F1, Horner vuole chiarezza sul podio di Vettel. Intanto Marchionne elogia il tedesco

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui

Vettel

Il Gran Premio di Cina, disputato a Shanghai, ha messo ancora una volta in evidenza i progressi fatti dalla Ferrari e dagli uomini di Maranello a dimostrazione che per questa stagione c’è anche la Rossa in lotta per il titolo. Vettel è riuscito a conquistare il secondo gradino del podio, mentre il suo rivale Lewis Hamilton ha vinto il Gp pareggiando le vittorie col tedesco.
Vettel si è dimostrato entusiasta per questo secondo posto e dopo la premiazione sul podio, si è espresso sul duello con Ricciardo: “Ho fatto di tutto per passare Daniel, è stato molto divertente. Lui mi ha bloccato all’interno, quindi ho provato all’esterno e lì per fortuna mi ha lasciato spazio, poi ci siamo toccati, ma è andato tutto bene. Poi ho anche cercato di inseguire Lewis, ma ad ogni mio giro veloce, lui rispondeva colpo su colpo”.
Per un Sebastian Vettel contento e soddisfatto, c’è un Horner che vuole chiarezza sul posizionamento del tedesco. Horner è il team principal della Red Bull e chiede chiarimento in merito al posizionamento dei piloti in griglia di partenza. Horner sostiene che Vettel si sia posizionato troppo sulla sua sinistra in griglia di partenza. “Era evidente quello che Seb stava cercando di fare, ossia posizionarsi sulla parte più asciutta della pista. Sarebbe bene fare chiarezza su cosa un pilota può fare e non fare sulla sua piazzola di partenza. Mi ricordo che già in passato se ne era discusso, ma senza ottenere un chiarimento definitivo”, ha dichiarato Horner.

Leggi anche:  Ferrari, Carlos Sainz debutta alla guida della SF71H a Fiorano.

F1, Marchionne coccola Vettel

In casa Ferrari regna l’ottimismo, dopo i due buoni risultati portati a casa da Vettel. Infatti, se il tedesco ha trionfato al Gran Premio d’Australia, al Gp di Cina ha portato a casa un secondo posto che pareggia i conti di vittorie con Lewis Hamilton, il vincitore a Shangai.
Marchionne, presidente della Ferrari, ha parlato ai microfoni di Sky dei suoi due piloti, in particolar modo ha coccolato Sebastian Vettel: “Stiamo lottando alla pari e se non ci fosse stata la Safety car non sarebbe andata così. Cambiare gli pneumatici è stata una scelta giusta. Siamo arrivati secondi, siamo ad un punto nella classifica costruttori. Vettel ed Hamilton sono alla pari in classifica. Dopo due sole gare non è male”.
Marchionne ha voluto spiegare però anche la situazione dell’altro pilota Ferrari, Kimi Raikkonen. “Ne ho parlato con Arrivabene, forse è ora che si sieda insieme a lui e gli parli. Oggi è sembrato avere altri impegni, stava facendo altro o forse era stanco. Vettel invece si è fatto strada in maniera più aggressiva. Dare un ordine di scuderia comunque non era la cosa più giusta da fare in quel momento”, ha affermato Sergio Marchionne.
Ricordiamo che sia Sebastian Vettel, sia Kimi Raikkonen sono in scadenza di contratto, ma per la scuderia questo non rappresenta al momento un grosso problema. Lo stesso Marchionne infatti ha ribadito che avere due piloti in scadenza di contratto è un problema che si risolverà molto presto come tutti gli altri problemi. Al momento gli uomini di Maranello continueranno a giovare delle gesta dei loro piloti.

  •   
  •  
  •  
  •