Arriva il momento dell’ePrix di Long Beach, il Campionato Formula E sbarca in California

Pubblicato il autore: Nicola Di Gregorio Segui

La seconda stagione del Campionato Formula E si sta dimostrando molto equilibrata, sono infatti quattro i piloti che possono annoverare almeno una vittoria nel corso delle prime 5 gare (solo Buemi è stato per due volte sul gradino più alto del podio ma negli ultimi due weekend di gara si è dovuto accontentare della seconda piazza). Il sesto round della competizione va in scena sul tracciato americano di Long Beach, location la cui storia è fortemente legata al mondo dei motori: in oltre quarantanni infatti, sulla pista californiana si sono alternate F5000, F1 e IndyCar. Grandissimi nomi hanno caratterizzato la storia del Circuito di Long Beach, fra i tanti si possono ricordare Clay Ragazzoni (vittima anche di un clamoroso incidente che lo rese paraplegico dal 1980), Nelson Piquet, Gilles Villeneuve, Niki Lauda, Carlos Reutemann, Alan Jones e John Watson. Lo stesso Watson ha recentemente commentato la propria esperienza sul tracciato americano:”Non riesco a pensare a una posizione migliore per una gara di Formula E” – ha detto riferendosi alla vicinanza a Los Angeles e Hollywood – “Ho apprezzato la sfida di guidare tra le pareti, si deve trovare un modo per trovare il giusto feeling con il circuito, chiedendosi quanto vicino ad una barriera si può guidare senza arrivare al contatto?”. Al Unser Jr è un altro pilota che ha scritto la storia del circuito di Long Beach, capace di vincere per sette anni (tra l’88 e il 95) la gara nella categoria CART.
L’anno scorso fu proprio Nelson Piquet Jr, dopo aver fatto una partenza sensazionale e aver dominato la gara, ha raggiunto la sua prima vittoria in Formula E sulla stessa pista dove suo padre ha messo a segno il primo dei suoi 24 successi in F1.
Per quanto riguarda il tracciato, la Formula E utilizza una versione abbreviata del percorso, con le vetture costrette ad una brusca curva verso destra dopo il lungo tratto della Shoreline Drive. Il resto della pista, compresa quindi la famosa linea di partenza, rimane lo stessa.

Classifica Campionato Formula E (prime 10 posizioni)
1 – Sebastian Buemi (Renault e.Dams) 98
2 – Lucas Di Grassi (ABT Shaeffler Audi Sport) 76
3 – Sam Bird (DS Virgin Racing Formula E Team) 60
4 – Jerome D’Ambrosio (Dragon Racing) 58
5 – Loic Duval (Dragon Racing) 44
6 – Nicolas Prost (Renault e.Dams) 38
7 – Robin Frijns (Andretti Formula E Race Team) 31
8 – Stephane Sarrazin (Venturi Formula E Team) 30
9 – Nick Heildfeld (MAhindra Racing Formula E Team) 27
10 – Antonio Felix Da Costa (Team Aguri) 16
Il programma di sabato 2 aprile 2016 – Long Beach (ora locale)
8.15 Prove libere
10.30 Prove libere
12.00 Qualifiche gruppo 1 (ogni turo di qualifica dura 6 minuti)
12.10 Qualifiche gruppo 2
12.20 Qualifiche gruppo 3
12.30 Qualifiche gruppo 4
12.45 Super Pole
16.00 Long Beach ePrix
Dove vedere l’ePrix di Long Beach.
La gara verrà trasmessa in chiaro su RaiSport1 nella notte tra sabato 2 e domenica 3 aprile alle 00.50.

Curiosità tecnologica.
Robocar of Roborace

E’ stato presentato il progetto per la prima auto da corsa interamente automatizzata, cioè senza l’ausilio di un pilota in carne ed ossa. Il design è ad opera di Daniel Simon, Chief Design Officer della Roborace e noto per aver collaborato ai successi Hollywoodiani Tron: Legacy e Oblivion. Il progettista di questo nuovo esperimento tecnologico ha descritto così il proprio lavoro:”Il mio obiettivo è quello di creare un veicolo che sfrutti tutte le opportunità che l’assenza del pilota può portare, senza scendere a compromessi sullo stile e la bellezza; gli ingegneri a lavoro sul progetto hanno lavorato duramente con me per ottenere questo tipo di risultato” – poi ha aggiunto – “La Roborace punta molto sua sulla competitività che sull’intrattenimento, quindi ricerchiamo il massimo delle performance insieme ad uno stile mozzafiato”.
Il CEO della Formula E Alejandro Agag a proposito del progetto ha detto: “Oggi è una giornata storica per il motorsport, e l’industria automobilistica in generale Questa prima immagine della Robocar, rappresenta una visione di quello che saranno le automobili, una visione del nostro futuro. In Formula E siamo orgogliosi di promuovere, insieme a pionieri come Denis Sverdlov e Daniel Simon, una rivoluzione nel mondo dei motori, un progetto che cambierà il futuro della mobilità”.
La prima versione della fantascientifica Robocar verrà mostrata durante la stagione 2016/17 del Campionato Formula E.

Fonte: sito ufficiale del Campionato Formula E

  •   
  •  
  •  
  •