F1 GP Malesia, Gasly sostituisce Kvyat in Toro Rosso

Pubblicato il autore: Daniele Vidimari Segui

La Toro Rosso ha confermato la promozione a sorpresa del giovane Pierre Gasly, rimpiazzerà il primo pilota Daniil Kvyat nei GP di Malesia e Suzuka.

Gasly
In conseguenza alle giuste preoccupazioni per il futuro del pilota russo, la Toro Rosso ha confermato che rimarrà a far parte della famiglia Red Bull: si tratta solo di una pausa per consentire al piccolo team italiano di testare sul campo Pierre Gasly, in vista di un possibile posto da titolare nella prossima stagione.

In molti si aspettavano il suo esordio nel campionato attuale, non ai danni di Kvyat ma bensì andando a sostituire Carlos Sainz Jr, difatti lo spagnolo sembrava pronto a muoversi precocemente verso il team Renault Sport 2018.
In conclusione, possiamo ritenerci sicuri che alla base di questo cambio di rotta ci sia, da parte del pilota russo, il rendimento non all’altezza delle umili aspettative della scuderia. Sainz, al contrario, ha dimostrato le sue capacità e di essere pronto per l’inserimento in un top team, quale la Renault spera di essere il prossimo anno.

Leggi anche:  F1, Max Verstappen: quarta power unit a Sochi. Ecco i dettagli

Parlando di questo cambio a sorpresa, il capo della Scuderia Toro Rosso, Franz Tost, si dimostra essere molto fiducioso e rilassato, affermando che tutto rientra nei piani previsti, almeno per il 2018;

La Scuderia Toro Rosso è stata fondata da Red Bull per portare in Formula 1 i talenti del Junior Programme ed è quello che faremo dando a Pierre la sua chance. In casa Red Bull adesso è arrivato il suo turno: ha dimostrato di meritare questa occasione, vincendo il titolo 2016 della GP2 Series e mostrandosi competitivo anche nel campionato Super Formula, in Giappone. Ha davvero una concreta opportunità di vincere il titolo, in quanto si trova a solo mezzo punto alle spalle del leader. Questo cambio ci offre l’opportunità di prendere una decisione più ponderata in merito alla formazione di piloti per il 2018. Per una serie di motivi, alcuni di questi tecnici, altri invece dovuti a suoi errori, Daniil Kvyat non è riuscito ad esprimere tutto il suo potenziale quest’anno; per questo lascerà il volante per le prossime gare. Questo ci darà l’opportunità di valutare Pierre durante un vero e proprio fine settimana di gara.

Leggi anche:  F1, Max Verstappen: quarta power unit a Sochi. Ecco i dettagli

Ovviamente Gasly si è mostrato felice per aver ricevuto l’occasione di guidare per i punti iridati, parteciperà ai prossimi GP di Sepang e Giappone; dovrebbero invece risultare più difficili le presenze ai successivi Gran Premi, data la concomitanza del campionato Super Formula;

Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno fatto in modo che avessi questa grande opportunità per la mia carriera, in particolar modo Red Bull, il Dr. Helmut Marko e la scuderia Toro Rosso… questa è una grande occasione per me. Mi sento pronto, al meglio delle mie possibilità, come lo sono sempre stato quest’anno, nel mio ruolo di terzo pilota in Red Bull Racing. Farò il massimo, insieme alla Scuderia Toro Rosso, nei prossimi Gran Premi.

Gasly si troverà sicuramente a suo agio a Suzuka data l’esperienza in Super Formula, rimane il fatto che lo aspettano due GP estremamente impegnativi. Con un tempo limitato a bordo di una F1, le prossime settimane saranno un importante banco di prova nella sua carriera.

  •   
  •  
  •  
  •