Formula 1, Gp di Russia curva per curva [VIDEO]

Pubblicato il autore: Mirko Madau


Al via questo week-end il Gp di Russia del Mondiale di Formula 1 2017. Quarto  appuntamento della stagione sta vedendo protagoniste la Ferrari e la Mercedes. Quest’anno la sfida sembra più alla portata della Ferrari con all’attivo due primi posti sul podio ed un secondo posto. Vettel vincitore del Gp d’Australia e del Bahrain, Hamilton del Gp della Cina. Il Sochi Autodrom nel quale si svolge la gara è uno dei circuiti veloci del mondiale. durante la corsa si può arrivare ad ingranare l’ottava marcia su lunghi rettilinei. Ma vediamo curva per curva i dati telemetrici e il tempo sul giro medio di percorrenza del circuito di Formula 1:

Curve 1, 2: più che una vera e propria curva la 1 è una continuazione del rettilineo dello start-finish del circuito perciò le monoposto possono percorrerlo anche in ottava marcia a circa 325 km/h. I freni vengono sollecitati molto facendone alzare le temperature e sviluppando molta forza G nel guscio del pilota. Alla curva 2 infatti le monoposto entrano in terza marcia ad appena 125 km/h circa. Quindi combinazione di curve destra-destra.

Curva 3: anche in questo caso uscendo da una curva stretta e lenta le auto possono passare in fretta dalla terza marcia alla settima sviluppando una forza G laterale verso sinistra molto forte. La curva 3 più che considerarsi una curva è un semi rettilineo verso sinistra che permette di far arrivare a toccare i 280 km/h circa.

Curva 4: curva lenta verso destra; mediamente viene percorsa a circa 170 km/h in quarta con forte sollecitazione dell’impianto frenante e forza G verso destra. all’uscita si trova un rettilineo a media percorrenza fino a 200 km/h. Nel rettilineo si può misurare il tempo del primo settore in 35.0.

Curva 5, 6: Una combinazione di curve destra-destra nelle quali le monoposto passano dalla terza alla setsa marcia, rispettivamente da 125 a 265 km/h. anche in questo caso forte sollecitazione dei freni e una forza G tendente più verso l’avantreno.

Curva 7: La curva è molto lenta tanto da dover cambiare in poco tempo sollecitando la power unit e i freni. all’uscita un rettilineo molto corto che non consente di raggiungere alte velocità né tentare eventuali sorpassi. La velocità ottimale è di circa 170 km/h in quarta marcia.

Curva 8, 9: Combinazione di curve sinistra-sinistra, si passa da 170 km/h in quarta marcia a 200 km/h in quinta per poi scalare nuovamente. in questa sezione del circuito è presente la DRS detection nella quale le monoposto passano per poter attivare il DRS che gli tornerà utile nel rettilineo poche centinaia di metri dopo.

Curva 10, 11, 12: allo sbocco della curva si passa subito alla quinta marcia con poco più di 200 km/h. Il semi-rettilineo è una combinazione di destra-destra-sinistra. In questo tratto di circuito si attiva il DRS utile per i sorpassi in scia e si raggiungono contemporaneamente alte velocità. Si arriva a toccare i 330 km/h in ottava marcia. Ma occhio alla repentina frenata e conseguente scalata di marcia alla curva successiva.

Curva 13, 14: Curva affrontata in seconda marcia ad appena 90 km/h, curva verso destra e poi subito verso sinistra. in questo settore il tempo medio di percorrenza del settore è di 34.1.

Curva 15, 16, 17, 18: rettilinei poco veloci in questi ultimi metri di gara. prima una curva a sinistra che non permette di superare i 100 km/h in seconda, poi una curva a destra che permette di utilizzare la sesta marcia a circa 270 km/h, un’altra curva a destra con un rettilineo corto in cui si arriva in terza marcia ad appena 115 km/h. infine giunge il rettilineo dello start-finish del circuito percorso al termine a 330 km/h in ottava. Ultimo settore da misurare in 29.4, settore più veloce rispetto al resto del circuito. Tempo totale di percorrenza in 1:38.5.

https://www.youtube.com/watch?v=yCedTpZvAAo

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: