Moto 3 titolo a Kent, inutile successo di Oliveira. In Moto 2 Rabat saluta con vittoria

Pubblicato il autore: Edoardo Evangelista

05-fenati-44-oliveira-52-kent__gp_9708_1.big_

Aspettando con trepidazione il semaforo verde dell’ultima, decisiva gara di Moto GP, a Valencia sono andate in scena le gare di Moto 2 e Moto 3. Il verdetto mancante era quello relativo al titolo iridato in Moto 3, con Danny Kent che non senza più di qualche patema alla fine l’ha spuntata per il titolo sul portoghese Oliveira, vincente anche oggi ma incapace di completare una rimonta che avrebbe avuto davvero dell’incredibile. Quinto l’italiano Enea Bastianini, che chiude in chiaroscuro una stagione iniziata alla grande e finita leggermente in sordina. In Moto 2 Tito Rabat si è imposto sull’ottimo Alex Rins, che gli soffia così il secondo posto in classifica dietro al campione Zarco, oggi 7°. Ottimo il quarto posto dell’italiano Baldassarri, che nel finale ha cercato in tutti i modi di attaccare Thomas Lüthi al quale però ha dovuto arrendersi per l’ultimo posto buono per il podio.

Peccato per gli italiani Fenati ed Antonelli in Moto 3, autori di una gran gara fino a quando Niccolò Antonelli, su Honda, uscito alla grande dall’ultima curva, non riusciva ad allargare sufficientemente la traiettoria e cadeva coinvolgendo gli incolpevoli Fenati e Vazquez, che avrebbero potuto seriamente insidiare la terza vittoria consecutiva del portoghese Oliveira. Comunque vada, il portoghese ha tenuto altissimi i colori del suo Paese, che finora non aveva mai portato un pilota a vincere nel Motomondiale. Oliveira, complice un finale di stagione ai limiti del comprensibile da parte del leader Danny Kent, è andato davvero ad un passo dall’ultimare il capolavoro in rimonta, dovendo cedere al finale di gara thrilling del britannico, a lungo 14°, capace infine di chiudere 9°. Un titolo senza dubbio meritato quello del britannico, apparso per 3/4 di stagione il più veloce e costante del circus, ma al quale è venuto una sorta di “braccino” nelle ultime gare, quando forte della possibilità di amministrare il cospicuo vantaggio, ha finito per cercare di rischiare il meno possibile favorendo il recupero di Oliveira. In Moto 3, con il gioco delle scie ed il rischio costante di essere risucchiati dal gruppone di mezzo, guidare con esitazioni e paura di cadere, come ha fatto Kent, non è sempre la miglior soluzione per tenersi al riparo dal rischio di essere coinvolti in cadute collettive. Servirà sicuramente da lezione al britannico, che comunque riporta a casa un titolo che mancava dal 1977, quando Barry Sheene si era laureato campione nella classe 500 cc. Positiva ma con un qualche strascico amaro la stagione degli italiani, in particolare Fenati e Bastianini: considerate le premesse, era lecito aspettarsi qualcosa di più.

In Moto 2 la gara è stata condizionata notevolmente da un brutto incidente alla curva 2 che ha coinvolto un folto manipolo di piloti, tra cui lo sfortunato italiano Franco Morbidelli, apparso dolorante al ginocchio della gamba dalla quale aveva già sofferto in stagione. Bandiera rossa, seconda partenza e gara leggermente accorciata per non penalizzare il gran finale in Moto GP, che scatterà a minuti. Da segnalare il quarto posto dell’ottimo Baldassarri, che per un soffio non è riuscito a portare l’attacco decisivo all’ultimo giro nei confronti di Lüthi. Tito Rabat, campione 2014, saluta la Moto 2 nel modo migliore, con una vittoria d’autorità davanti ad Alex Rins, che gli finisce davanti in classifica per una manciata di punti. Il titolo l’ha vinto meritatamente, dominando in lungo e in largo, il francese Zarco, oggi 7°. Quarto in classifica mondiale l’inglese Sam Lowes.


Classifica finale Moto 2:

1 Johann ZARCO Kalex FRA 352
2 Alex RINS Kalex SPA 234
3 Tito RABAT Kalex SPA 231
4 Sam LOWES Speed Up GBR 186
5 Thomas LUTHI Kalex SWI 179
6 Jonas FOLGER Kalex GER 163
7 Xavier SIMEON Kalex BEL 113
8 Takaaki NAKAGAMI Kalex JPN 100
9 Lorenzo BALDASSARRI Kalex ITA 96
10 Franco MORBIDELLI Kalex ITA 90
11 Sandro CORTESE Kalex GER 90
12 Simone CORSI Kalex ITA 86
13 Luis SALOM Kalex SPA 80
14 Alex MARQUEZ Kalex SPA 73
15 Mika KALLIO Speed Up FIN 72
16 Hafizh SYAHRIN Kalex MAL 64
17 Dominique AEGERTER Kalex SWI 62
18 Julian SIMON Speed Up SPA 58
19 Axel PONS Kalex SPA 41
20 Marcel SCHROTTER Tech 3 GER 32
21 Randy KRUMMENACHER Kalex SWI 31
22 Anthony WEST Speed Up AUS 30
23 Azlan SHAH Kalex MAL 24
24 Ricard CARDUS Suter SPA 20
25 Louis ROSSI Tech 3 FRA 7
26 Tomoyoshi KOYAMA NTS JPN 3
27 Yuki TAKAHASHI Moriwaki JPN 2
28 Robin MULHAUSER Kalex SWI 1

Classifica finale Moto 3:

 

1 Danny KENT Honda GBR 260
2 Miguel OLIVEIRA KTM POR 254
3 Enea BASTIANINI Honda ITA 207
4 Romano FENATI KTM ITA 176
5 Niccolò ANTONELLI Honda ITA 174
6 Brad BINDER KTM RSA 159
7 Jorge NAVARRO Honda SPA 157
8 Efren VAZQUEZ Honda SPA 155
9 Isaac VIÑALES KTM SPA 115
10 Fabio QUARTARARO Honda FRA 92
11 John MCPHEE Honda GBR 92
12 Jakub KORNFEIL KTM CZE 89
13 Alexis MASBOU Honda FRA 78
14 Francesco BAGNAIA Mahindra ITA 76
15 Philipp OETTL KTM GER 73
16 Livio LOI Honda BEL 56
17 Jorge MARTIN Mahindra SPA 45
18 Karel HANIKA KTM CZE 43
19 Andrea MIGNO KTM ITA 35
20 Andrea LOCATELLI Honda ITA 33
21 Hiroki ONO Honda JPN 29
22 Niklas AJO KTM FIN 21
23 Zulfahmi KHAIRUDDIN KTM MAL 19
24 Juanfran GUEVARA Mahindra SPA 15
25 Lorenzo DALLA PORTA Husqvarna ITA 13
26 Jules DANILO Honda FRA 12
27 Stefano MANZI Mahindra ITA 10
28 Tatsuki SUZUKI Mahindra JPN 9
29 Maria HERRERA Husqvarna SPA 9
30 Remy GARDNER Mahindra AUS 6
31 Nicolò BULEGA KTM ITA 4
32 Manuel PAGLIANI Mahindra ITA 3
33 Matteo FERRARI Mahindra ITA 1

 

 

  •   
  •  
  •  
  •