pago le tasse”

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

img_7206

Si sa che la cattiveria umana non ha mai limite, così come la malizia e di fronte alla decisione del pluri campione del mondo Marc Marquez di andare a vivere da solo ad Andorra, qualche malelingua ha travisato la cosa, facendo passare il pilota spagnolo come “uno che non vuole pagare le tasse nel suo paese”, ma non è così. E infatti in occasione di una gara di dirt track a Barcellona, durante la conferenza stampa, Marc con la voce rotta dall’emozione ha detto la sua:

“Prima di parlare della gara di dirt track, voglio dire qualcosa di importante. Vorrei parlare del dibattito e delle lamentele che si sono fatte su di me in questo weekend. E’ difficile da dire perchè non parlo mai della mia vita privata, ma credo che questo sia il momento giusto. Quelli che mi conoscono sanno che sono sempre stato un ragazzo onesto e diretto. Ho 21 anni e ho sempre vissuto con la mia famiglia, con la quale ho un legame molto stretto ma come ogni persona giovane, voglio avere i miei spazi una casa tutta mia e ho deciso di andare ad Andorra dove ho trascorso molti inverni e anche perchè è un posto ideale per allenarmi. Le tasse non sono il motivo di questa decisione, non so cosa succederà nel futuro ma voglio precisare che io pago e continuerò a pagare le tasse in Spagna. So che ci sono state diverse opinioni a riguardo, le quali sono tutte rispettabili, non voglio giustificarmi ma alcune sono state davvero pesanti. Alla fine non sai mai quando una carriera di un pilota finisce e io quando avevo 19 anni ho rischiato di smettere di correre per aver danneggiato la vista. Grazie al Dottor Bernat Sanchez ho potuto ritornare” qui il campione si ferma per sfogare l’emozione, poi con la voce rotta dal pianto riprende ” lo scorso weekend è stato duro e voglio ringraziare tutte le persone che mi hanno sopportato e anche la mia famiglia. L’unica cosa che voglio è continuare a divertirmi guidando la mia moto“.

Leggi anche:  MotoGP, Marquez l'uomo da battere al Sachsenring

Gli pseudo giornalisti e critici che pensano di annientare Marc psicologicamente, si sbagliano di grosso!

  •   
  •  
  •  
  •