Willys AW380 al Motor Show

Pubblicato il autore: Barbara Crimaudo Segui

willys-aw380-berlineta-viotti_2

Il ballo delle debuttanti è l’ingresso in società, la serata che ogni ragazza sogna da bimba fino a realizzarla. Applichiamo il concetto alla nuova Willys AW380 al Motor Show, che ha aperto oggi i battenti alla stampa e operatori di settore. Luccicante e degna di Miss Mondo, la nuova hypercar totalmente made in Italy rispolvera anni di storia dell’automobile del Bel Paese. La presentazione della Wills AW380 al Motor Show è la pista cui ripartono la Carrozzeria Viotti – fondata nel 1921 – e la Maggiora – del 1925 che annovera la recente produzione di Fiat Barchetta – una coppia esplosiva per un bolide di alte prestazioni. Le due forze firmano la AW380, riportando in vita il marchio Willys dalle lontane origini Jeep che negli anni ’60 vede una parte di produzione spostarsi in America del Sud si occupava di auto sportive. Il progresso, la tecnologia, il designer chi più ne ha ne metta, fatto sta che dalla genialità di Emanuele Bomboi nasce la reinterpretazione della AW380, la fantastica Interlagos che ha fatto sognare e vincere negli anni ’60 i fratelli Fittipaldi, Bird Clemente, Luis Pereira Bruno. Willys AW380 al Motor Show in tutto il suo splendore è una calamita. Il bolide ha un propulsore boxer di 6 cilindri 3.8 biturbo da 610 CV; eroga 850Nm di coppia a 4500 giri; arriva fino a 340 km/h accellerando da 0 a 100 km/h in 2.7 secondi, numeri da giocare al lotto. Dotata di cambio a doppia frizione a sei rapporti con paddle shift al volante, che trasmette il moto alle ruote posteriori. La carrozzeria dell’hypercar è in carbonio e personalizzabile su misura, ovvio. Al momento entrerà in produzione da gennaio 2015 in 110 unità e arriva sul mercato alla cifra di 380.000 euro. Il gossip fa la sua, pare che il primo esemplare sia stato acquistato da un gruppo russo che la commercializzerà nei Balcani, mentre negli Emirati arriverà attraverso la distribuzione della Habtoor Motors. In questi giorni Willys AW380 al Motor Show si può ammirare pagando il prezzo del bigletto.

  •   
  •  
  •  
  •