Mercato MotoGp: se Lorenzo parte scatta l’effetto domino

Pubblicato il autore: Gianluca_Rizzo Segui

L’annuncio del passaggio di Jorge Lorenzo alla Ducati aleggia nell’aria ormai da qualche settimana, la cosa sembra che ormai la cosa sia fatta. Questo cambierà diverse cose nel mercato MotoGp

cfaff7f971c34be6a206e5689da4f0d2

Mercato MotoGp, se Lorenzo lascia la Yamaha ecco i possibili scenari.
Se avverrà veramente l’annuncio di Lorenzo in Ducati come ormai si aspettano in molti, questo scatenerà un effetto domino su tutto il mercato.
Ducati
Ci sono i due piloti ufficiali da sistemare. Da una parte Andrea Dovizioso, che per Ducati ha svolto un ruolo decisivo nello sviluppo della moto e le sue capacità di tester sono indiscutibili, dall’altra parte c’è Andrea Iannone, che escludendo l’errore dell’Argentina, è un pilota velocissimo e dal grande talento. La nella scelta su chi scegliere per il prossimo anno potrà essere fondamentale il veto di Jorge Lorenzo.
Yamaha
La sella lasciata libera da Lorenzo in Yamaha poi fa gola a molti, ma sembra ormai sicuro che nel caso fosse lasciata libera verrà occupata da Maverick Vinales, pilota Suzuki dal grandissimo talento che permetterebbe alla casa dei tre diapason di far partire un progetto rivolto verso il futuro, un po’ come fatto con Lorenzo.
Suzuki
La Suzuki libera, secondo quanto detto da Luigi Pernat, potrebbe finire nelle mani di Andrea Iannone, il pilota di vasto sarebbe già stato avvicinato dai vertici, ma Davide Brivio (Team Menager Suzuki) ha smentito. In scadenza c’è anche Aleix Espargarò, chissà che il prossimo anno non si possa vere una formazione del tutto inediata.
KTM
L’ingresso  dal prossimo anno di KTM in MotoGP lascia ancora molte porte aperte. Una delle due moto verrà affidata a Bradley Smith, mentre la seconda potrebbe essere contesa tra Dani Pedrosa e Andrea Dovizioso, che fa molta gola al team austriaco.
Non bisogna dimenticare l’arrivo di molti piloti dalla Moto2 tra cui il campione del mondo in carica Johann Zarco e il rookie Alex Rins. Proprio il francese con l’appoggio del Team Ajo potrebbe trovare la moto ufficlae al suo debutto in MotoGp, si verrebbe così a creare una squadra composta da un pilota esperto e da un esordiente, un po’ come fatto da Suzuki al debutto.
Honda
In tutto questo non bisogna dimenticare che anche la Honda ha entrambi i piloti in scadenza di contratto, e se da una parte c’è Marc Marquez il cui rinnovo è quasi scontato, dall’altra c’è Dani Pedrosa, che non è del tutto soddisfatto della direzione presa dallo sviluppo della moto della casa dell’ala dorata. Al termine della stagione 2015 si era già parlato di Dani vicino all’addio e di trattative in corso con Vinales. Ora che il giovanissimo pilota spagnolo sembra nelle mani di Yamaha, un buona alternativa potrebbe essere l’esordiente Alex Rins che ha dimostratro di essere molto competitivo in Moto2. In Honda però non hanno nessuna fretta e aspetteranno sicuramente più avanti nel campionato per annunciare eventuali cambiamenti. L’anno scorso circolava la voce che fosse stato Marc Marquez ad opporsi al ritorno in pista di Casey Stoner per sostituire Pedrosa infortunato, chissa se il forte peso che ha ormai nel team vicolerà la scelta del pilota da affiancargli il prossimo anno.

Questo potrebbe essere la situazione delle moto ufficiali per il prossimo anno:

Yamaha  
Rossi
Vinales

Honda 
Marquez
Pedrosa

Ducati 
Lorenzo
Dovizioso

Suzuki
Iannone
Espargarò

KTM 
Smith
Zarco

  •   
  •  
  •  
  •