Superbike, GP di Jerez: Davies vince Gara-1, Rea sempre più vicino al titolo.

Pubblicato il autore: Andrea Bellini Segui
Superbike

Davies trionfa ad Jerez (fonte: tuttomotorsport.com)

Ora si comincia a fare sul serio, in Superbike: siamo arrivati al 12° round, il penultimo, prima della gara in Qatar che si terrà tra due settimane. E’ appena terminata Gara-1 sotto il sole di Jerez: a trionfare è stato Davies, ma i riflettori sono tutti puntati su Jonathan Rea, che in queste due giornate di gare potrebbe arrivare a conquistare il titolo; ma andiamo con ordine, esaminando la gara appena conclusasi.

Superbike, il racconto di Gara-1 ad Jerez

Come detto, il protagonista di gionrata in pista è stato senza dubbio Chaz Davies; il pilota britannico della Ducati, infatti, è stato autore di una splendida gara: partito dalla sesta casella, è riuscito fin dalla prima curva a recuperare terreno, terminando il primo giro già in terza posizione. La rimonta è stata poi completata nei 2 giri successivi, a discapito di Rea, prima, e di Tom Sykes, dopo, e si è risolta in una fuga solitaria grazie al suo classico stile di guida, molto aggressivo ma allo stesso tempo efficace e soprattutto costante in tutto l’arco della gara, cosa che non a tutti riesce. Dietro al ducatista sono arrivati gli altri due britannici, nonché compagni di squadra in Kawasaki: nell’ordine, Sykes e Rea, che hanno disputato una gara per certi versi anonima, perché non hanno mai dato vita ad una vera e propria bagarre, se non nelle primissime curve; questo è sicuramente dovuto ad un fatto di classifica, in quanto a Rea, che nella coppia era l’inseguitore, un terzo posto andava più che bene, in ottica campionato. A seguire troviamo un’altra coppia, quella composta dai due piloti della Honda Nicky Hayden e Michael van der Mark: l’esperto statunitense sembrava poter insidiare nei primi giri la terza posizione occupata da Rea, salvo poi calare da metà gara in poi, in termini di prestazioni; il compagno si scuderia, invece, è stato protagonista  di una buona rimonta nei confronti di Hayden, condita con un arrivo al fotofinish che non ha però visto vincitore del confronto il giovane olandese. La top ten viene poi conclusa da: Guintoli (Yamaha), Camier (MV Augusta), Torres (BMW), Reiterberger (BMW), Brookes (BMW).  Per quanto riguarda gli italiani in gara, da segnalare la caduta di Giugliano, partito in terza posizione, già al secondo giro, in “sincronia” con Fores (ma tra i due, stando a quanto dichiarato dallo stesso pilota romano, non c’è stato nessun contatto); in seguito troviamo De Angelis e Savadori, entrambi con l’Aprilia, rispettivamente in undicesima e tredicesima posizione, e Vizziello, sedicesimo all’arrivo con la Kawasaki.

Leggi anche:  F1, Carlos Sainz: "Sono sorpreso dalla nostra performance del venerdì".

La classifica piloti

Per quanto riguarda la classifica piloti, già domani Jonathan Rea potrebbe diventare, o meglio confermarsi, campione Superbike: i punti che ha di vantaggio sul compagno di squadra, dopo Gara-1, sono 44, con 75 punti ipotetici ancora a disposizione. Questo vorrebbe dire che se dovesse vincere domani Gara-2, e Sykes dovesse arrivare al massimo terzo, diventerebbe matematicamente campione per la seconda volta consecutiva; da quello che si è visto oggi, l’incognita più grande è rappresentata, come sempre, da Chaz Davies, ma in generale l’impressione è che domani sarà battaglia vera, altrimenti verrà tutto rinviato all’ultima gara, in Qatar; quel che è certo è che il destino del campionato è tutto nelle mani di Rea. In tutto questo, con i suoi due piloti sul podio, la Kawasaki conquista il titolo del mondiale costruttori.

  •   
  •  
  •  
  •