Torna la Formula E Championship, tutto pronto per l’ePrix Città del Messico

Pubblicato il autore: Nicola Di Gregorio Segui
Circuito ePrix Città del Messico

Circuito ePrix Città del Messico

 

E’ arrivato il momento per il quinto appuntamento annuale del campionato di Formula E. La competizione tra bolidi elettrici è al momento condotta dallo svizzero Sébastien Buemi, pilota di punta del team Renault e.Dreams.
L’ePrix Città del Messico si svolge in parte nello storico Autodromo Hermanos Rodriguez e, come sempre nel campionato di Formula E, tra le strade della capitale messicana. Il percorso sarà lungo approssimativamente 2 km e godrà della presenza di oltre 40 mila posti a sedere per il pubblico.
Cinque curiosità sulla gara messicana.

Il tracciato misto, in parte su circuito e in parte su strade cittadine, porta con sè la difficile congruenza tra i diversi asfalti. Se il primo infatti, è studiato per aiutare il grip e le prestazioni delle auto, il secondo non risponde a queste caratteristiche. Per il momento però, gli pneumatici Michelin utilizzati dalle scuderie non hanno patito eccessivamente queste problematiche, a parte l’ePrix di Berlino, perchè quest’ultimo si svolge anche sul particolare asfalto dell’aeroporto Tempelhof. Un’altra caratteristica del tracciato è la presenza di buche e piccoli dossi: durante questa stagione il Team Renault si è dimostrato più di altri all’altezza per quanto concerne la guidabilità su questo tipo di superfici.
La gara si svolge ad un’altitudine di 2200 metri circa, cosa che creerebbe non pochi problemi ai classici motori a combustione interna; essendo queste vetture elettriche, il problema dell’aria rarefatta viene meno, ma si presenta la possibilità di contare su una resistenza dell’aria minore, cosa che può influenzare le scelte in termini di aerodinamica.
La zona dove si trova il circuito è colpita sovente da importanti raffiche di vento, cosa che rende l’asfalto più sporco del solito. Infine, la questione pubblico. Come si è visto già durante l’ultima gara a Buenos Aires, il caldissimo pubblico sud americano riesce a trasmettere ai propri piloti di casa un’energia psicologica in più durante tutte le diverse sessioni di prova in programma fino alla gara. In questo caso Salvador Duran, che attualmente ha preso parte solo all’ultima gara disputata in Argentina e quindi ancora 0 punti in campionato, parte con il netto favore del pubblico messicano. A questo proposito il pilota del Team Aguri ha dichiarato:”I tifosi qui si fanno davvero sentire! Sono dei veri appassionati! Io sono molto entusiasta nel poter offrire loro tutto questo, perchè sono un pubblico che ama davvero le corse. Ma non è solo una questione di macchine, si tratta proprio tutto lo show che la Formula E porta in giro per il mondo”.

Per il momento la classifica per il Fanboost (che ricordiamo, permette al pubblico di votare in favore del proprio preferito in modo tale da regalare al pilota una riserva di 100kJ di energia in più da utilizzare durante la gara) è condotta dal pilota del Team Aguri Salvador Duran (15%), seguito da Lucas Di Grassi dell’Abt Schaeffler (14%), i due piloti della DS Virgin Racig Jean-Eric Vergne (14%) e Sam Bird (14%). Per quanto riguarda l’ultimo ePrix andato in scena a Buenos Aires, ad aggiudicarsi l’ambito premio sono stati Lucas Di Grassi, Jean-Eric Vergne and Sam Bird.

Il programma della gara.
Sabato 12 marzo
8.15 – 9.00 Prove libere
10.30 – 11 Prove libere
12.00 – 12.06 Qualifiche gruppo 1
12.10 – 12-16 Qualifiche gruppo 2
12.20 – 12.26 Qualifiche gruppo 3
12.30 – 12.36 Qualifiche gruppo 4
12.45 – 13.00 Super Pole

16.00 – 16.50 ePrix Città del Messico (43 giri)

Dove vedere in chiaro l’ePrix Città del Messico.
Purtroppo in Italia sarà possibile seguire solamente la diretta della gara, senza le sessioni di qualificazione. Il gran premio è trasmesso sul canale Rai Sport 1 alle ore 23.00 di sabato.Fonte: sito web ufficiale del Formula E Championship
  •   
  •  
  •  
  •