Bernie Ecclestone: “La Formula Uno peggiore che ci sia mai stata. Non vorrei dover pagare per guardarla”

Pubblicato il autore: Mario Tommasini Segui

 Che lo si voglia o no, ogni volta che rilascia un’intervista fa il giro del mondo.
Bernie Ecclestone
Bernie Ecclestone, in una intervista rilasciata al Daily Mail, dichiara che “la
Formula Uno è la peggiore che ci sia mai stata. Non vorrei dover pagare per guardarla” ed ecco che la notizia riempie i giornali.
A tratti intervista divertente, spesso ricca di dichiarazioni dissacranti di Bernie e ironia del redattore. In sintesi, 
Bernie Ecclestone dice che la Formula Uno è diventata prevedibile recentemente e che questo sport è vittima di un cartello illegale con Mercedes e Ferrari che detengono ciò che equivale a un veto su eventuali nuove normative.  
Mischia gli argomenti: vuole ridefinire il ruolo di diplomatico’ presidente della FIA Jean Todt, parla del presidente russo Vladimir Putin e di come dovrebbe funzionare l’Europa. Lancia
un’idea rivoluzionaria per Melbourne: griglie miste.
Bernie Ecclestone è in forma,  nei suoi uffici di cinque piani di fronte ad Hyde Park. Le finestre al mondo esterno sono specchi opachi, che altro?
Ecclestone può essere smemorato quando vuole essere. Che gioca sulla sua età – 85 – e finge di non capire ciò che viene chiesto. Ma ogni volta è tagliente come uno spillo.
Si lancia in un monologo: ‘penso di poter dire che sono un po’ di un’eccezione in Formula Uno di oggi, ho un interesse personale. Voglio fare ciò che è meglio per la Formula Uno.‘Non ho bisogno del lavoro. Non ho bisogno di soldi. La maggior parte dei partecipanti stanno pensando solo su ciò che è bene per loro nel breve periodo. A lungo termine per la maggior parte di queste persone è di due o tre gare. Il risultato è che la Formula Uno è la peggiore che ci sia mai stata. Non vorrei spendere i miei soldi per prendere la mia famiglia a vedere una gara. In nessun modo.Lewis Hamilton sarà probabilmente in pole ed è più probabile che non vincere la gara, e l’altra Mercedes sarà sul podio.’

