Gran Premio di Singapore F1: i provvedimenti disciplinari dei commissari FIA dopo l’incidente

Pubblicato il autore: Stefano Scibilia Segui


I commissari FIA hanno ufficialmente preso decisioni sui provvedimenti disciplinari da intraprendere per via dell’incidente avvenuto nella giornata di oggi durante la partenza del decimo Gran Premio di Singapore: “i commissari dopo aver esaminato le prove video e sentiti Sebastian Vettel, il conduttore della monoposto numero 5, Kimi Raikkonen, conduttore della monoposto numero 7, Max Verstappen, conduttore della monoposto numeroa 33 e i rappresentanti del team. Il pilota della vettura 7 ha avuto un ottimo avvio e ha potuto tentare di superare la vettura 33 dal lato sinistro. Allo stesso tempo, la vettura 5 che ha avuto un inizio più lento, si è spostata verso il lato sinistro della pista, quindi la monoposto 33 e la monoposto 7 si sono scontrate, con conseguente collisione a catena che successivamente hanno coinvolto la vettura 5 e infine la monoposto 14 (Fernando Alonso) alla curva successiva. Le vetture 7, 5 e 33 dovevano ritirarsi immediatamente a causa dell’incidente, e la vettura 14 si è ritirata pochi giri dopo. I commissari considerano che nessun pilota è risultato essere stato interamente o prevalentemente colpevole per l’incidente al via e non verrà preso nessun altro provvedimento”.

I commissari tramite questo comunicato hanno deciso che nessuno dei piloti tra Sebastian Vettel, Kimi Raikkonen e Max Verstappen dovrà subire dei provvedimenti, anche se l’unico ad aver tratto benefici da questa situazione è sicuramente Hamilton, che ha avuto modo di poter gestire con calma la gara e di portare a casa una vittoria comunque meritata.

  •   
  •  
  •  
  •