Valentino Rossi: “L’anno prossimo ci riproverò”

Pubblicato il autore: Gianluca_Rizzo

Valentino Rossi: “Mi sarei dovuto fermare per paura?”

8992_897447900286657_3754809614972858951_n

La vittoria al Rally di Monza, ha tirato un po’ su il morale a Valentino Rossi, e le imminenti vacanze gli permetteranno di rilassarsi.

Il 9 volte iridato continua a pensare alla delusione del finale di stagione e alle faide con Marc Marquez e Jorge Lorenzo.

Gli scontri che ci sono stati tra il pilota italiano, Marc e il compagno di squadra, fuori e dentro la pista nelle ultime 2 gare del 2015, gli hanno impedito di vincere il titolo nella gara finale di Valencia, ma Rossi pensa che l’inverno aiuterà a superare le tensioni. Ecco le dichiarazioni rilasciate a autosport.com

“In questo momento le vicende sono ancora calde” ha riconosciuto.
“Ma nella prossima stagione, le cose importanti saranno altre, soprattutto la motivazione per continuare e tentare un’altra volta. Non sono molto preoccupato per il prossimo anno.”

Secondo lui, dipende da Marquez se decidere o meno di porre fine alla loro accesa rivalità il prossimo anno.

“Circa il futuro con Marquez, non lo so”, ha detto.
“Cosa posso dire? Che cosa posso fare?. Devo fermarmi perché ho ‘paura’ …?
“Cerco solo di spiegare il mio punto di vista e di spiegare cosa è successo. Il resto non è il mio lavoro.”

Rossi si dice ancora indeciso se continuare a correre anche nel 2017, tutto dipenderà da quanto sarà competitivo il prossimo anno e se avrà ancora la possibilità di lottare per vincere, nel frattempo la scadenza del contratto Yamaha si avvicina.

“Questa storia non cambia il mio piano” ha detto a proposito della vicenda con la Marquez, e se questo possa influenzare le sue decisioni future.

“Ho già il contratto firmato con la Yamaha. Quando ho firmato il contratto, è perché ho programmato di correre per un minimo di due stagioni.

“Quest’anno sono stato competitivo, ho fatto un buon lavoro, in modo da poter cercare di continuare il prossimo anno.

“Dopo, deciderò cosa fare.”

  •   
  •  
  •  
  •