Mick Schumacher entrerà nella Ferrari?

Pubblicato il autore: Daniela Segui

Mick-Schumacher-to-race-with-broken-handIl figlio di Michael Schumacher, Mick, sarà presto sulla pista di Maranello e gareggerà con la cara vecchia Ferrari già guidata da suo padre. E’ una notizia nata da poco, su cui comunque si fonda una solida base di verità anche se non ancora confermata. Gli esperti della Rossa Italiana sarebbero entusiasti di un tale acquisto e la Bella Italia sicuramente fiera di riportare il nome del tedesco sulle proprie piste… Nel frattempo Michael Schumacher resta in coma. Il sette volte campione del mondo di Formula uno, a distanza di anni dal famigerato incidente sugli sci che l’ha ridotto in fin di vita, non dà alcun segno di miglioramento. La famiglia non fornisce notizie sulle sue condizioni di salute da tempo ormai e i medici, secondo indiscrezioni comincerebbero purtroppo a essere meno ottimisti. La fine, quella reale, dell’ ex automobilista della Ferrari acclamato in tutto il mondo, potrebbe essere vicina, nonostante le cure amorevoli della famiglia e le terapie cui ancora è sottoposto. Assolutamente falsa e subito smentita dalla famiglia la “bufala” secondo cui Schumi si sarebbe svegliato e avrebbe descritto a tutti il Paradiso, affermando di averlo visto e di esserci stato….”Magari fosse stato vero”, tutti gli ammiratori e appassionati dell’italiana Ferrari avrebbero esultato e tra i paparazzi si sarebbe fatta la corsa al “primo scatto” ritraente la prima immagine pubblica di Schumacher una volta uscito dal coma. Purtroppo, come detto, non è una notizia vera. E’ difficile certo immaginare l’agonia di tutta una famiglia nel vedere il loro familiare, come si dice, spegnersi giorno dopo giorno e nonostante le cure non potere fare nulla per salvargli la vita. Come i medici dichiararono, la brutta caduta in montagna a alta velocità avvenuta tempo addietro, ha causato al pilota un terribile ematoma alla testa. Probabilmente non si è ancora assorbito e le sue condizioni stentano così a decollare. Schumi non sarebbe nemmeno cosciente di quello che accade intorno, peserebbe all’incirca cinquanta chili e viene alimentato e nutrito tramite una macchina. La velocità e l’urto forte lo hanno costretto da anni a una “semi vita” senza quasi che lui possa rendersene conto. Certamente è strano pensare che proprio a lui cui la velocità non ha mai spaventato, tradito dalle sue stesse gambe, non è mai stato ingannato invece dal suo mezzo preferito, una macchina. Proprio quella stessa da corsa che da poco tempo suo figlio Mick sta imparando a padroneggiare. Il giovane “pupillo” dell’ ex pilota Ferrari ha già cominciato a gareggiare in alcune competizioni automobilistiche ricavandone anche discreti punteggi. Attualmente infortunato a una mano, incidente che ovviamente non lo fermerà a lungo, è il prossimo futuro candidato, come tutti si aspettano, a raccogliere le fortune di suo padre. Che diventi un campione o no, la Ferrari, come detto, è già pronto a accoglierlo a “braccia aperte” e numerosissimi appassionati già starebbero preparando “bandiere e fischietti” inneggiando al tanto caro Schumacher, quel campione che ha regalato grandi, enormi emozioni… E alla fine tanto rimpianto. Basterà la guida di Micki figlio a riportare in pista quell’entusiasmo di una volta? Gli esperti affermano di si. In effetti basta il nome per suscitare nel cuore e nell’anima quelle emozioni di un tempo. Gruppi facebook e di altri social network creati prima e dopo l’incidente quasi mortale di Michael, già esaltano il figlio come una “nuova stella” e astro nascente da cui rinascerà quella leggenda venuta alla luce decenni prima… Saprà il nuovo giovane Schumi tenere testa a tanto?

  •   
  •  
  •  
  •