Caso Rossi-Marquez. Arriva il comunicato Yamaha

Pubblicato il autore: Ciro Iavazzo Segui

1407748583376_wps_13_epa04348925_Repsol_Honda_Sembra che l’ormai noto caso Rossi-Marquez non abbia più fine. La querelle creatasi durante la gara di Sepang ha provocato, come prevedibile, strascichi interminabili. Era arrivato ieri il duro comunicato della Honda che difendeva, giustamente, il suo pilota e accusava Valentino Rossi di essere scorretto. Beh su questa versione dei fatti, molto opinabile, riportata da Nakamoto e dal suo team, è arrivata la risposta della Yamaha. Opinabile perchè, come riporta anche il suddetto comunicato, le accuse di Honda sono infondate, e non trovano riscontro nella decisione della direzione gara che ha si sanzionato Rossi, ma non per il fantomatico calcio citato da Nakamoto. L’impressione è che la Honda voglia “mascherare” e difendere a tutti i costi l’operato ai più, fra cui il sottoscritto, visto come indecoroso, del suo pilota di punta Marc Marquez, che con il suo comportamento non ha di certo ecceduto di sportività. La verità è che la difesa della Honda appare sterile di contenuti, usando l’ormai vecchia solfa del “calcio di Valentino”. Ecco il comunicato Yamaha: “Non siamo d’accordo sulle parole con le quali è stato descritto l’incidente tra Rossi e Marquez: i comunicati che accusano Valentino di aver dato un calcio a Marquez non sono stati provati dalla Direzione di Gara. Rispediamo al mittente le parole usate nei comunicati contro Rossi in quanto non corrispondono a quanto appurato dalla Direzione di Gara. La Yamaha non intende alimentare ulteriormente la polemica con altre dichiarazioni: il nostro desiderio è quello di concludere la stagione nel miglior modo possibile. Andiamo a Valencia con la chiara intenzione di fare il meglio per vincere. Ci auguriamo che l’ultima gara sia memorabile e che tutti i piloti e i team gareggino in maniera esemplare, da uomini di sport veri, come è d’abitudine nelle top categorie delle corse motociclistiche”. La paura è che l’ennesima puntata del caso Rossi-Marquez, che a mio dire vede entrambi colpevoli, possa infangare un mondiale fra i più belli degli ultimi anni e possa rovinare l’ultimo atto di una stagione straordinaria.

  •   
  •  
  •  
  •