Invasore di Singapore condannato al carcere

Pubblicato il autore: Ciro Iavazzo Segui

Invasore-pista-GP-Singapore-2015-F1Lo ricordate l’invasore di Singapore? Quello strano individuo che, al 37° giro dello scorso gran premio disputatosi sul Singapore Street Circuit, superò le barriere di sicurezza e iniziò a vagare per la pista con una nonchalance disarmante, proprio mentre passava il pilota della Ferrari, Sebastian Vettel. L’accaduto sucitò, ovviamente, dapprima il panico, poi sorrisi sui volti degli appassionati. L’invasione provocò anche l’ingresso della safety car, per evitare conseguenze drammatiche. Ecco, quell’ “eroe” è stato condannato ad un mese e mezzo di reclusione per aver compiuto “un’azione avventata, egoista e sconsiderata che avrebbe potuto portare a conseguenze disastrose e fatali, poiché pericolosa per la sicurezza dei piloti” ha dichiarato il giudice distrettuale Chay Yuen Fatt, al termine dell’indagine. Il soggetto in causa si chiama Yogvitam Pravin Dhokia, ed è un ventisettenne di origine britannica. Ha dichiarato agli inquirenti di voler solo registrare la gara da una prospettiva diversa, con un maggior contatto con i piloti, come se fosse una giustificazione per un tale atto sconsiderato. Il suo legale ha affermato che il gesto del suo assistito è da considerare infantile e nulla di più, poichè la sua intenzione non era quella di rovinare la gara. La domanda che sorge spontanea, ora come allora, è: come ha fatto questo individuo ad eludere la sicurezza del circuito? Come possono i piloti guidare a mente libera se mentre viaggiano a 300 km/h si trovano un pazzo davanti che può rovinargli la vita? Beh sicuramente la sicurezza dello Street Circuit di Singapore non è stata attenta abbastanza, tanto che si sta già lavorando per trovare nuove soluzioni per il prossimo anno, montando recinzioni più alte e incrementando gli addetti lungo tutto il circuito. Forse però un serio intervento è atteso anche della FIA, che deve fare della sicurezza il primo, necessario, pensiero, ed evitare un’altro invasore di Singapore o di qualsiasi altro circuito.

  •   
  •  
  •  
  •