Hamilton and Rosberg

Hamilton and Rosberg


La domanda è che senso abbiano queste dichiarazioni considerando che si potrebbe dire che sia
Ecclestone il responsabile di ciò che sta avvenendo. Dopo tutto, non è lui l’ amministratore delegato di Formula One Management, lo sport del Ringmaster e immobili Overlord?
La radice del problema, dice, sta nel processo decisionale che ha introdotto tre anni fa, con la quale Mercedes e Ferrari detengono ciò che equivale a un veto su eventuali nuove normative.‘Questo genere di cose è ciò che è comunemente noto come un cartello,’ ha detto Ecclestone. ‘E i cartelli sono illegali. È in esecuzione qualcosa che è illegale. In cima a tutto ciò che è anti-competitivo ‘.Ma che cosa può fare per correggere una situazione che ha ancora tre anni per eseguire? ‘Ho qualcosa in mente’, ha detto con un luccichio.
Il piano è quello di ridefinire il ruolo di Todt, ex team principal della Ferrari che ha guidato negli anni di dominio di Michael Schumacher prima di succedere Max Mosley come presidente della FIA nel 2009. In un primo momento, l’approccio emolliente del francese è stato accolto come un antidoto per la combattività di Mosley. Ora la sua inazione è ampiamente visto come un freno a mano sullo sport.
‘Jean, purtroppo, è diventato un diplomatico’, ha detto Ecclestone. ‘Vuole che tutti siano felici ma non funziona così. Non si può rendere tutti felici ‘.
‘Jean sta facendo un ottimo lavoro per la sicurezza stradale. Fa un grande sforzo. Viaggia la gente incontro mondiale. Ma il suo interesse per la Formula Uno è puramente un risultato di essere presidente della FIA e il fatto che ci si aspetta di essere lì per la Formula Uno. Egli non cerca di fare qualcosa che possa destabilizzare ciò che vuole veramente fare in sede ONU.
‘Si dovrebbe portare avanti con l’altra roba, ma la mano la responsabilità per la Formula Uno a qualcun altro. Ho intenzione di parlare con lui di questo’.
Chi dovrebbe assumere la direzione di Todt Formula Uno breve, allora?‘Non ne ho idea’, ha detto Ecclestone.
Spaccato di Politica
Su un mobile sul lato opposto della stanza ci sono tre cornici. Uno è di Ecclestone ricevere una laurea ad honorem presso l’Imperial College. Gli altri due lo mostrano in discussione con Putin, che ha personalmente negoziato la messa in scena del Gran Premio di Russia a Sochi.
È Putin qualcuno Ecclestone ammira ancora? ‘Assolutamente. E l’uomo che dovrebbe guidare in Europa. Egli risolvere questo altro business che sta succedendo in Siria. La cosa buona è che lui fa quello che crede sia giusto e si muove per ottenerlo.
‘Mi rivolgo a lui quando ne ho bisogno. Mi piace fare affari con le persone che passano le luci spente, non assistente dell’assistente. Questo è l’unico modo per fare le cose. Ho detto prima che io non sono molto per la democrazia. Nulla viene fatto. Mi piace molto David Cameron. Non pensavo che avrei fatto, ma lui ha fatto ciò che pensa sia meglio per la Gran Bretagna nei negoziati UE.
‘Io rispetto questo, ma voglio che il Regno Unito lasci l’Europa. Non fa alcuna differenza per la mia attività. Non fa alcuna differenza per qualcuno qui. So ciò che diamo l’Unione europea, ma non quello che ci dà di nuovo ‘.
Ecco in quattro righe il Bernie pensiero: Ecclestone è il migliore nel far cadere una bomba e guardare tutti correre sotto copertura. Anche se lui pensa che ci sia ‘alcuna possibilità’ che la Formula Uno del processo decisionale ingombrante permetta accordo sulle modifiche delle regole per il 2017 entro il termine del 1 ° marzo – un calendario sicuramente elastico – ha rivelato un piano rivoluzionario che vuole in atto per l’apertura gara di questa stagione a Melbourne il 20 marzogriglie miste.
‘La cosa importante è che si creerebbe il dibattito (creando interesse per le gare e la stagione che sta per iniziare.
Schumacher: Non è stato a visitare Michael Schumacher, il campione del mondo sette volte che rimane gravemente colpito nella sua casa sul Lago di Ginevra più di due anni dopo aver battuto la testa in un incidente di sci. ‘Questa è l’ultima cosa che vorrei fare,’ ha detto. ‘Ho quasi mai andare ai funerali. Mi piace ricordare le persone quando erano vivi e vegeti. Ho sentito opinioni contrastanti su Michael, ma ho solo voglia di vederlo di nuovo quando si può parlare faccia a faccia e avere una bella discussione ‘.
Dopo essere sopravvissuto varie azioni di corruzione negli ultimi anni, Ecclestone resta l’autorità principale di questo sport nel suo 86-mo anno di età.
Ma lui non ha il controllo senza ostacoli. La governance dello sport è sostenuta dal Patto della Concordia – un contratto tra la FIA, i team, e la Formula One Group, che gestisce F1 e controlla i suoi diritti commerciali. Ecclestone è il suo stipendiato amministratore delegato.
In base ai termini l’ultimo accordo Concorde, che corre tra il 2013 e il 2020, le regole sportive e tecniche vengono prima considerati da Strategy Group.
Questo si compone di cinque squadre di diritto – Ferrari, Red Bull, McLaren, Mercedes, Williams – oltre alla più alta finitura altra squadra, attualmente Force India.
I voti sono divisi in tre modi: sei voti per la FIA, sei voti per le squadre, e sei per Ecclestone per conto della Formula One Group.
La fase successiva è la Commissione F1, presieduta da Ecclestone. E ‘composto da 26 membri, tra cui 11 squadre, otto promotori di gara, la FIA, Ecclestone, così come sponsor e fornitori di motori, pneumatici e carburante. Un voto di 18 è necessario per una mozione per passare. Molte iniziative possono essere contrastati in questa fase a causa del potere di Mercedes e Ferrari, i grandi costruttori di motori.La fase finale del processo è del FIA World Motor Sport Council, il cui supporto è necessario per ratificare eventuali modifiche delle regole.
E ‘così semplice …

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Formula 1, dove vedere le qualifiche del GP di Sakhir: diretta tv e streaming