Moto Gp, ecco il calendario e le nuove Desmo16 e M1. Rossi e Lorenzo pronti a lottare di nuovo

Pubblicato il autore: Simone Segui


Il nuovo mondiale di Moto Gp che partirà il prossimo 26 marzo sta già facendo discutere. Moltissime le aspettative per i tifosi delle due ruote: a partire dalle nuove moto e dalle nuove squadre di piloti.

Il calendario, diffuso da qualche giorno, vedrà diciotto gare e si partirà dal Qatar. In Italia si correrà il 4 giugno nel Gran Premio del Mugello seguito da Catalogna e Assen passando per il Giappone ad ottobre e finendo a Valencia il 12 novembre.

CALENDARIO UFFICIALE

  1. Losail Qatar 26 marzo
  2. Rio Hondo Argentina 9 aprile
  3. Austin Americhe 23 aprile
  4. Jerez de la frontera Spagna 7 maggio
  5. Le Mans Francia 21 maggio
  6. Mugello Italia 4 giugno
  7. Catalogna Barcellona 11 giugno
  8. Assen Olanda 25 giugno
  9. Sachsenring Germania 2 luglio
  10. Brno Repubblica Ceca 6 agosto
  11. Spielberg Australia 13 agosto
  12. Silverstone Gran Bretagna 27 agosto
  13. Misano San Marino 10 settembre
  14. Aragon Aragona 24 settembre
  15. Motegi Giappone 15 ottobre
  16. Phillip Island Australia 22 ottobre
  17. Sepang Malaysia 29 ottobre
  18. Tormo Valencia 12 novembre

Tra le novità più importanti senza dubbio troviamo la formazione della nuova Ducati con Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso che cercheranno di portare il titolo alla scuderia italiana con la nuova e ancor più veloce Desmo16. Il Dovi, come viene chiamato dal telecronista Sky Guido Meda, ha tantissima voglia di fare bene e dimostrare di essere un pilota da titolo: “Questo è la mia quinta stagione con Ducati, la decima in MotoGP, ed è un anno molto importante. Penso ancora di potermela giocare: sono contento dell’arrivo di un campione come Lorenzo. Partiamo molto carichi e siamo impazienti, ma dobbiamo aspettare i test. Come l’anno scorso dobbiamo arrivare competitivi in Qatar.

Su Jorge Lorenzo: “Lo conosco molto bene ed è una bella sfida. Sono molto eccitato dal suo arrivo. L’esperienza serve sempre tantissimo, in quattro anni siamo riusciti a tornare in alto e sono soddisfatto”. 

Sulla nuova Desmo16: “L’obiettivo è quello di essere imbattibili. Sono consapevole dei pregi e dei difetti della moto. Ci sono ancora dei limiti e Jorge Lorenzo ce l’ha confermato. Da qui parte lo sviluppo per puntare alla vittoria in ogni gara. Ora dobbiamo provare in pista”.

Obbiettivo: “Voglio vincere”.

Sulla scia delle parole di Dovizioso si inserisce anche Lorenzo che conferma, durante la presentazione della moto presso l’Auditorium di Bologna, la volontà della Ducati di ambire al titolo: “È il mio obiettivo, in Ducati ho trovato il talento, la magia e la fantasia. Possiamo migliorarci e avvicinarci ai nostri avversari, così arriverà il risultato che aspettiamo. Le sensazioni sono positive, è una moto stabile e docile ma con molta potenza. Sono orgoglioso di far parte di questa famiglia. Ringrazio tutti i tifosi che mi hanno caricato sui social. Voglio dare il meglio di me e possiamo fare un altro step verso la vittoria del mondiale. Voglio tornare campione del mondo”.

L’altra novità importante è la Yamaha di Valentino Rossi e Maverick Viñales. Per il nove volte campione del mondo sta per cominciarla ventiduesima stagione ma la voglia e la passione nel guidare per la vittoria sono sempre le stesse: “Conta essere competitivi e fare buone gare, stare concentrati e sempre forti. Per il campionato non si possono fare previsioni, le prime gare serviranno per conoscere il potenziale. L’importante sarà essere competitivi ogni singola domenica”. La moto provata a Valencia ha un ottimo potenziale, ora l’importante è lavorare molto bene nei tre test col nuovo staff per arrivare pronti in Qatar. La prima impressione è buona”. 
Sul suo nuovo compagno di box, invece, dice: “Purtroppo per me è già molto veloce. Cercherò di rubargli qualche segreto per andare veloce come lui”.

Proprio Maverick Vinales, da quanto si legge su Sport Mediaset, ha dichiarato di voler lottare per il titolo e di essere pronto al nuovo anno con ottime sensazioni sulla nuova M1 della Yamaha.

  •   
  •  
  •  
  •