Vettel al veleno sulle nuove qualifiche

Pubblicato il autore: Nello Simonetti Segui

VettelLe nuove qualifiche non gli piacciono proprio e non fa nulla per nasconderlo. Sebastian Vettel non usa mezzi termini per bollare come inutili e dannosi le nuove qualifiche, lanciando bordate inequivocabili: “La Formula 1 non è in crisi – ha tuonato il pilota della Ferrari -. Se guardiamo allo spettacolo credo siamo in buone condizioni. Manca però una leadership, c’è un po’ di caos come quando reinventano le regole delle qualifiche. Non amo le nuove qualifiche, ma non vedo cosa ci sia da cambiare. Posso capire che possano esserci nuove emozioni con un elemento di casualità ma credo che alla fina debba sempre prevalere il pilota più veloce con il team migliore. Questo è il dna del nostro sport. Cambiarlo in modo così estremo crea solo caos, è sbagliato e crea punti critici fra noi piloti”. Insomma un punto di vista non esattamente entusiasta delle nuove qualifiche. Lui continua a sfrecciare sulla sua nuova Ferrari, nel quarto e ultimo giorno di test a Montmelò, con il tempo di 1’22″852 è stato il più veloce di tutte, lanciando segnali incoraggianti sul potenziale della vettura da lui guidata. Poi la conferenza stampa al termine delle prove e la contestazione delle nuove qualifiche, mitigate in parte dal giudizio tutto sommato positivo sul sistema Halo, adottato per proteggere la testa dei piloti all’interno dell’abitacolo: “Credo che quando si gira – ha spiegato Vettel – sia tutto a posto, si può migliorare sia dal punto di vista dell’estetica che della visibilità, continueremo a testarlo al simulatore e valuteremo le varie variazioni che verranno apportate. Non è un gran bel vedere in una vettura di F.1, ma se può aumentare la sicurezza e aiutare a salvare delle vite che ben venga”. Chi invece lo ha bocciato senza mezzi termini, è Lewis Hamilton, durissimo nel suo giudizio espresso attraverso la ormai classica strada del social network: “È la peggiore modifica nella storia della Formula 1 – è quanto ha scritto il campione iridato in carica su Instagram – Per favore no! Apprezzo la ricerca per la sicurezza ma si tratta di Formula 1 e così com’è ora va benissimo”. Vettel e Hamilton scuotono dunque questi primi test di avvicinamento al mondiale. L’uno contro le nuove qualifiche, l’altro contro il sistema Halo, non hanno fatto nulla per nascondere il loro disappunto alla vigilia del via.
Prospettive rosse – Tornando alla Ferrari e alle prospettive in vista della nuova stagione, con annesso obiettivo di colmare il gap dalle Mercedes, Sebastian Vettel, archiviata la polemica sulle nuove qualifiche, prova a sbilanciarsi, lasciando intravedere un’enorme desiderio di rivalsa rispetto alle delusioni delle ultime stagioni: “Spero di non stare dietro – ha dichiarato il ferrarista – come l’anno scorso, noi vogliamo stare davanti e cercheremo di annullare il divario nell’ultimo Mondiale ci siamo avvicinati ad Hamilton e Rosberg e credo che la nuova macchina ci dia la possibilità di ridurre ulteriormente il gap, vedremo fra un po’ a che punto siamo arrivati”. Dai primi giri sembra filtrare un cauto ottimismo, anche se la strada da percorrere per raggiungere le Mercedes appare ancora molto lunga e difficile.

  •   
  •  
  •  
  •