Max Biaggi nei guai: rinviato a giudizio per evasione fiscale

Pubblicato il autore: Alessandro Marini Segui

max biaggi Max Biaggi finisce nei guai e nuovamente nel mirino del Fisco. Il campione di motociclismo è stato rinviato a giudizio dal giudice Valerio Savio, per un’evasione fiscale che ammonta a circa 18 milioni di euro (17,852.261,95 euro per l’esattezza). Il processo a Max Biaggi ci sarà tra poco meno di un anno: il 15 settembre 2016. Equitalia, la parte lesa, si è costituita parte civile. Un altro campione di motociclismo, dunque, finisce nel vortice delle evasioni fiscali: prima di lui, noti i problemi per Valentino Rossi (imponibile non dichiarato di 60 milioni di euro e patteggiamento al pagamento di 35 milioni di euro), Loris Capirossi e Marco Melandri.

In realtà, però, a Max Biaggi capitò qualcosa di simile qualche anno fa: il pilota romano utilizzò lo scudo fiscale per far rientrare in Italia i soldi depositati all’estero, ma venne rinviato a giudizio per aver evasione fiscale in quanto trasferì in maniera fittizia la residenza a Montecarlo (Biaggi venne poi prosciolto per prescrizione). Dunque un periodo poco felice per Biaggi, che lo scorso 29 settembre ha annunciato via Twitter la conclusione della storia d’amore con Eleonora Pedron, madre dei suoi due figli  Ines Angelica e Leon Alexander. Biaggi in questa stagione è tornato a correre in Superbike (per sole due gare) dopo due anni di inattività, grazie alla wild card e centrando uno strepitoso podio sul circuito di Sepang.

  •   
  •  
  •  
  •