MotoGP cambia regolamento: modifiche alla patente a punti e censura per i piloti

Pubblicato il autore: Gianluca_Rizzo Segui

La FIM ha approvato alcune modifiche al regolamento, alcune faranno storcere il naso a molti a cominciare dalla legge sulla censura. La MotoGP cambia regolamento

maxresdefault

Mentre in Qatar le squadre e i team sono impegnate nella seconda giornata di test, la FIM ha annunciato che la MotoGP cambia regolamento.

Alcuni di questi di piccola entità, altri intenti a modificare drasticamente il modo della MotoGP.

Dopo il finale di stagione del 2015 e tutte le polemiche che si sono protratte per mesi, sono state decise nuove regole che cambieranno sensibilmente il sistema MotoGP. Una delle nuove regole prevede l’abolizione delle sanzioni in caso di raggiungimento dei 4 o 7 punti di penalità sulla patente. D’ora in poi la sanzione scatterà al raggiungimento dei 10 punti, al raggiungimento di tale soglia, il pilota verrà squalificato dalla gara successiva.
Per fare un esempio, prendiamo il caso di Valentino Rossi a Valencia. In quel caso il 46 dopo la sanzione ha raggiunto quota 4 punti sulla patente, cosa che ha fatto scattare la sanzione e quindi la partenza dall’ultima casella; con il nuovo regolamento le cose sarebbero andate molto diversamente.Il conteggio dei punti varrà per 365 e verrà azzerato al raggiungimento dei 10 punti.
Altra norma che farà sicuramente discutere è la nuova “legge bavaglio” imposta a piloti e team. Da oggi è fatto divieto assoluto di rilasciare comunicati o dichiarazioni pubbliche che possano essere considerate irresponsabili o lesive all’immagine del campionato.
In poche parole, le dichiarazioni che fece Rossi prima del gran premio della Malesia, se fatte oggi sarebbero sanzionabili.

Questa nuova regola, oltre a non essere chiara del tutto, va contro il diritto di libertà di parola e di pensiero; bisognerà fare maggiore chiarezza su cosa intenda la FIM per “irresponsabili” .

Altre modifiche al regolamento riguardano:

-La sanzione in caso di bandiera gialla;  oltre all’obbligo di restituire la pozione il pilota  potrà essere punito con altre sanzioni

-La posizione che dovrà assumere la moto sullo schieramento di partenza sarà definita con maggiore precisone

-E’ stata modificata la procedura di partenza in caso di giro di allineamento asciutto e pioggia poco prima della partenza, l’obiettivo della commissione è di ridurre i tempo di attesa tra una partenza e l’altra.

  •   
  •  
  •  
  •