Gp Spagna: Verstappen fenomeno. “Harakiri” Mercedes

Pubblicato il autore: Antonio Paradiso Segui

verstappen2
GP SPAGNA: IL PILOTA OLANDESE ALLA PRIMA GARA IN RED BULL OTTIENE IL SUO PRIMO SUCCESSO IN FORMULA 1

Max Verstappen è nella storia. Il pilota olandese, all’età di 18 anni e 8 mesi, vince il suo primo gran premio di Formula 1, “asfaltando” il record di Vettel, che aveva vinto la sua prima gara all’età di 21 anni. Una gara incredibile che è partita subito con un colpo di scena, che ha visto ritirarsi le due Mercedes, che si sono toccate pochi km dopo la partenza, con Rosberg che era riuscito a portarsi avanti. Dopo il “crash” le due Red Bull si trovano in testa, con Ricciardo primo e Verstappen secondo, davanti a Sainz della Toro Rosso. Tuttavia, in pochi giri il “torello” viene infilato dalle due Ferrari che si portano al terzo e al quarto posto rispettivamente con Vettel e Raikkonen. A questo punto inizia una vera e e propria gara di nervi, con Red Bull e Ferrari che si controllando a vicenda. Dopo il primo pit stop le posizioni restano invariate e tutti decidono di montare gomme medie. Al 27esimo giro Ricciardo si ferma, montando gomme soft, seguito da Vettel che un giro dopo decide di optare per la stessa strategia. Restano, invece, in pista Verstappen e Raikkonen, che si trovano ora a condurre la gara. Al giro 35 però il pilota olandese rientra per la sua seconda sosta, montando ancora gomme medie, seguito a ruota da Raikkonen che “copia” la strategia di casa Red Bull. Vettel, ancora bloccato dietro Ricciardo, decide di anticipare la terza sosta, entrando ai box al giro 38. Una scelta azzeccata che permette allo scudiero di casa Ferrari di sopravanzare Ricciardo. Tuttavia, il quatto volte campione del mondo non fa i conti con Verstappen e Raikkonen che, sfruttando anche l’ottima prestazione della gomma media, decidono di non fermarsi più. Una scelta che alla fine pagherà. Nella parte finale della gara sfida a distanza Ferrari-Red Bull, con Raikkonen che prova in tutti i modi a superare Verstappen, mentre Ricciardo prova a sopravanzare Vettel. Negli ultimi giri una foratura ferma il pilota australiano che quindi è costretto ad accontentarsi del quarto posto. Vince Max Verstappen che riporta la Red Bull al successo dopo quasi due anni di stop, dato che la scuderia austriaca non riusciva a salire sul gradino più alto del podio dal Gran Premio del Belgio del 2014, vinto proprio da Ricciardo.

Gp Spagna: Risultati gara

1) Max Verstappen (Red Bull)
2) Kimi Raikkonen (Ferrari) +0.616
3) Sebastian Vettel (Ferrari) + 5.581
4) Daniel Ricciardo (Red Bull) + 43.950
5) Valtteri Bottas (Williams) + 45.271
6) Carlos Sainz (Toro Rosso) + 1.01.395
7) Sergio Perez (Force India) + 1.19.538
8) Felipe Massa (Williams) + 1.20.707
9) Jenson Button (McLaren) + 1 LAP
10) Dani Kvyat (Toro Rosso) +1 LAP
11) Esteban Gutierrez (Haas) + 1 LAP
12) Marcus Ericsson (Sauber) +1 LAP
13) Joylon Palmer (Renault) + 1 LAP
14) Kevin Magnussen (Renault) +1 LAP
15) Pascal Wehrlein (Manor) +1 LAP
16) Rio Haryanto (Manor) +1 LAP

PILOTI RITIRATI

Romain Grosjean (Haas)
Fernando Alonso (McLaren)
Nico Hulkenberg (Force India)
Nico Rosberg (Mercedes)
Lewis Hamilton (Mercedes)

Classifica piloti

Nico Rosberg (Mercedes) 100 p.ti
Kimi Raikkonen (Ferrari) 61
Lewis Hamilton (Mercedes) 57
Sebastian Vettel (Ferrari) 48
Daniel Ricciardo (Red Bull) 48
Max Verstappen (Toro Rosso/Red Bull) 38
Felipe Massa (Williams) 36
Valtteri Bottas (Williams) 29
Dani Kvyat (Red Bull/Toro Rosso) 22
Romain Grosjean (Haas) 22
Carlos Sainz (Toro Rosso) 12
Fernando Alonso (McLaren) 8
Sergio Perez (Force India) 8
Kevin Magnussen (Renault) 6
Nico Hulkenberg (Force India) 8
Jenson Button (McLaren) 3
Stoffel Vandoorne (McLaren) 1

NB: Vandoorne ha sostituito Fernando Alonso in McLaren nella gara del Bahrein. Kvyat e Verstappen, dopo aver iniziato la stagione rispettivamente in Red Bull e Toro Rosso, si sono scambiati la squadra dal Gran Premio di Spagna

Classifica costruttori:

Mercedes 157
Ferrari 109
Red Bull 94
Williams 65
Toro Rosso 28
Haas 22
Force India 14
McLaren 12
Renault 6

  •   
  •  
  •  
  •