La Repsol Honda è pronta per l’Argentina: “Potremmo anche puntare ad un risultato migliore”

Pubblicato il autore: Gianluca_Rizzo Segui

Dopo il buon risultato in Qatar, i piloti Repsol Honda sono pronti per affrontare la nuova sfida in Argentina, una pista dove regnano le incognite una su tutte le gomme.
_ti16543-lowres

La grande sorpresa del Qatar sono state le Repsol Honda di Marc Marquez e Dani Pedrosa; alla vigilia della gara e visti i risultati deludenti dei test, nessuno avrebbe mai scommesso per un podio e per un quinto posto.

Così Marc Marquez alla vigilia della trasferta sud americana:

“Veniamo in Argentina in uno stato d’animo positivo, dopo il raggiungimento di un terzo posto in Qatar, un risultato che non era davvero prevedibile prima dell’inizio della stagione. Abbiamo lavorato molto duro e molto bene con la Honda e con il team durante il fine settimana, e il giorno della gara sono riuscito a spingere come è attualmente possibile. Naturalmente non abbiamo avuto un test invernale qui su cui contare e dovremo vedere se la messa a punto che abbiamo trovato in Qatar funziona anche qui. Sarebbe un buon passo in avanti per noi, in generale, e potremmo anche puntare ad un migliore risultato Domenica. Naturalmente sarà un punto interrogativo fino a Venerdì ma, tutto sommato, l’Argentina è un circuito che mi piace. Siamo sempre stati veloci qui, così mi sento positivo per il fine settimana. “

Un po’ più deluso del compagno di squadra, ma con altrettanta voglia di lottare, Dani Pedrosa:

“Al GP del Qatar, abbiamo fatto un passo in avanti in linea con la messa a punto rispetto al test invernali. Abbiamo migliorato il nostro passo e sono stato in grado di mantenerlo durante la gara, con buona consistenza. I lati positivi erano che il braccio ha funzionato bene su una pista che si è dimostrata impegnativa sotto questo profilo, in passato, siamo riusciti a saperne di più sulla nuova moto. Ma non è ancora abbastanza; abbiamo bisogno di migliorare la posizione di guida, il modo in cui si comporta la moto in pista e la messa a punto, in generale, al fine di trovare una migliore velocità, perché al momento il gap con i leader è ancora troppo grande. Questo sarà il nostro obiettivo per l’Argentina. Non ho corso qui la scorsa stagione, ma ho buoni ricordi della pista a partire dal 2014, mi piace il layout e spero che saremo in grado di fare un altro passo “.

  •   
  •  
  •  
  •