Moto GP: una domenica spettacolare per ricordare Salom

Pubblicato il autore: Andrea Bellini Segui
MotoGP

Il podio a Montmelo della Moto2, categoria in cui gareggiava Luis Salom

Si è concluso ieri, con la gara di MotoGP, il weekend di gare più buio del motomondiale dal 23 ottobre 2011, quando ci lasciò Marco Simoncelli dopo un terribile incidente sul circuito di Sepang, in Malesia. Come tutti sappiamo, l’evento tragico di venerdì scorso, con la morte di Luis Salom, ha sconvolto e condizionato tutte le tre giornate in cui i piloti sono scesi in pista, nel tracciato spagnolo di Montmelo, in Catalogna; inizialmente si discuteva sul possibile annullamento delle gare, ma alla fine la direzione gara ha optato per la modifica parziale del tracciato: sostanzialmente, si è corso sulla configurazione del tracciato utilizzato nelle gare di Formula 1. Una delle critiche, che come sempre in questi casi vengono mosse solo a dramma avvenuto, riguarda la via di fuga della curva 12, dove è avvenuto l’incidente di Salom: la suddetta via di fuga, infatti, è sprovvista di ghiaia, il che, molto probabilmente, avrebbe potuto frenare pilota e moto dopo la caduta, evitando così il dramma. Ma quanto avvenuto, ormai, non poteva più essere cambiato: non rimaneva altro da fare, per i piloti in pista, che onorare Salom regalando spettacolo in pista. E così è stato.

MotoGP: tre gare spettacolari

Moto3: arriva sulla pista di casa la prima vittoria di Navarro

Come sempre la categoria “minore”, la Moto3, regala forti emozioni e spettacolo, e sul circuito di Montmelo le aspettative non sono state deluse: alla fine, in una gara caratterizzata da molteplici sorpassi, con il gruppo di testa formato da ben 6 piloti alla conclusione dell’ultimo giro, dopo che per gran parte della gara il “gruppone” vedeva otto piloti nel giro di pochi decimi, con Pawi e Rodrigo che sono caduti nei giri finali. A spuntarla è stato lo spagnolo del team Estrella Galicia Jorge Navarro, che centra così la sua prima vittoria nella categoria, e precede il leader del mondiale Brad Binder, autore di una rimonta pazzesca nelle battute conclusive della gara.

Moto2: Zarco vince e si avvicina alla vetta del motomondiale

Arriviamo, quindi, alla gara di Moto2, categoria dove gareggiava il povero Salom. Altra gara spettacolare a cui abbiamo potuto assistere nel pomeriggio di ieri, con molti sorpassi e molte cadute, tutte senza conseguenza: a trionfare è stato il francese Johann Zarco, che nei minuti finale prende la testa della gara e allunga, terminando con più di 4” su Rins, e guadagnando punti sullo stesso spagnolo, attuale leader del mondiale. Terzo, dopo una grande bagarre con Syahrin e Luthi, è arrivato un sorprendente Nakagami.

MotoGP: Rossi batte Marquez e i due “fanno pace”

Arriviamo, infine, alla classe regina, la MotoGP, che ha regalato un’altra gara emozionante e con qualche colpo di scena. Alla fine a vincere è stato Rossi, che si conferma conquistatore in terra spagnola, che, dopo una partenza non brillante, risale fino alla prima posizione, messa in pericolo solo da Marquez, domato negli ultimi giri. Dietro di loro Pedrosa. Weekend amaro invece per Lorenzo, che in gara non è mai riuscito ad essere incisivo e ha continuato a perdere posizioni, fino a quando, mentre si trovava quinto, è stato abbattuto da Iannone, colpevole nella circostanza e penalizzato dalla direzione gara: il ducatista, infatti, partirà dall’ultima casella dello schieramento nel prossimo gran premio di MotoGP, ad Assen. In tutto questo, poi, la grande sorpresa nel dopo-gara: Rossi e Marquez che si stringono la mano. Un gesto di pace? Non lo sappiamo, ma in un weekend così nero noi speriamo che sia così.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  MotoGP, Rins recupera: in Germania ci sarà
Tags: